Home » Comunicati Stampa »Pratiche »Prodotti »Pubblica Amministrazione »Servizi » Mobilità sostenibile e trasporto pubblico a Bologna nel sondaggio Moovit:

Mobilità sostenibile e trasporto pubblico a Bologna nel sondaggio Moovit

Moovit, l’app per il trasporto locale intelligente, ha divulgato ieri i risultati di un sondaggio condotto in collaborazione con l’Assessorato alla Mobilità del Comune di Bologna, mettendo in luce il comportamento degli utenti bolognesi in relazione all’utilizzo del trasporto pubblico e alla sua integrazione con le altre forme di mobilità sostenibile. Un campione rappresentativo di quasi 1.000 utenti ha partecipato al sondaggio, rivelando una propensione molto spiccata all’uso dello smartphone per accedere alle info di viaggio, il desiderio di una maggiore integrazione con le aziende di trasporto locale, con orari in tempo reale e avvisi d’agenzia.
Gli utenti bolognesi, in definitiva, pur possedendo un’auto di proprietà, preferiscono il trasporto pubblico e la bicicletta per la maggior parte degli spostamenti.
Pianificare viaggi e scoprire come muoversi da un punto all’altro della città è il motivo prevalente di utilizzo della app Moovit a Bologna, indicato dal 44,8% dei suoi utenti, seguito dalla consultazione degli orari di arrivo degli autobus alla fermata (27%) e dalla consultazione della mappa per scoprire percorsi, fermate e orari (25%).
Oltre il 60% utilizza i mezzi pubblici una o più volte al giorno per i suoi spostamenti, il 24% una o più volte a settimana. Alla domanda “Quale dei seguenti possibili miglioramenti ti incoraggerebbe a usare più spesso i mezzi pubblici?”, il 23,7% degli utenti indica il prolungamento degli orari del servizio (di sera o di prima mattina), seguito da trasferimenti più veloci (21,7%) e dalla riduzione del prezzo del biglietto (20,7%). Interrogata nello specifico sulla qualità del servizio pubblico offerto a Bologna, l’utenza indica che potrebbe essere migliorata la frequenza delle linee (35,6%), la regolarità del servizio (30.7%) e l’estensione della rete (19.2%).
I risultati del sondaggio indicano anche che la maggioranza degli utenti bolognesi ha accesso a un’automobile di proprietà (47%) o appartenente a un membro della famiglia (13,4%) e utilizza l’auto per andare al lavoro (30%), per viaggi di piacere nel weekend (20%), per altri spostamenti legati ad attività sociali (13,5%). Se non potesse utilizzare l’automobile, il 62,7% dei bolognesi effettuerebbe però gli stessi spostamenti con i mezzi pubblici, il 15% in bicicletta, il 7,6% a piedi. Il 17% degli utenti utilizza già abitualmente la bicicletta, il 33,9% la utilizza saltuariamente.
Alla domanda su come migliorare il servizio offerto dalla App, il 26,7% degli utenti ha indicato una maggiore precisione degli orari (29,8%) e una maggiore integrazione delle informazioni e degli avvisi da parte di Tper (22,6%). Tra i suggerimenti ricevuti a margine del sondaggio, gli utenti Moovit richiedono di integrare le informazioni sul trasporto ferroviario, e si dichiarano disponibili a utilizzare lo smartphone per l’acquisto con addebito diretto su carta di credito e la validazione del biglietto, rinunciando così all’utilizzo del denaro contante e ai biglietti cartacei. Riguardo al biglietto, che attualmente ha validità di 75 minuti sulla rete di Bologna e un costo di €1,50, alcuni utenti suggeriscono di prolungarne la validità a 90 minuti e la possibilità di tariffe ridotte per percorsi brevi di 20 minuti o mezzora.
Moovit vuole offrire un servizio sempre più utile e personalizzato a Bologna e in tutte le città d’Italia, per questo facciamo tesoro del feedback che riceviamo con questi sondaggi da parte dei nostri utenti, perché ci aiuta a capire le loro esigenze e quali sono i servizi che, in sinergia con le aziende di trasporto locali, possiamo sviluppare nel prossimo futuro” dice Samuel Sed Piazza, Country Manager di Moovit per l’Italia. “Migliorando l’esperienza di chi quotidianamente si affida al trasporto locale per motivo di studio, lavoro o turismo, potremo avvicinare più utenti ai mezzi pubblici e rendere le nostre città più smart e al tempo stesso più vivibili”.
“Moovit si conferma un importante partner con cui abbiamo attivato da tempo una proficua collaborazione” – ha dichiarato l’Assessore alla Mobilità del Comune di Bologna Andrea Colombo – “Le informazioni sulla mobilità che possiamo raccogliere tramite Moovit e i sistemi di info-mobilità ci consentono di monitorare costantemente le scelte di mobilità pubblica dei viaggiatori e di pianificare iniziative per un concreto miglioramento dei servizi del trasporto pubblico bolognese e della mobilità metropolitana.”
Il capoluogo emiliano ha oggi una community di 90.000 utenti, in continua crescita.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende