Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » L’Italia dei Comuni Virtuosi: primo premio alle pratiche ambientali di Marano Vicentino:

L’Italia dei Comuni Virtuosi: primo premio alle pratiche ambientali di Marano Vicentino

Sabato 17 dicembre si è svolta nella sala consiliare del Municipio di Parma la cerimonia del Premio Comuni Virtuosi, promosso dall’Associazione Comuni Virtuosi con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, giunto alla decima edizione.

«Oggi abbiamo ascoltato belle storie di comunità – ha commentato il Presidente dell’Associazione, Bengasi Battisti – raccontate da belle persone che svolgono il ruolo di amministratori con sobrietà, rigore, entusiasmo e passione. Storie di giuste rivendicazioni, di giustizia e di buone pratiche condivise e partecipate. C’è una bella Italia che prevarrà sulla politica degli interessi che sottrae diritti e limita la democrazia. Nella sala consiliare di Parma abbiamo respirato profondamente per ossigenarci».

Il comune vincitore assoluto di quest’anno, Marano Vicentino (VI), si è presentato con una nutrita delegazione di cittadini, a dimostrazione che le buone pratiche messe in campo dal comune sono state condivise e partecipate dalla comunità. Erano presenti all’iniziativa, che ha visto la partecipazione del sindaco di Parma Federico Pizzarotti – insieme agli assessori Michele Alinovi e Gabriele Folli – i sindaci e gli amministratori locali degli altri comuni selezionati dalla giuria quali vincitori di categoria: Scontrone (AQ) per la gestione del territorio; Artegna (UD) per l’impronta ecologica; Maranello (MO) per i rifiuti; Desenzano del Garda (BS) e Trento per la mobilità sostenibile; Curno (BG) per i nuovi stili di vita.

«I progetti che si stanno realizzando nel nostro Comune e che abbiamo raccontato non vogliono essere fini a se stessi: c’è un filo rosso che li unisce tra di loro e, soprattutto, crea un legame con tutta la comunità - ha commentato il sindaco di Marano Vicentino, Piera Moro – Stiamo lavorando nel concreto per prenderci cura della sostenibilità del territorio, privilegiando interventi partecipativi che riducano lo spreco di suolo, valorizzino le aree verdi, il riciclo e riutilizzo delle materie prime e l’uso dell’energia solare. Ma c’è un’altra forma di energia che è quella della comunità: particelle messe in movimento dall’impegno di ciascun cittadino, la cui forza si libera stando insieme. In questo senso, Marano sta costruendo una comunità dove i cittadini possano dire la loro e creare azioni comuni per il territorio. Per questo il premio va a tutta la comunità: è un premio per i cittadini. L’amministrazione ha semplicemente messo insieme i frutti venuti dalla partecipazione e dalla sensibilità della cittadinanza».

Sulla destinazione del premio di 2.500 euro, il sindaco aggiunge: «Abbiamo deciso di destinare 1.000 euro del premio alle comunità colpite dal terremoto del Centro Italia, con le quali stiamo cooperando per sostenere un progetto di microeconomia locale. Altrettanti saranno dati alle scuole di Marano, per progetti di formazione sulla sostenibilità, e altri 500 euro andranno a un bando per gli studenti che vogliono fare una tesi sulla sostenibilità del nostro paese nel prossimo futuro».

Molto spazio tra le buone pratiche illustrate durante la giornata hanno avuto la tutela del territorio e il terremoto. La rinaturalizzazione del fiume Sangro avvenuta a Scontrone e la forte attenzione alla riduzione del consumo di suolo di Artegna sono la dimostrazione che può e deve esistere una politica della prevenzione e della messa in sicurezza del territorio. «È importante ricordare che nel 1976 Artegna è stata completamente distrutta dal sisma che ha colpito il Friuli – ha commentato Andrea Romanini, assessore - questo premio vuole essere un messaggio di speranza alle popolazioni che oggi soffrono la stessa pena. Artegna è la prova che grazie a una comunità unita e ad amministratori lungimiranti un paese può rinascere mantenendo la propria identità, in equilibrio con l’ambiente unico che lo caratterizza, per offrire un futuro ricco di opportunità alle generazioni che verranno».

La giuria ha voluto premiare in questa edizione progetti concreti e, al tempo stesso, innovativi, come nel caso delle Family Bag per ridurre al minimo gli sprechi alimentari nelle mense scolastiche di Maranello, e la versione 3.0 del Piedibus di Trento. «Siamo convinti che promuovere nuovi stili di vita attraverso azioni che richiedono la partecipazione attiva dei cittadini – ha dichiarato Massimiliano Morini, il sindaco di Maranello - in questo caso dei “piccoli maranellesi”, sia la strada migliore per prepararci ad un futuro più sostenibile».

Molti comuni, degli 82 finalisti, hanno presentato più progetti in tutte le categorie, dimostrando una precisa visione legata alla sostenibilità quale paradigma attraverso cui declinare tutte le politiche di un territorio. «Aderire all’associazione e partecipare a questo premio è già motivo di orgoglio – ha commentato l’assessore Maurizio Maffi – perché significa essere tra i comuni all’avanguardia in Italia nelle buone pratiche ambientali. Vincere è stata un’ulteriore, grande soddisfazione per la nostra comunità. Aver presentato progetti su tutti e cinque i temi proposti significa che Desenzano ha molto da dire sulla gestione del territorio, l’efficienza energetica, la riduzione dei rifiuti, la mobilità sostenibile e i nuovi stili di vita».

Partendo dall’emergenza rifiuti e da una visione insostenibile condizionata dallo spreco e dall’usa e getta, la scelta di Curno è stata invece quella di provare ad invertire la rotta con l’apertura di un centro per il riuso, intitolato “La miniera: chi cerca trova”. «L’attività del centro per il riutilizzo ha l’obiettivo di diminuire i rifiuti ingombranti e di allungare la vita degli oggetti. Un cambiamento culturale necessario – commenta Perlita Serra, la sindaco - Oltre alla valenza ambientale, il progetto ha una forte valenza sociale: si sostiene grazie al lavoro di una ventina di volontari che, in otto mesi, hanno messo a disposizione circa 1.200 ore di lavoro volontario, consente l’inserimento lavorativo di due giovani con fragilità, integra tra i volontari dei giovani adulti con disabilità e i quattro richiedenti asilo ospitati in paese. La Miniera è diventata in pochi mesi un laboratorio di collaborazione e di cooperazione, che si arricchisce delle idee e degli apporti delle persone che vi lavorano».

Alla cerimonia hanno partecipato e sono intervenuti anche gli amministratori di alcuni comuni finalisti: Lago (CS), Isola delle Femmine (PA), Volterra (PI), Boltiere (BG). Ai vincitori sono state donate targhe speciali in vetro, frutto del lavoro artigiano della vetreria Fratelli Tomanin del comune virtuoso di San Bellino (RO).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende