Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Materia rinnovabile: a Ecomondo i dati sull’economia circolare. 400 miliardi di risparmi al 2025:

Materia rinnovabile: a Ecomondo i dati sull’economia circolare. 400 miliardi di risparmi al 2025

Guardare ai rifiuti non come a un problema ma come a una risorsa, non un costo per la collettività ma un vantaggio comune, un’opportunità economica e occupazionale, una prospettiva concreta per l’economia di domani. Qualche dato aiuta a comprendere lo scenario. Oggi circa il 90% del fatturato dell’industria europea è basato su un modello economico lineare: take, make, waste vale a dire prendi, produci, usa e getta. Un modello insostenibile, tanto più se pensiamo che dal 1980 l’estrazione e il consumo di risorse naturali è raddoppiato passando da 12 miliardi di tonnellate alle attuali 22 miliardi di tonnellate. E le cose non sono diverse a livello mondiale: da 38 miliardi di tonnellate del 1980 si è passati ai 68 miliardi del 2008.

 

Secondo stime della Commissione europea, in un modello economico circolare, il risparmio di materie prime per l’industria europea nel 2025 potrebbe essere almeno del 14% a parità di output, una percentuale equivalente a circa 400 miliardi di euro; mentre per quella italiana potrebbe essere pari a 12 miliardi di euro.

Di rifiuti – e soprattutto di economia dei rifiuti – si è parlato oggi a Ecomondo a Rimini nel corso del Convegno “La nuova economia dei rifiuti. Soluzioni industriali e prospettive verso l’economia circolare”, organizzato da Materia Rinnovabile – Edizioni Ambiente, in occasione del primo anniversario della rivista sull’economia circolare – il lancio avvenne esattamente un anno fa sempre a Ecomondo.

Il Convegno, organizzato in collaborazione con il Comitato Tecnico Scientifico di Ecomondo  e il GdL “Materiali, rifiuti ed economia circolare”, punta i riflettori sui meccanismi che possono trasformare i rifiuti in driver di sviluppo economico, attivando un cambiamento sostanziale nel rapporto tra materie prime e produzione industriale.

“Il dato di partenza è semplice” commenta Roberto Coizet, Presidente Edizione Ambiente. “Negli ultimi dieci anni è avvenuto che alcune tipologie di rifiuti presentino un valore di mercato superiore al loro costo di raccolta e gestione. In molti casi, dopo aver pagato le spese di deposito, raccolta, trasporto, trattamento, recupero, quelle relative alla conformità normativa, ai controlli e alle eventuali certificazioni, si verifica che il materiale finale può ancora essere venduto con interessanti margini di profitto. In questi casi i rifiuti hanno un rovesciamento di ruolo. La loro gestione non è solo una necessità della collettività, ma un’attività che sta in piedi da sola, in grado di sostenere la propria filiera industriale e di alimentare le esigenze di materie prime delle industrie più innovative.”

Oggi solo il 40% dei rifiuti prodotti in Europa – e limitatamente ad alcuni flussi – viene raccolto e avviato al riutilizzo, al riciclo al recupero energetico o al compostaggio. Molti rifiuti sfuggono al controllo e finiscono all’estero per essere valorizzati e spesso, anche quando si attuano operazioni di riciclo e recupero, le materie prime subiscono un downgrading rispetto a quanto oggi si potrebbe ottenere con le migliori tecnologie disponibili.

All’incontro sono intervenuti anche Mariano Grillo, Direttore Generale Rifiuti del Ministero dell’Ambiente; Danilo Bonato, Membro del Comitato di Alto Livello Materie Prime della Commissione Europea – DG Industria; James Philip, Working Party on bio, nano and converging Technology BNCI dell’OECD; Fabio Iraldo, Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant’Anna Istituto di Management – Gruppo SuM (Sustainability Management); Filippo Brandolini, Presidente Hera Ambiente, Vice President Uitilitalia.

Materia Rinnovabile / Renewable Matter, il free magazine a cura di Edizioni Ambiente, è la prima rivista internazionale (in italiano e inglese) interamente dedicata alla bioeconomia e all’economia circolare disponibile on line (download gratuito in pdf e epub) e in versione cartacea.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende