Home » Comunicati Stampa »Progetti » Il progetto Life Coornata riporta in Italia il camoscio appenninico:

Il progetto Life Coornata riporta in Italia il camoscio appenninico

settembre 30, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

A quattro anni dall’avvio, si conclude con successo il progetto sul camoscio appenninico Life Coornata, co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito dello strumento Life+. Sono circa 2000, infatti, gli esemplari di camoscio appenninico presenti oggi nei parchi nazionali d’Abruzzo Lazio e Molise, del Gran Sasso Monti della Laga, della Majella, dei Monti Sibillini e in quello regionale del Sirente Velino, le 5 aree protette coinvolte, insieme a Legambiente, nel progetto che aveva obiettivo la realizzazione di azioni concrete di conservazione a lungo termine per la salvaguardia della Rupicapra pyrenaica ornata. Questo il nome scientifico del camoscio appenninico, una sottospecie endemica per l’Italia – che si trova cioè esclusivamente nel nostro Paese – di cui all’inizio del 900 sopravvivevano poco più di 30 esemplari nell’area che poi sarebbe diventata il Parco Nazionale d’Abruzzo. Un numero troppo esiguo per garantire la sopravvivenza di questo animale, senza interventi di tutela e ripopolamento.

Il Parco d’Abruzzo è stato l’unica roccaforte degli ultimi camosci appenninici fino alla fine degli anni ’80, finché non è stata avviata la creazione di nuove colonie sulla Majella, sul Gran Sasso e sui Monti Sibillini. Il progetto Life Coornata mirava ad effettuare una gestione coordinata delle popolazioni presenti nei diversi Parchi centro appenninici. Per fare il punto sulla conclusione del progetto, il 1 e il 2 ottobre, presso il Parco della Majella (ente coordinatore del progetto) si recheranno Ioana Cazan e Thomas Foersch, rispettivamente desk officer tecnico e finanziario della Commissione Europea e Iva Rossi del gruppo esterno di monitoraggio.

“Life Coornata – dice Antonio Nicoletti, responsabile Aree protette di Legambiente – è un’esperienza che può essere considerata, anche, un caso esemplare di successo della ricerca Made in Italy nei Parchi, dove sono state sperimentate  tecniche innovative di cattura e rilascio, alcune delle quali mai usate prima su questa specie come  la up-net. Un dispositivo per catture collettive degli esemplari, che ha il vantaggio, rispetto alla tele-anestesia di singoli individui,  di poter trasferire un certo numero di animali simultaneamente, una condizione assai favorevole per le reintroduzioni in nuove aree di animali che vivono in gruppo”.

“Cattura, marcatura, analisi e rilascio degli animali sono alcune delle azioni concrete svolte nell’ambito del progetto – afferma Franco Mari, project manager del Life Coornata –  Operazioni di prelievo di esemplari sono peraltro tuttora in corso nei Parchi Nazionali della Majella e del Gran Sasso Monti della Laga per consolidare la giovane colonia del Sirente Velino. La creazione di una quinta colonia sul Sirente Velino, ai fini della conservazione della specie, è stata infatti un punto caratterizzante del progetto. Qui, l’introduzione dei primi animali è avvenuta nell’estate 2013 ed è andata molto bene, per poi proseguire con apporti provenienti sia dal parco della Majella, sia dal parco del Gran Sasso e sia dalla giovane colonia dei Monti Sibillini”.

Sulla Majella è stato ormai abbondantemente superato il totale di 1.000 esemplari, ad oggi la più grande popolazione di camosci appenninici al mondo. In salute anche la popolazione del Gran Sasso che si assesta abbondantemente oltre i 600 esemplari.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende