Home » Comunicati Stampa »Progetti » Meno emissioni e più salute: stufe efficienti per 7.500 famiglie di Maputo:

Meno emissioni e più salute: stufe efficienti per 7.500 famiglie di Maputo

giugno 9, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Cloros, società italiana specializzata in servizi alle aziende dedicati alla sostenibilità, presenta il progetto Improvement Cooking Stoves in Maputo, realizzato con il contributo tecnico della sua partecipata Carbon Sink, spin-off dell’Università degli Studi di Firenze. Questa iniziativa, resa possibile grazie alla collaborazione con la ONG AVSI, prevede la distribuzione di 15.000 sistemi  di cottura efficienti a 7.500 famiglie che vivono in due quartieri di Maputo, in Mozambico. La durata complessiva del progetto, iniziato a gennaio di quest’anno, sarà di 7 anni.

Le popolazioni locali usano attualmente sistemi altamente inefficienti che bruciano carbone per la cottura dei cibi. I nuovi piani di cottura utilizzeranno la metà del carbone a parità di cibo preparato. La finalità dell’iniziativa, che esprime anche la mission di Cloros nello sviluppo di percorsi di sostenibilità integrata (ossia che abbiano valenza in termini ambientali, sociali ed economici), è quello di migliorare le condizioni di vita e di salute della popolazione locale, riducendo le emissioni di CO2 provocate dalla combustione di carbone e diminuendo al contempo le morti per avvelenamento di gas tossici e incendi, tra le prime cause di decesso per le donne nel paese.

Grazie all’utilizzo di questa tecnologia, infatti, sarà possibile ridurre fino al 50% il consumo di biomassa usata per cucinare, eliminando l’immissione in atmosfera di circa 3 tonnellate di anidride carbonica all’anno per ogni famiglia. In termini economici, questo si traduce in circa 190 dollari di risparmio annuo per le famiglie locali nell’acquisto di carbone; ma soprattutto significa una drastica riduzione degli effetti nocivi delle inalazioni dei fumi derivanti dalla combustione del carbone e una diminuzione dei processi di deforestazione e di degradamento forestale grazie al minor bisogno di legna per la produzione di carbone.

Il progetto, sviluppato in sinergia con il team di Carbon Sink, è sia in corso di validazione presso le UNFCCC in ambito Clean Development Mechanism, sia validato secondo il Gold Standard. Questo genere di attestazione permette la generazione di crediti di carbonio certificati, spendibili sul mercato regolato e su quello volontario. “La conformità agli standard internazionali è indispensabile per garantire l’efficacia del progetto – racconta Andrea Maggiani, presidente del CdA di Carbon Sink – La certificazione, infatti, assicura che ogni progetto apporti un reale contributo allo sviluppo sostenibile delle comunità locali. Inoltre, una volta effettuata questa prima fase, sarà virtualmente possibile ripetere l’operazione, diffondendo i sistemi di cottura a risparmio energetico nelle zone povere di tutto il paese”.

La distribuzione dei nuovi sistemi di cottura, che finora ha coinvolto circa 5.000 famiglie, è affidata alla fondazione AVSI, presente in Mozambico dal 2000 e qui impegnata nel settore dell’educazione e del sostegno ai giovani nei quartieri poveri della zona Sud della capitale, Maputo. “Il problema delle emissioni di CO2 è una questione globale, tant’è che le normative e le metodologie di calcolo dei risparmi di gas ad effetto serra sono gestite direttamente dall’ONU, nello specifico dell’UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change) – spiega Riccardo Caliari, ad di Cloros – Utilizzando i meccanismi previsti dal protocollo di Kyoto sviluppiamo progetti per la riduzione della CO2 certificati secondo gli standard internazionali. Sarà DNV a certificare il corretto avvio del progetto e a realizzarne il monitoraggio per tutta la durata. Abbiamo scelto l’Africa principalmente per due motivi: il primo per la tipologia di progetto, che è perfettamente aderente alla nostra strategia di realizzare attività a basso impatto ambientale, sociale ed economico; il secondo perché il Mozambico è uno dei Paesi in cui gli standard internazionali prevedono la realizzazione di progetti di questo tipo. Solo in questo modo possiamo mantenere alto lo standard qualitativo evitando di ricadere nel cosiddetto “greenwashing”, ossia l’atteggiamento di certe aziende che puntano a costruirsi un’immagine “green” e di sostenibilità attraverso azioni che in realtà non sono poi verificate né verificabili.”

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende