Home » Comunicati Stampa »Progetti » METROnomo 2015: un’indagine sulla tracciabilità alimentare:

METROnomo 2015: un’indagine sulla tracciabilità alimentare

ottobre 28, 2015 Comunicati Stampa, Progetti

L’indagine METROnomo creata da METRO Italia Cash and Carry in collaborazione con IEFE Bocconi mette a confronto, nella sua seconda edizione e per la prima volta in Italia, i Professionisti dell’Horeca (bar, ristoranti e hotel) da una parte e i consumatori finali dall’altra, su un tema caldo e tuttavia ancora poco esplorato: la tracciabilità degli alimenti.

Da quanto emerso, per i Professionisti dell’Horeca la tracciabilità è un valore trasversale, che va ben oltre la sicurezza e la garanzia di qualità. La tracciabilità infatti è intesa in modo “tecnico”, da addetti ai lavori, incorporando non solo garanzie di sostenibilità ambientale (80%), ma anche di condizioni di lavoro migliori lungo la filiera (84%). I consumatori, invece, mostrano di essere più tiepidi nel collegare tracciabilità a ambiente e condizioni di lavoro (44 e 45% rispettivamente): la tracciabilità per i consumatori finali risulta infatti essere in larga parte ancora sinonimo di garanzia di argomenti «tradizionali», ossia di una corretta informazione sulla provenienza dei prodotti alimentari (83%), della sicurezza in tutte le fasi e lavorazioni (77%) e della qualità (73%). In sintesi: i Professionisti dell’Horeca hanno idee chiare e professionali su cosa voglia dire tracciabilità, ma non è chiaro quanto questo venga tradotto in pratica. I consumatori appaiono invece molto concreti. Interessante comunque la convergenza sulle prime 3 tematiche premiate da entrambe le parti, identificate in  “sicurezza”, “corretta informazione sulla provenienza” e “qualità”.

Il 70% dei Professionisti Horeca pensa inoltre che per i propri clienti la questione della tracciabilità abbia un’importanza decisiva nella scelta, nell’acquisto e nel consumo di un prodotto. Analoga percentuale (79%) per i consumatori: si riscontra quindi una quasi perfetta consonanza tra i due gruppi di intervistati. Questi numeri sono abbastanza sorprendenti, considerando che solitamente si considerano i ristoratori appartenenti ad una categoria poco sensibile ai temi della tracciabilità e, in generale, agli aspetti legati alla sostenibilità della filiera: METROnomo – anche rispetto all’indagine dello scorso anno – smentisce invece questo luogo comune e dimostra come queste tematiche siano presenti tra la lista delle sfide dell’Horeca, che tuttavia a volte si scoraggia di fronte al timore dell’onerosità, in termini economici e di tempo, di adottare buone pratiche in materia.

Ma attenzione: se i Professionisti dimostrano di avere una sensibilità al tema e di conoscere la materia, tendeno però ancora a sottovalutarlo, o a non utilizzarlo adeguatamente. Sotto un altro aspetto, infatti, tenderebbero invece a sopravvalutare la loro attività di informazione, avendo la percezione di fare più di quanto realmente il cliente percepisca. Il consumatore finale, infatti, è sicuramente attento e pronto a cogliere gli elementi distintivi offerti da un bar, un ristorante o un hotel ed è disposto a premiarli. Ma i Professionisti dell’Horeca non possono affidarsi esclusivamente alla loro notorietà: il consumatore cambia, si sposta, valuta anche le altre proposte, e offrirgli un «di più» su un tema caldo come la tracciabilità, può rivelarsi un elemento distintivo della propria offerta che può risultare vincente.

Ma “i consumatori fanno richiesta di prodotti che contengono informazioni sulla tracciabilità?”. Questa domanda è stata fatta ai Professionisti Horeca, i quali hanno dichiarato che soltanto il 24% chiede spesso prodotti tracciabili, mentre il 45% lo fa saltuariamente. Cosa significa? Sembra che i consumatori premino i prodotti che «portano con sé» le informazioni necessarie. La questione è sicuramente meritevole di attenzione: da altri studi e dalla letteratura, si evince chiaramente come i consumatori in realtà chiedano tante informazioni e ne trovino poche. Questo è dovuto al fatto che fino ad ora abbiano potuto ottenerle solamente dalle etichette, ma questi canali non sono più sufficienti, soprattutto nella prospettiva dell’ampia fetta che i consumi fuori casa rivestono sul totale del mercato Food.

Di conseguenza, tali informazioni vengono considerate poco adeguate: soprattutto per una parte di consumatori – quelli più avvertiti e consapevoli – la sfida è oggi passare dal ricevere un’informazione standardizzata ad una “tailor-made”, con diversi gradi di dettaglio, sfumature, approfondimenti e veicolata con nuove modalità di comunicazione. Di fronte a queste nuove esigenze, l’etichetta non può essere un adeguato strumento di informazione per il canale Horeca, dal momento che non si applica al prodotto trasformato. Se infatti, come è emerso dalla ricerca, l’etichetta è ancora oggi il principale strumento informativo a disposizione del consumatore (94%), la vera e propria carta d’identità del prodotto, le persone si trovano «disorientate» all’interno dei locali del mondo Horeca, dove essa scompare.

Alla funzione comunicativa dell’etichetta, seguono le informazioni a scaffale (oltre 44%), i menù dei ristoranti (24%), i siti di informazione (21%) e delle aziende (19%), la pubblicità (17%). Gli ausili elettronici – QR code e codice a barre – sono poco utilizzati (rispettivamente circa 4% e 4%). Forse in uno dei Paesi a maggior utilizzo di smartphone questa potrebbe essere una strada da percorrere.

Tuttavia né l’etichetta né lo scaffale sono mezzi utilizzabili nell’Horeca, mentre QR code e codice a barre sono ancora appannaggio principalmente del retail. Ma i Professionisti hanno a disposizione un ulteriore strumento, che ha anche ottenuto un buon punteggio nella valutazione: parliamo del menù o della documentazione in genere che può essere fornita in loco al consumatore finale (es. cartellonistica, manifesti, informazioni da personale di sala).

Cosa dire dunque delle informazioni che si trovano nei luoghi di consumo? In questo caso è interessante comparare le risposte dei Professionisti dell’Horeca e dei consumatori. I primi si promuovono a pieni voti: il 47% considera le informazioni fornite come approfondite e complete e il 16% come sufficienti. Solo l’8% fa autocritica mentre il 28% non ha il ‘polso’ dei consumatori sul tema.

Questa visione viene letteralmente stravolta dai consumatori: solo il 2,4% considera esaustive le informazioni ottenute nei bar, ristoranti ed hotel, mentre il 48% abbastanza scarse e il 36%. del tutto insufficienti.

Assistiamo quindi ad una completa divergenza tra le due tipologie di intervistati: i consumatori chiedono ulteriori informazioni sulla tracciabilità. Non si accontentano più delle etichette standardizzate, vogliono conoscere la storia del prodotto, come vengono scelte le materie prime, come vengono lavorate: in altre parole il ‘mondo’ che c’è dietro e dentro il prodotto.

Il consumatore finale acquisisce una maturità sempre più crescente: pur dando prevalenza ai temi classici e tradizionali, l’indagine dà evidenza di un consumatore più sofisticato e maturo di un tempo, per il quale inoltre la qualità contiene diverse dimensioni, tra cui l’ambiente. I Professionisti del settore Horeca si trovano quindi di fronte a nuovi bisogni da soddisfare, ma anche a una grande opportunità per differenziarsi, anticipando le esigenze e i temi di interesse emergenti in materia di tracciabilità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende