Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche » Mobilità ciclistica: la legge presto incardinata alla Camera:

Mobilità ciclistica: la legge presto incardinata alla Camera

“Il seminario della scorsa settimana a Montecitorio si è rivelato un concreto contributo allo sviluppo delle politiche di mobilità ciclistica nel nostro Paese”. Sono queste le parole di Giulietta Pagliaccio, presidente di FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta all’indomani dalla tavola rotonda sul tema ‘Intermodalità tra i sistemi di trasporto sostenibile’, promossa da FIAB in collaborazione con il Gruppo Interparlamentare per la mobilità nuova e ciclistica.

Il presidente alla Commissione Trasporti, Michele Meta, ha comunicato che la legge quadro sulla mobilità ciclistica, presentata un anno fa, sta per essere incardinata alla Camera. “È una notizia molto positiva – commenta Pagliaccio – e ci auguriamo vivamente che l’iter parlamentare proceda, ora, in modo spedito”.

Davanti a una platea di politici, assessori, tecnici ed esperti in materia, responsabili di servizi e aziende di trasporto nazionali e locali, rappresentanti dell’associazionismo delle sue ruote e giornalisti, il seminario ha offerto un quadro aggiornato sullo stato dell’arte del trasporto intermodale con l’utilizzo di mezzi sostenibili. Dalle best practice europee – il sistema delle bici pubbliche in Olanda; le velo-stazioni presenti ovunque in Francia o le soluzioni di bici al seguito su tutti i mezzi di trasporto in Germania tanto per citare alcuni esempi – alla realtà italiana che, sebbene necessita di molto lavoro, è puntellata da esempi eccellenti. Tra questi la linea Mi.Co.Tra per il trasporto transfrontaliero di passeggeri e biciclette tra Udine e Villach (Austria) inaugurata nel 2013 con oltre 72.000 passeggeri e 7.770 bici trasportate (dati 2014) e che è interconnessa con la ciclovia Alpe Adria, le ciclovie di interesse regionale, la rete ciclabile italiana Bicitalia e quella europea Eurovelo.

Se tuttavia, come è emerso a più voci, nel nostro Paese diventa sempre più urgente spostare un’ampia fetta di utenza dal trasporto privato a quello pubblico, è altrettanto necessario sviluppare forme di intermodalità che possano garantire spostamenti comodi, rapidi, accessibili ma soprattutto sostenibili. Una mobilità intermodale, infatti, non significa solo ottimizzare e velocizzare i tempi di trasporto, ma rendere l’ambiente più vivibile per tutti privilegiando mezzi e soluzioni green.

Viaggia in questo senso la riforma sul trasporto pubblico locale in discussione in questi mesi, ma anche la proposta dell’onorevole Meta che ritiene fondamentale insistere sul tema della fiscalità affinché i ritorni economici derivanti dalla gestione del trasporto privato (zone ztl, parcheggi, ecc.) vadano a favore della mobilità collettiva e sostenibile.

Nell’ampio tema dell’integrazione “treno+bici” è stata molto apprezzata, invece, la disponibilità annunciata dall’AD di Rete Ferroviaria Italiana, Maurizio Gentile, di mettere a disposizione gli spazi di rispetto che corrono lungo i binari per la realizzazione di piste ciclabili, in particolare all’interno dei grandi centri urbani (come Milano o Roma, dove esiste già un progetto per 20 km di percorsi). Il sedime accanto ai binari è uno spazio già protetto e con poca pendenza, perfettamente adatto alla realizzazione di percorsi per i ciclisti urbani che incentiverebbero l’uso delle due ruote in città e, collegando le diverse stazioni, faciliterebbero l’intermodalità con il “ferro”.

Di grande attualità anche il tema della riforma del Codice della Strada, dopo lo stop ad alcuni emendamenti (tra cui quelli che riguardano l’utenza debole) avvenuto settimana scorsa in Commissione Bilancio del Senato.  Meta, presidente della Commissione Trasporti, ha assicurato che, nonostante il percorso sia lungo e tortuoso, è necessario tenere in considerazione l’urgenza di alcune modifiche del Codice della Strada, circa una ventina (tra cui le zone 30), che potrebbero essere inserite in un apposito provvedimento in Commissione grazie al quale possono arrivare a un’approvazione in aula in modo diretto, previa, naturalmente, la verifica dei singoli contenuti.

“Il seminario di Montecitorio rappresenta una data di avvio a un lavoro forte per lo sviluppo dell’intermodalità tra i diversi sistemi di traposto sostenibile, a patto che tutti gli interlocutori coinvolti siano disposti a mettersi in gioco – ha concluso l’on. Paolo Gandolfi, Gruppo Interparlamentare della mobilità nuova e ciclistica. – Il prossimo appuntamento è in aprile a Bologna in occasione della seconda edizione degli Stati Generali della Mobilità Nuova: una tre giorni di confronto e dialogo tra privato e pubblico, amministratori e aziende, politici e a mondo dell’associazionismo sostenibile”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende