Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » L’estate calda dei server. I data center e il problema dell’energia:

L’estate calda dei server. I data center e il problema dell’energia

luglio 10, 2015 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

In questi giorni roventi provate a toccare il vostro computer alla fine di una giornata di lavoro e sentite quanto scalda. Poi immaginate di moltiplicare quell’emissione di calore per migliaia di volte e avrete una vaga idea di quanta energia consumano i data center per raffreddare i server.

I più esperti di questo settore hanno incominciato a trasferire i server nei luoghi freddi della Terra, dal Canada all’Islanda alla Siberia - dove l’oligarca russo Oleg Deripaska sta progettando una catena di strutture che possano beneficiare di bassi costi di gestione e servire anche il mercato cinese. Un’altra tecnica punta all’ottimizzazione dei flussi di circolazione dell’aria calda e fredda. Altre innovazioni cercano, infine, di rendere efficienti le macchine e approvvigionarsi tramite fonti di energia rinnovabile. L’energia è sicuramente la voce di costo numero uno per questi providers e ridurre o ottimizzare i consumi significa diventare più competitivi sul mercato mondiale, abbassando i prezzi dei servizi al pubblico, come il cloud o l’hosting.

Uno dei leader internazionali del web hosting, la multinazionale tedesca 1and1,  fin dall’inaugurazione dei propri server, punta su alimentatori ad alta efficienza, con meno del 20% di perdite di calore. L’azienda ha anche lavorato sulla razionalizzazione delle macchine, evitando qualsiasi componente inutile all’interno dei server, secondo la logica: meno pezzi, meno consumi, meno manutenzione. Risultato: 30.000 tonnellate di CO2 in meno all’anno.

Secondo le stime della società americana Gartner, internet inquina, in generale, quanto l’intero settore dell’aviazione civile mondiale! Il cosiddetto green hosting sta, per questo questo motivo, prendendo piede anche tra gli operatori più piccoli. Da chi ne fa una bandiera prevalentemente di marketing, a chi lavora più concretamente sulla qualità ambientale della fornitura di energia. Tuttavia anche colossi come Google e Facebook, per poter preservare l’immagine di compagnie smart e innovative, hanno dovuto intraprendere, negli ultimi anni, iniziative di sostenibilità ambientale ad ampio raggio. Il gigante dei social networks ha annunciato, proprio nei giorni scorsi, che investirà 500 milioni di dollari nella costruzione di un nuovo data center a Fort Worth, in Texas, alimentato da 200 megawatt di energia verde provenienti da un campo eolico di 17.000 ettari. Mentre Google è riuscita a piazzarsi in buona posizione, nel recente report Greenpeace Green Brands, grazie al 48% di energia proveniente da fonti rinnovabili e ad una strategia generale basata sull’efficienza energetica che ha portato i propri server a consumare mediamente la metà dell’energia dei normali data center.

Redazione Greenews.info



Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende