Home » Comunicati Stampa »Progetti » METROnomo 2015: un’indagine sulla tracciabilità alimentare:

METROnomo 2015: un’indagine sulla tracciabilità alimentare

ottobre 28, 2015 Comunicati Stampa, Progetti

L’indagine METROnomo creata da METRO Italia Cash and Carry in collaborazione con IEFE Bocconi mette a confronto, nella sua seconda edizione e per la prima volta in Italia, i Professionisti dell’Horeca (bar, ristoranti e hotel) da una parte e i consumatori finali dall’altra, su un tema caldo e tuttavia ancora poco esplorato: la tracciabilità degli alimenti.

Da quanto emerso, per i Professionisti dell’Horeca la tracciabilità è un valore trasversale, che va ben oltre la sicurezza e la garanzia di qualità. La tracciabilità infatti è intesa in modo “tecnico”, da addetti ai lavori, incorporando non solo garanzie di sostenibilità ambientale (80%), ma anche di condizioni di lavoro migliori lungo la filiera (84%). I consumatori, invece, mostrano di essere più tiepidi nel collegare tracciabilità a ambiente e condizioni di lavoro (44 e 45% rispettivamente): la tracciabilità per i consumatori finali risulta infatti essere in larga parte ancora sinonimo di garanzia di argomenti «tradizionali», ossia di una corretta informazione sulla provenienza dei prodotti alimentari (83%), della sicurezza in tutte le fasi e lavorazioni (77%) e della qualità (73%). In sintesi: i Professionisti dell’Horeca hanno idee chiare e professionali su cosa voglia dire tracciabilità, ma non è chiaro quanto questo venga tradotto in pratica. I consumatori appaiono invece molto concreti. Interessante comunque la convergenza sulle prime 3 tematiche premiate da entrambe le parti, identificate in  “sicurezza”, “corretta informazione sulla provenienza” e “qualità”.

Il 70% dei Professionisti Horeca pensa inoltre che per i propri clienti la questione della tracciabilità abbia un’importanza decisiva nella scelta, nell’acquisto e nel consumo di un prodotto. Analoga percentuale (79%) per i consumatori: si riscontra quindi una quasi perfetta consonanza tra i due gruppi di intervistati. Questi numeri sono abbastanza sorprendenti, considerando che solitamente si considerano i ristoratori appartenenti ad una categoria poco sensibile ai temi della tracciabilità e, in generale, agli aspetti legati alla sostenibilità della filiera: METROnomo – anche rispetto all’indagine dello scorso anno – smentisce invece questo luogo comune e dimostra come queste tematiche siano presenti tra la lista delle sfide dell’Horeca, che tuttavia a volte si scoraggia di fronte al timore dell’onerosità, in termini economici e di tempo, di adottare buone pratiche in materia.

Ma attenzione: se i Professionisti dimostrano di avere una sensibilità al tema e di conoscere la materia, tendeno però ancora a sottovalutarlo, o a non utilizzarlo adeguatamente. Sotto un altro aspetto, infatti, tenderebbero invece a sopravvalutare la loro attività di informazione, avendo la percezione di fare più di quanto realmente il cliente percepisca. Il consumatore finale, infatti, è sicuramente attento e pronto a cogliere gli elementi distintivi offerti da un bar, un ristorante o un hotel ed è disposto a premiarli. Ma i Professionisti dell’Horeca non possono affidarsi esclusivamente alla loro notorietà: il consumatore cambia, si sposta, valuta anche le altre proposte, e offrirgli un «di più» su un tema caldo come la tracciabilità, può rivelarsi un elemento distintivo della propria offerta che può risultare vincente.

Ma “i consumatori fanno richiesta di prodotti che contengono informazioni sulla tracciabilità?”. Questa domanda è stata fatta ai Professionisti Horeca, i quali hanno dichiarato che soltanto il 24% chiede spesso prodotti tracciabili, mentre il 45% lo fa saltuariamente. Cosa significa? Sembra che i consumatori premino i prodotti che «portano con sé» le informazioni necessarie. La questione è sicuramente meritevole di attenzione: da altri studi e dalla letteratura, si evince chiaramente come i consumatori in realtà chiedano tante informazioni e ne trovino poche. Questo è dovuto al fatto che fino ad ora abbiano potuto ottenerle solamente dalle etichette, ma questi canali non sono più sufficienti, soprattutto nella prospettiva dell’ampia fetta che i consumi fuori casa rivestono sul totale del mercato Food.

Di conseguenza, tali informazioni vengono considerate poco adeguate: soprattutto per una parte di consumatori – quelli più avvertiti e consapevoli – la sfida è oggi passare dal ricevere un’informazione standardizzata ad una “tailor-made”, con diversi gradi di dettaglio, sfumature, approfondimenti e veicolata con nuove modalità di comunicazione. Di fronte a queste nuove esigenze, l’etichetta non può essere un adeguato strumento di informazione per il canale Horeca, dal momento che non si applica al prodotto trasformato. Se infatti, come è emerso dalla ricerca, l’etichetta è ancora oggi il principale strumento informativo a disposizione del consumatore (94%), la vera e propria carta d’identità del prodotto, le persone si trovano «disorientate» all’interno dei locali del mondo Horeca, dove essa scompare.

Alla funzione comunicativa dell’etichetta, seguono le informazioni a scaffale (oltre 44%), i menù dei ristoranti (24%), i siti di informazione (21%) e delle aziende (19%), la pubblicità (17%). Gli ausili elettronici – QR code e codice a barre – sono poco utilizzati (rispettivamente circa 4% e 4%). Forse in uno dei Paesi a maggior utilizzo di smartphone questa potrebbe essere una strada da percorrere.

Tuttavia né l’etichetta né lo scaffale sono mezzi utilizzabili nell’Horeca, mentre QR code e codice a barre sono ancora appannaggio principalmente del retail. Ma i Professionisti hanno a disposizione un ulteriore strumento, che ha anche ottenuto un buon punteggio nella valutazione: parliamo del menù o della documentazione in genere che può essere fornita in loco al consumatore finale (es. cartellonistica, manifesti, informazioni da personale di sala).

Cosa dire dunque delle informazioni che si trovano nei luoghi di consumo? In questo caso è interessante comparare le risposte dei Professionisti dell’Horeca e dei consumatori. I primi si promuovono a pieni voti: il 47% considera le informazioni fornite come approfondite e complete e il 16% come sufficienti. Solo l’8% fa autocritica mentre il 28% non ha il ‘polso’ dei consumatori sul tema.

Questa visione viene letteralmente stravolta dai consumatori: solo il 2,4% considera esaustive le informazioni ottenute nei bar, ristoranti ed hotel, mentre il 48% abbastanza scarse e il 36%. del tutto insufficienti.

Assistiamo quindi ad una completa divergenza tra le due tipologie di intervistati: i consumatori chiedono ulteriori informazioni sulla tracciabilità. Non si accontentano più delle etichette standardizzate, vogliono conoscere la storia del prodotto, come vengono scelte le materie prime, come vengono lavorate: in altre parole il ‘mondo’ che c’è dietro e dentro il prodotto.

Il consumatore finale acquisisce una maturità sempre più crescente: pur dando prevalenza ai temi classici e tradizionali, l’indagine dà evidenza di un consumatore più sofisticato e maturo di un tempo, per il quale inoltre la qualità contiene diverse dimensioni, tra cui l’ambiente. I Professionisti del settore Horeca si trovano quindi di fronte a nuovi bisogni da soddisfare, ma anche a una grande opportunità per differenziarsi, anticipando le esigenze e i temi di interesse emergenti in materia di tracciabilità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende