Home » Comunicati Stampa » Moving Planet, a Roma il 1° evento social sul clima:

Moving Planet, a Roma il 1° evento social sul clima

settembre 20, 2011 Comunicati Stampa

Il 24 settembre Roma ospiterà il primo evento globale di mobilitazione per l’ambiente, organizzato via social network in contemporanea con le principali metropoli di tutti e 5 i continenti. Un appuntamento internazionale promosso da 350.org, l’associazione di Bill McKibben sbarcata in Italia nel 2011, tra Roma e Milano, grazie all’Italian Climate Network, un team di ambientalisti, climatologi, biologi e giovani creativi, nato con lo scopo di diffondere maggiore consapevolezza sulla necessità di affrancarci dai combustibili fossili, promuovere la mobilità sostenibile nelle città intasate dal traffico e diventare protagonisti della lotta al cambiamento climatico.

L’evento, sabato 24 settembre dalle 15, presso la Città dell’Altra Economia presenterà un programma ricco di iniziative. Si aprirà con la Ciclofficina all’Aperto, uno spazio dove i ciclisti della Ciclofficina Centrale di Roma forniranno gratuitamente un aiuto per riparare o recuperare biciclette. La giornata romana proseguirà con la presentazione al pubblico del film-documentario “The Age of Stupid, la pellicola shock del 2009 firmata dal regista Franny Armstrong e promossa dal WWF. Il protagonista è un uomo rimasto solo su un Pianeta, che ha subito i cambiamenti previsti dagli scienziati: è il 2055, e il mondo “as we know it” è solo un ricordo da ammirare in fotografia chiedendosi “perché non abbiamo fatto niente quando eravamo ancora in tempo?” - la risposta è nel titolo. Seguirà una conferenza sulla mobilità sostenibile, con la presentazione di progetti concreti e soluzioni per ridurre l’impatto sul clima dei nostri spostamenti. Alle 20 un aperitivo, rigorosamente biologico e solidale, preparato dal bar della Città dell’Altra Economia, seguito da musica con un gruppo che suonerà dal vivo. Le emissioni di CO2 associate all’evento saranno compensate con un progetto di energia rinnovabile.

E’ di qualche giorno fa il verdetto del City Ranking Project, la classifica delle città europee più virtuose in fatto di clima e qualità dell’aria promossa da Friends of the Earth Germania e dallo European Environmental Bureau. Roma e Milano sono arrivate ultime tra le metropoli europee quanto a politiche concrete per ridurre i livelli di inquinamento. Un ground zero che deve far riflettere tutti sull’urgenza di un’azione a più voci per aiutare il Pianeta. Il 24 settembre sarà quindi una giornata di outing collettivo sul pericoloso silenzio che circonda il problema dei cambiamenti climatici nella capitale. Moving Planet si propone come “una ventata di aria fresca” dopo anni di stasi e di rassegnazione nel dibattito pubblico sul surriscaldamento della Terra, nonostante i continui allarmi della comunità scientifica. A livello globale, il 24 settembre si assisterà ad una “invasione” delle strade delle principali città del Pianeta per dire basta all’invasione culturale, emotiva, economica ed energetica dei combustibili fossili. Il 24 settembre sarà insomma una mobilitazione collettiva per il futuro e in nome del futuro.

350.org è una associazione americana fondata da Bill McKibben, uno dei giornalisti i più preparati in tema di cambiamento climatico. Leonardo di Caprio lo ha inserito nel panel di leading climate scientist del suo “The 11th hour”, documentario indipendente sul cambiamento climatico.  A partire dal 2008, il network di McKibben ha lanciato la proposta, via internet, di coordinare manifestazioni creative in contemporanea in diversi luoghi del mondo, sfruttando la rete dei social netowrks per connettere e sensibilizzare giovani e persone comuni in tutto il mondo. 350 è la concentrazione di CO2 in atmosfera (espressa in parti per milione) che, secondo importanti climatologi, rappresenta una soglia di “sicurezza” per il Pianeta, l’obiettivo da raggiungere per evitare conseguenze imprevedibili. Oggi la concentrazione è di 393 ppm ed è in aumento, ma se “mettiamo la marcia indietro” è ancora possibile assestare il clima della Terra entro i 350. Oltre questo numero  il surriscaldamento del pianeta diverrà critico e irreversibile.

Il 24 settembre sarà possibile far sentire la propria voce grazie alla collaborazione tra la sede centrale di 350.org, negli Stati Uniti, e il team di Milano e Roma di Italian Climate Network, che conta, tra i fondatori, anche Sergio Castellari, referente italiano per l’IPCC, l’International Panel on Climate Change, il maggiore organismo internazionale per lo studio dei cambiamenti climatici.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende