Home » Comunicati Stampa »Eventi »Idee » Millenials Fest 2017: a Siena idee e innovazioni tra cibo e territorio:

Millenials Fest 2017: a Siena idee e innovazioni tra cibo e territorio

settembre 26, 2017 Comunicati Stampa, Eventi, Idee

La prima piattaforma che consente a chi vive in città di coltivare a distanza alberi da frutta biologici, attraverso l’adozione interattiva. Prodotti per il cibo del futuro a base di grilli, la prima batteria a flusso realizzata con una molecola organica che permette di immagazzinare energia da fonti rinnovabili in maniera economica ed ecologica e il sistema di algoritmi per la salvaguardia degli olivi. Sono solo alcune delle 20 storie ed esperienze di innovazione – tutte millenialsche esaltano la relazione tra cibo e territorio e che saranno protagoniste, il 5 e 6 ottobre, del Millennials Fest 2017 Siena Food Innovation, l’evento promosso dall’Università di Siena – Santa Chiara Lab, sotto gli auspici della Presidenza Italiana del G7 e con il patrocinio del Miur, del Comune di Siena, della Camera di Commercio di Siena e della Fondazione PRIMA.

Mediterraneo, Europa, Glocal sono le tre dimensioni rappresentative delle esperienze che saranno protagoniste del festival. Partendo dalla “dimensione mediterranea” si potrà scoprire, dall’EgittoVwaste, azienda che trasforma i residui di arancia delle aziende che fanno spremute in polvere d’arancia grezza di alta qualità per la produzione di pectina, utilizzata in molte industrie alimentari per succhi e marmellate, oppure nelle panetterie e nei prodotti farmaceutici con l’obiettivo di ridurre i prezzi e l’impronta di carbonio per i rifiuti agro-industriali. Arriva invece dal Marocco Pomm’it una startup sociale specializzata in prodotti agro-alimentari e cosmetici a base di mele semi-deteriorate, che vuole creare opportunità di lavoro per le donne che vivono nelle aree rurali. Dalla Palestina, Balah Palestine For Agricultural Production, azienda di trasformazione alimentare basata sulla produzione di palme che coinvolge in modo particolare i giovani e le donne tra 25 e 40 anni.

Italiana è invece Funky Tomato- Ita-Med, la filiera partecipata, trasparente e multipopolare che promuove una campagna europea contro lo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura supportando la creazione di una filiera di produzione e trasformazione di pomodoro di alta qualità.

Nella “dimensione europea” si possono trovare esperienze come Tuvunu – Nothing Compares, dalla Grecia, azienda specializzata nella produzione di bevande sostenibili attraverso l’uso esclusivo di erbe locali e prodotti naturali, trasformati senza additivi artificiali o conservanti, oppure Algaecoat, un progetto che arriva dal Portogallo e intende definire e convalidare, a livello pilota, le condizioni per la redditività commerciale dell’estratto di alghe applicate senza la necessità di utilizzare polimeri sintetici o imballaggi atmosferici modificati. E’ invece finlandese Entocube, che lavora prodotti a base di grilli con l’obiettivo di produrre cibo nutriente per il futuro. Wallfarm BioLean Intelligent Agriculture (LIA) ha infine una doppia provenienza, dall’Europa e dagli Stati Uniti, ed è rappresentata da una start up italiana, di Roma, specializzata nella produzione di unità di controllo per automatizzare il sistema idroponico, dalla semina alla raccolta, con un monitoraggio intelligente.

Numerosi anche i progetti che rientrano sotto il cappello della “dimensione glocale”, tra i quali si distingue, per il livello di innovazione tecnologica, Green EnergY Storage, di Trento (già “Campione d’Italia” per la rubrica di Greenews.info nel 2016) che presenta la prima batteria a flusso realizzata con una molecola organica (il chinone, estratto dal rabarbaro) che permette di immagazzinare energia da fonti rinnovabili in maniera economica ed ecologica.

Gli appuntamenti in programma prevedono, per il 5 ottobre alle 15.45, il convegno “Come (ri)costruire la relazione tra cibo e territorio? Presentazione di 5 storie Millennials glocali” con Anna Giorgi, direttrice Unimont, Massimo Iannetta, ENEA, Umberto Campanini, direttore di Campagna Amica, Riccardo Bocci, Rete Semi Rurali e Alex Giordano, Rural Hub. A seguire, alle 16.45, sempre nel Cortile del Podestà, “Quando la creatività incontra il cibo e cambia i territori, Presentazione di 5 storie Millennials di creatività” con Mario Cucinella, architetto e curatore Padiglione Italia Biennale 2017, Alessandro Avataneo, regista, documentarista e scrittore de “Atlante del Vino”, Emanuele Bevilacqua, editore, scrittore, docente universitario e giornalista, presidente del Teatro dell’Opera di Roma. Il programma completo dei convegni è disponibile a questo link.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende