Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » L’Italia dei Comuni Virtuosi: primo premio alle pratiche ambientali di Marano Vicentino:

L’Italia dei Comuni Virtuosi: primo premio alle pratiche ambientali di Marano Vicentino

Sabato 17 dicembre si è svolta nella sala consiliare del Municipio di Parma la cerimonia del Premio Comuni Virtuosi, promosso dall’Associazione Comuni Virtuosi con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, giunto alla decima edizione.

«Oggi abbiamo ascoltato belle storie di comunità – ha commentato il Presidente dell’Associazione, Bengasi Battisti – raccontate da belle persone che svolgono il ruolo di amministratori con sobrietà, rigore, entusiasmo e passione. Storie di giuste rivendicazioni, di giustizia e di buone pratiche condivise e partecipate. C’è una bella Italia che prevarrà sulla politica degli interessi che sottrae diritti e limita la democrazia. Nella sala consiliare di Parma abbiamo respirato profondamente per ossigenarci».

Il comune vincitore assoluto di quest’anno, Marano Vicentino (VI), si è presentato con una nutrita delegazione di cittadini, a dimostrazione che le buone pratiche messe in campo dal comune sono state condivise e partecipate dalla comunità. Erano presenti all’iniziativa, che ha visto la partecipazione del sindaco di Parma Federico Pizzarotti – insieme agli assessori Michele Alinovi e Gabriele Folli – i sindaci e gli amministratori locali degli altri comuni selezionati dalla giuria quali vincitori di categoria: Scontrone (AQ) per la gestione del territorio; Artegna (UD) per l’impronta ecologica; Maranello (MO) per i rifiuti; Desenzano del Garda (BS) e Trento per la mobilità sostenibile; Curno (BG) per i nuovi stili di vita.

«I progetti che si stanno realizzando nel nostro Comune e che abbiamo raccontato non vogliono essere fini a se stessi: c’è un filo rosso che li unisce tra di loro e, soprattutto, crea un legame con tutta la comunità - ha commentato il sindaco di Marano Vicentino, Piera Moro – Stiamo lavorando nel concreto per prenderci cura della sostenibilità del territorio, privilegiando interventi partecipativi che riducano lo spreco di suolo, valorizzino le aree verdi, il riciclo e riutilizzo delle materie prime e l’uso dell’energia solare. Ma c’è un’altra forma di energia che è quella della comunità: particelle messe in movimento dall’impegno di ciascun cittadino, la cui forza si libera stando insieme. In questo senso, Marano sta costruendo una comunità dove i cittadini possano dire la loro e creare azioni comuni per il territorio. Per questo il premio va a tutta la comunità: è un premio per i cittadini. L’amministrazione ha semplicemente messo insieme i frutti venuti dalla partecipazione e dalla sensibilità della cittadinanza».

Sulla destinazione del premio di 2.500 euro, il sindaco aggiunge: «Abbiamo deciso di destinare 1.000 euro del premio alle comunità colpite dal terremoto del Centro Italia, con le quali stiamo cooperando per sostenere un progetto di microeconomia locale. Altrettanti saranno dati alle scuole di Marano, per progetti di formazione sulla sostenibilità, e altri 500 euro andranno a un bando per gli studenti che vogliono fare una tesi sulla sostenibilità del nostro paese nel prossimo futuro».

Molto spazio tra le buone pratiche illustrate durante la giornata hanno avuto la tutela del territorio e il terremoto. La rinaturalizzazione del fiume Sangro avvenuta a Scontrone e la forte attenzione alla riduzione del consumo di suolo di Artegna sono la dimostrazione che può e deve esistere una politica della prevenzione e della messa in sicurezza del territorio. «È importante ricordare che nel 1976 Artegna è stata completamente distrutta dal sisma che ha colpito il Friuli – ha commentato Andrea Romanini, assessore - questo premio vuole essere un messaggio di speranza alle popolazioni che oggi soffrono la stessa pena. Artegna è la prova che grazie a una comunità unita e ad amministratori lungimiranti un paese può rinascere mantenendo la propria identità, in equilibrio con l’ambiente unico che lo caratterizza, per offrire un futuro ricco di opportunità alle generazioni che verranno».

La giuria ha voluto premiare in questa edizione progetti concreti e, al tempo stesso, innovativi, come nel caso delle Family Bag per ridurre al minimo gli sprechi alimentari nelle mense scolastiche di Maranello, e la versione 3.0 del Piedibus di Trento. «Siamo convinti che promuovere nuovi stili di vita attraverso azioni che richiedono la partecipazione attiva dei cittadini – ha dichiarato Massimiliano Morini, il sindaco di Maranello - in questo caso dei “piccoli maranellesi”, sia la strada migliore per prepararci ad un futuro più sostenibile».

Molti comuni, degli 82 finalisti, hanno presentato più progetti in tutte le categorie, dimostrando una precisa visione legata alla sostenibilità quale paradigma attraverso cui declinare tutte le politiche di un territorio. «Aderire all’associazione e partecipare a questo premio è già motivo di orgoglio – ha commentato l’assessore Maurizio Maffi – perché significa essere tra i comuni all’avanguardia in Italia nelle buone pratiche ambientali. Vincere è stata un’ulteriore, grande soddisfazione per la nostra comunità. Aver presentato progetti su tutti e cinque i temi proposti significa che Desenzano ha molto da dire sulla gestione del territorio, l’efficienza energetica, la riduzione dei rifiuti, la mobilità sostenibile e i nuovi stili di vita».

Partendo dall’emergenza rifiuti e da una visione insostenibile condizionata dallo spreco e dall’usa e getta, la scelta di Curno è stata invece quella di provare ad invertire la rotta con l’apertura di un centro per il riuso, intitolato “La miniera: chi cerca trova”. «L’attività del centro per il riutilizzo ha l’obiettivo di diminuire i rifiuti ingombranti e di allungare la vita degli oggetti. Un cambiamento culturale necessario – commenta Perlita Serra, la sindaco - Oltre alla valenza ambientale, il progetto ha una forte valenza sociale: si sostiene grazie al lavoro di una ventina di volontari che, in otto mesi, hanno messo a disposizione circa 1.200 ore di lavoro volontario, consente l’inserimento lavorativo di due giovani con fragilità, integra tra i volontari dei giovani adulti con disabilità e i quattro richiedenti asilo ospitati in paese. La Miniera è diventata in pochi mesi un laboratorio di collaborazione e di cooperazione, che si arricchisce delle idee e degli apporti delle persone che vi lavorano».

Alla cerimonia hanno partecipato e sono intervenuti anche gli amministratori di alcuni comuni finalisti: Lago (CS), Isola delle Femmine (PA), Volterra (PI), Boltiere (BG). Ai vincitori sono state donate targhe speciali in vetro, frutto del lavoro artigiano della vetreria Fratelli Tomanin del comune virtuoso di San Bellino (RO).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende