Home » Comunicati Stampa »Prodotti »Servizi » Livingbox: al MADE 2013 il prototipo certificato ICMQ:

Livingbox: al MADE 2013 il prototipo certificato ICMQ

ottobre 1, 2013 Comunicati Stampa, Prodotti, Servizi

È modulare, prefabbricabile, trasportabile, riciclabile e vanta la certificazione “Make it sustainable”. Si tratta di “Livingbox”, la “smart house” ideata dall’Università di Trento.  Il prototipo energeticamente efficiente sarà visitabile in anteprima assoluta a Smart Village 2013 – la mostra-convegno su architettura sostenibile ed efficienza energetica organizzata da Edilportale e MADE, in collaborazione con Agorà, nell’ambito di MADE Expo, in programma a Milano dal 2 al 5 ottobre.

Livingbox è un’unità modulare prefabbricata, delle dimensioni massime di un container, da montare come unità singola o come aggregazione di più blocchi. La flessibilità è uno dei principali requisiti. Il modulo abitativo presenta un impianto versatile che consente una destinazione d’uso sia residenziale che ricettiva. Nel primo caso si tratta di una abitazione dai 45 agli 80 metri quadrati, dotata di blocco fisso per cucina-bagno e di una superficie polifunzionale modificabile. In alternativa può essere organizzato  come camera d’albergo, munito di accesso di 4,5 metri quadrati, camera di 18 metri quadrati, bagno con antibagno e spazio polifunzionale. La sovrapposizione o l’abbinamento di più moduli può dare origine anche ad una struttura residenziale o ricettiva pluripiano.

Disegnato da due gusci accoppiabili, ciascuno dall’ingombro di 2,5 x 10 metri, Livingbox è agevolmente trasportabile a mezzo di un autoarticolato. I tempi di realizzazione del modulo sono stati minimizzati e calibrati in un’ottica di sostenibilità, ricorrendo in misura ridotta ad energia esterna per l’assemblaggio del modulo, che avviene quasi completamente a secco.

Livingbox è inoltre concepito per essere riciclabile ed energeticamente efficiente. La struttura, composta da pannelli portanti di legno di abete a strati incrociati (XLAM) di 90 millimetri di spessore consente di limitare le emissioni di CO2 sia in fase di montaggio, sia nelle fasi di gestione e dismissione.

Il sistema ventilato di rivestimento del tetto Roofingreen NATURE, di grande impatto estetico, è ottenuto dall’assemblaggio di una serie di moduli la cui superficie verde è solidarizzata a uno strato di materiale isolante in XPE, di spessore variabile in base alla prestazione termico-acustica ricercata. Livingbox può essere alimentato da pannelli solari termici, fotovoltaici o sistemi cogenerativi e di minieolico; dotato di sistema di riscaldamento e raffreddamento a pompa di calore con scambio aria-acqua, nonché di soluzioni progettuali che ne ottimizzino l’autonomia energetica, come brise-soleil o aperture a sud per ottimizzare l’apporto di radiazione solare.

I promotori del progetto hanno scelto di valorizzare rispettivamente il concept e le attività di coordinamento e di gestione di Livingbox, ricorrendo alla certificazione di sostenibilità “Make it Sustainable” creata da ICMQ (organismo di certificazione nel mercato delle costruzioni), che valorizza specifici prodotti, servizi o cantieri ideati, realizzati e gestiti secondo i principi di sostenibilità.

“Make it sustainable”, in sintesi, verifica la coerenza tra ciò che un’organizzazione realizza e i principi di sostenibilità enunciati sulla carta. Ciò avviene attraverso un approccio innovativo che utilizza riferimenti internazionali quali En ISO 26000, En ISO 9004, En ISO 14004, En ISO 14040 (LCA), LEED e GRI (Global Reporting Initiative).

Nel caso di Livingbox sono state oggetto di verifica cinque fasi principali: pianificazione, progettazione, realizzazione (fornitura materiali, montaggio), promozione e comunicazione.

La valutazione è avvenuta verificando il livello di implementazione dei requisiti, con una soglia minima – definita “percentuale di conformità” – che attesta il bilanciamento tra gli aspetti sociali, economici e ambientali. In particolare i primi requisiti verificati sono stati quelli definiti “Core”, cioè gli elementi minimi che devono essere gestiti dall’organizzazione affinché essa possa concorrere all’ottenimento della certificazione.

Il processo di certificazione non ha richiesto, da parte delle organizzazioni coinvolte, l’elaborazione di procedure o documenti ad hoc e non ha imposto predefiniti parametri numerici relativamente alle caratteristiche dei prodotti e dei processi.  L’approccio pragmatico di “Make it sustainable” infatti, volto a valorizzare ciò che l’organizzazione realizza senza appesantimenti burocratici, ha permesso di svolgere le attività “in tempo reale” ricercando le evidenze dell’applicazione della strategia di sostenibilità attraverso i documenti di lavoro e lo svolgersi delle attività stesse. “Make it Sustainable”, non intende dunque indirizzare il mercato verso un prodotto piuttosto che un altro, ma valorizzare le scelte coerenti ai principi di sostenibilità intraprese rispetto ad una specifica attività. Scelte che debbono garantire una valutazione equa tra aspetti economici, ambientali e sociali. Una prospettiva che ICMQ presenterà al MADE, tra il 2 e il 5 ottobre, dove sarà presente con un proprio stand (T12) nel Padiglione 4 dello Smart Village.

Numerosi i brand che hanno collaborato alla realizzazione del prototipo in esposizione: Velux, Rockwool, Knauf, RoofingreenEdilana, AGB, Faraone, Internorm, Prefa e Rothoblaas per l’involucro esterno; Olimpia Splendid, Bticino e Geberit per gli impianti; DEMODE engineered by Valcucine, CLEI, Duravit, Newform, OIKOS, Ermetika, Knauf, Hafro, Laterlite e Garbelotto per gli interni.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende