Home » Comunicati Stampa » Come sceglie il consumatore di energia? Lo rivela l’indagine IBM:

Come sceglie il consumatore di energia? Lo rivela l’indagine IBM

settembre 5, 2011 Comunicati Stampa

IBM ha reso noti i risultati della “2011 IBM Global Utility Consumer Survey, la ricerca che ha evidenziato come molti consumatori, in tutto il mondo, non conoscano l’unità di base utilizzata per stabilire il prezzo dell’energia elettrica o altri principi utilizzati dai fornitori di energia.

IBM ha intervistato oltre 10.000 persone, in 15 paesi diversi, per esplorare i desideri e le necessità dei consumatori di energia in tutto il mondo. I risultati mostrano un divario importante tra ciò che i consumatori attualmente conoscono e ciò che dovrebbero sapere per ridurre i propri consumi energetici e beneficiare di iniziative più smart. Oltre il 30 percento degli intervistati, per esempio, non ha mai sentito parlare dell’espressione “euro per kWh” e più del 60 percento non è a conoscenza dell’esistenza delle smart grid (le nuove reti di distribuzione intelligenti) o dei contatori intelligenti.

Il sondaggio ha inoltre rivelato che la conoscenza è legata strettamente alla disponibilità delle persone ad accettare il cambiamento e le nuove inziative energetiche. Infatti, il 61% delle persone che ha mostrato una conoscenza approfondita della tematica energetica ha considerato in modo positivo le attività in corso su contatori intelligenti e smart grid, rispetto a solo il 43 percento di coloro che possiedono una conoscenza minima.

“Ci sono stati notevoli progressi, grazie a nuove tecnologie dedicate al risparmio energetico, nuovi programmi e incentivi, ma in molti casi il mercato presenta tra i consumatori più confusione del previsto“, ha dichiarato Michael Valocchi, Vice President, Global Energy & Utilities Industry leader di IBM Global Business Services. “L’indagine di quest’anno evidenzia il bisogno e l’opportunità di tornare ai concetti base per ‘educare’ i consumatori, utilizzando termini che essi possano comprendere, nonché leve comportamentali e canali già in uso. Le persone dimostrano la volontà di risparmiare energia, dobbiamo solo riuscire a spiegare loro il modo più efficace per farlo“.

Le percezioni, le aspettative e l’influenza dei consumatori di energia sono cambiate negli ultimi quattro anni. Nonostante gli sforzi delle utility e di altri operatori del settore per creare strumenti di risparmio energetico facili per il consumatore, molti di essi non possiedono ancora adeguate informazioni o adeguati incentivi per compiere le scelte energetiche più efficaci.

Alcuni dei principali risultati della survey trovano ulteriore rilevanza se combinati con gli sforzi compiuti da IBM in questo ambito. L’anno scorso, infatti, gli esperti IBM del settore, insieme ad esperti universitari in materia di processi decisionali dei consumatori, hanno individuato diversi fattori chiave relativi all’utilizzo dell’energia elettrica. Esaminando il consumo energetico attraverso la lente dell’economia comportamentale, le utility possono ottenere una comprensione più efficace dei pensieri dei consumatori, delle loro motivazioni, delle loro idee errate e delle leve per indurre il cambiamento. Tra questi fattori comportamentali troviamo:

Motivazione Alternativa: gli incentivi finanziari non sono gli unici fattori che incoraggiano i consumatori a ridurre il proprio consumo energetico. In effetti, in base all’indagine, il denaro non domina più il processo decisionale come accadeva anni fa. Al contrario, i consumatori più giovani oggi stanno valutando determinate scelte basandole sull’impatto ambientale, mentre le persone oltre i 55 anni hanno indicato la situazione economica nazionale come motivazione chiave per modificare il proprio comportamento. Il primo passo verso l’attivazione di un cambiamento comportamentale è riconoscere che i consumatori non sono semplicemente mossi da leve economiche, ma da possibili vantaggi quali la comodità, la sostenibilità e le prospettive economiche della propria nazione, quando prendono decisioni sui consumi energetici.

Disponibilità delle informazioni: il modo in cui una scelta viene presentata e proposta può fare una grande differenza. Per esempio, offrire troppe opzioni a volte può essere dannoso. Anche se in teoria la possibilità di avere più opzioni dovrebbe essere un plus, la complessità che ne deriva può demotivare i consumatori. Questo risultato è coerente con quanto rilevato dall’indagine IBM, che ha mostrato che i consumatori sotto i 25 anni sono inclini a seguire l’esempio degli altri piuttosto che scegliere per conto proprio tra le diverse opzioni, essendo due volte e mezzo più probabile che facciano affidamento sulla propria rete di conoscenze personali come principale fonte di informazioni rispetto a quelli con più di 55 anni. Presentando le opzioni in modo bilanciato, le utility possono contribuire a ridurre la necessità di dover prendere decisioni complesse e dispendiose in termini di tempo, che possono ostacolare il desiderio del consumatore di compiere scelte indipendenti relativamente al proprio consumo energetico.

Driver sociali: un altro approccio per ottenere una più ampia adozione di forme di energia più intelligenti è quello di attingere all’intrinseca natura sociale delle persone. Le persone fanno affidamento sull’influenza sociale o sul comportamento degli altri per determinare il modo giusto per agire, in molte situazioni. Questa leva sociale è alla base dell’introduzione di nuovi programmi, quali i portali di consumatori, che consentono di vedere e confrontare i propri consumi con benchmark dinamici desunti dai consumi di clienti di analoghe caratteristiche. Questo approccio dimostra che i confronti sociali sono spesso una delle leve di persuasione più potenti.

Attraverso la comprensione della psicologia umana relativa alle scelte e ai processi decisionali, il settore è in grado di identificare le barriere più importanti che inibiscono il cambiamento, di scoprire le opportunità di miglioramento, di adottare nuovi metodi di comunicazione e progettare programmi che siano in linea con le esigenze dei consumatori.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende