Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Materia rinnovabile: a Ecomondo i dati sull’economia circolare. 400 miliardi di risparmi al 2025:

Materia rinnovabile: a Ecomondo i dati sull’economia circolare. 400 miliardi di risparmi al 2025

Guardare ai rifiuti non come a un problema ma come a una risorsa, non un costo per la collettività ma un vantaggio comune, un’opportunità economica e occupazionale, una prospettiva concreta per l’economia di domani. Qualche dato aiuta a comprendere lo scenario. Oggi circa il 90% del fatturato dell’industria europea è basato su un modello economico lineare: take, make, waste vale a dire prendi, produci, usa e getta. Un modello insostenibile, tanto più se pensiamo che dal 1980 l’estrazione e il consumo di risorse naturali è raddoppiato passando da 12 miliardi di tonnellate alle attuali 22 miliardi di tonnellate. E le cose non sono diverse a livello mondiale: da 38 miliardi di tonnellate del 1980 si è passati ai 68 miliardi del 2008.

 

Secondo stime della Commissione europea, in un modello economico circolare, il risparmio di materie prime per l’industria europea nel 2025 potrebbe essere almeno del 14% a parità di output, una percentuale equivalente a circa 400 miliardi di euro; mentre per quella italiana potrebbe essere pari a 12 miliardi di euro.

Di rifiuti – e soprattutto di economia dei rifiuti – si è parlato oggi a Ecomondo a Rimini nel corso del Convegno “La nuova economia dei rifiuti. Soluzioni industriali e prospettive verso l’economia circolare”, organizzato da Materia Rinnovabile – Edizioni Ambiente, in occasione del primo anniversario della rivista sull’economia circolare – il lancio avvenne esattamente un anno fa sempre a Ecomondo.

Il Convegno, organizzato in collaborazione con il Comitato Tecnico Scientifico di Ecomondo  e il GdL “Materiali, rifiuti ed economia circolare”, punta i riflettori sui meccanismi che possono trasformare i rifiuti in driver di sviluppo economico, attivando un cambiamento sostanziale nel rapporto tra materie prime e produzione industriale.

“Il dato di partenza è semplice” commenta Roberto Coizet, Presidente Edizione Ambiente. “Negli ultimi dieci anni è avvenuto che alcune tipologie di rifiuti presentino un valore di mercato superiore al loro costo di raccolta e gestione. In molti casi, dopo aver pagato le spese di deposito, raccolta, trasporto, trattamento, recupero, quelle relative alla conformità normativa, ai controlli e alle eventuali certificazioni, si verifica che il materiale finale può ancora essere venduto con interessanti margini di profitto. In questi casi i rifiuti hanno un rovesciamento di ruolo. La loro gestione non è solo una necessità della collettività, ma un’attività che sta in piedi da sola, in grado di sostenere la propria filiera industriale e di alimentare le esigenze di materie prime delle industrie più innovative.”

Oggi solo il 40% dei rifiuti prodotti in Europa – e limitatamente ad alcuni flussi – viene raccolto e avviato al riutilizzo, al riciclo al recupero energetico o al compostaggio. Molti rifiuti sfuggono al controllo e finiscono all’estero per essere valorizzati e spesso, anche quando si attuano operazioni di riciclo e recupero, le materie prime subiscono un downgrading rispetto a quanto oggi si potrebbe ottenere con le migliori tecnologie disponibili.

All’incontro sono intervenuti anche Mariano Grillo, Direttore Generale Rifiuti del Ministero dell’Ambiente; Danilo Bonato, Membro del Comitato di Alto Livello Materie Prime della Commissione Europea – DG Industria; James Philip, Working Party on bio, nano and converging Technology BNCI dell’OECD; Fabio Iraldo, Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant’Anna Istituto di Management – Gruppo SuM (Sustainability Management); Filippo Brandolini, Presidente Hera Ambiente, Vice President Uitilitalia.

Materia Rinnovabile / Renewable Matter, il free magazine a cura di Edizioni Ambiente, è la prima rivista internazionale (in italiano e inglese) interamente dedicata alla bioeconomia e all’economia circolare disponibile on line (download gratuito in pdf e epub) e in versione cartacea.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende