Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Materia rinnovabile: a Ecomondo i dati sull’economia circolare. 400 miliardi di risparmi al 2025:

Materia rinnovabile: a Ecomondo i dati sull’economia circolare. 400 miliardi di risparmi al 2025

Guardare ai rifiuti non come a un problema ma come a una risorsa, non un costo per la collettività ma un vantaggio comune, un’opportunità economica e occupazionale, una prospettiva concreta per l’economia di domani. Qualche dato aiuta a comprendere lo scenario. Oggi circa il 90% del fatturato dell’industria europea è basato su un modello economico lineare: take, make, waste vale a dire prendi, produci, usa e getta. Un modello insostenibile, tanto più se pensiamo che dal 1980 l’estrazione e il consumo di risorse naturali è raddoppiato passando da 12 miliardi di tonnellate alle attuali 22 miliardi di tonnellate. E le cose non sono diverse a livello mondiale: da 38 miliardi di tonnellate del 1980 si è passati ai 68 miliardi del 2008.

 

Secondo stime della Commissione europea, in un modello economico circolare, il risparmio di materie prime per l’industria europea nel 2025 potrebbe essere almeno del 14% a parità di output, una percentuale equivalente a circa 400 miliardi di euro; mentre per quella italiana potrebbe essere pari a 12 miliardi di euro.

Di rifiuti – e soprattutto di economia dei rifiuti – si è parlato oggi a Ecomondo a Rimini nel corso del Convegno “La nuova economia dei rifiuti. Soluzioni industriali e prospettive verso l’economia circolare”, organizzato da Materia Rinnovabile – Edizioni Ambiente, in occasione del primo anniversario della rivista sull’economia circolare – il lancio avvenne esattamente un anno fa sempre a Ecomondo.

Il Convegno, organizzato in collaborazione con il Comitato Tecnico Scientifico di Ecomondo  e il GdL “Materiali, rifiuti ed economia circolare”, punta i riflettori sui meccanismi che possono trasformare i rifiuti in driver di sviluppo economico, attivando un cambiamento sostanziale nel rapporto tra materie prime e produzione industriale.

“Il dato di partenza è semplice” commenta Roberto Coizet, Presidente Edizione Ambiente. “Negli ultimi dieci anni è avvenuto che alcune tipologie di rifiuti presentino un valore di mercato superiore al loro costo di raccolta e gestione. In molti casi, dopo aver pagato le spese di deposito, raccolta, trasporto, trattamento, recupero, quelle relative alla conformità normativa, ai controlli e alle eventuali certificazioni, si verifica che il materiale finale può ancora essere venduto con interessanti margini di profitto. In questi casi i rifiuti hanno un rovesciamento di ruolo. La loro gestione non è solo una necessità della collettività, ma un’attività che sta in piedi da sola, in grado di sostenere la propria filiera industriale e di alimentare le esigenze di materie prime delle industrie più innovative.”

Oggi solo il 40% dei rifiuti prodotti in Europa – e limitatamente ad alcuni flussi – viene raccolto e avviato al riutilizzo, al riciclo al recupero energetico o al compostaggio. Molti rifiuti sfuggono al controllo e finiscono all’estero per essere valorizzati e spesso, anche quando si attuano operazioni di riciclo e recupero, le materie prime subiscono un downgrading rispetto a quanto oggi si potrebbe ottenere con le migliori tecnologie disponibili.

All’incontro sono intervenuti anche Mariano Grillo, Direttore Generale Rifiuti del Ministero dell’Ambiente; Danilo Bonato, Membro del Comitato di Alto Livello Materie Prime della Commissione Europea – DG Industria; James Philip, Working Party on bio, nano and converging Technology BNCI dell’OECD; Fabio Iraldo, Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant’Anna Istituto di Management – Gruppo SuM (Sustainability Management); Filippo Brandolini, Presidente Hera Ambiente, Vice President Uitilitalia.

Materia Rinnovabile / Renewable Matter, il free magazine a cura di Edizioni Ambiente, è la prima rivista internazionale (in italiano e inglese) interamente dedicata alla bioeconomia e all’economia circolare disponibile on line (download gratuito in pdf e epub) e in versione cartacea.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende