Home » Comunicati Stampa »Idee » Nasce la Fondazione ClimAbita. La seconda volta di Lantschner:

Nasce la Fondazione ClimAbita. La seconda volta di Lantschner

giugno 15, 2012 Comunicati Stampa, Idee

“Ci sono momenti nella vita nei quali bisogna scegliere se aspettare oppure agire: proprio oggi che lo sviluppo e l’economia sembrano avvolti in un limbo d’incertezza è il momento di agire, di scrivere un nuovo futuro nel modo con cui progettiamo, costruiamo e viviamo il nostro ambiente. E per questo non basta più il sapere. Bisogna volere, e soprattutto fare.”

Con queste parole decise e appassionate di Norbert Lantschner, già ideatore di CasaClima e uno dei più rinomati esperti internazionali in materia di sostenibilità, è stata costituita a Bolzano ClimAbita, una Fondazione voluta fortemente non solo dallo stesso Lantschner, ma dall’aggregazione di idee e progetti concreti di alcune delle più autorevoli personalità del mondo universitario, della ricerca, delle istituzioni e del campo scientifico, nazionale ed internazionale. Per questo ClimAbita si propone come un soggetto giuridico forte e deciso a dialogare con i privati, i tecnici, i progettisti, i costruttori, i media, i politici, le istituzioni, per sviluppare e promuovere insieme una nuova cultura del vivere e costruire sostenibile. Perché progettare e costruire edifici migliori dal punto di vista della sicurezza e del benessere dell’uomo non dipende solamente da nuove tecniche e materiali, bensì da un nuovo modo di pensare e rapportarsi fra tutte le professionalità presenti nella filiera dell’edilizia, fino alla gente che vive e lavora in case, uffici, scuole, fabbriche spesso costruite 30, 40 o 50 anni fa e ormai inadeguate a garantire sicurezza e comfort abitativo.

Inoltre tutti coloro che sostengono ClimAbita ritengono che non è più sufficiente parlare genericamente di efficienza energetica, poiché bisogna evolvere un sistema che in Italia è ancora troppo incerto e ingessato, che non permette di rispondere alle direttive che L’Europa ha fissato per i prossimi anni. Occorre davvero tracciare una nuova strada sulla quale possano confluire progettazione integrata, applicazione in cantiere, certificazioni serie, ed infine una coscienza collettiva che generi una cultura diffusa dell’abitare sostenibile.

La Fondazione non ha fini di lucro e la sua mission è poter lavorare per il raggiungimento degli obiettivi solo ed esclusivamente per il bene della collettività. Non sarà legata ad un territorio, ma si rivolgerà a tutta l’Italia, e coinvolgerà anche Paesi europei ed extra europei per intraprendere progetti che già sono in fase di sviluppo, come un progetto di certificazione in Germania e uno di ricerca con l’Argentina. Inoltre tra i progetti già in atto in Italia, ClimAbita sta fornendo consulenza al Comune di Bologna sulle politiche riguardanti l’efficienza energetica, alla Fiera di Bologna percreare il nuovo spazio Green Habitat all’interno del Saie, e per un progetto residenziale a Bolzano. ClimAbita sarà una vera e propria piattaforma condivisa, attraverso un forum aperto a tutti, sul quale potersi confrontare e dialogare attivamente riguardo tutte le tematiche da affrontare per costruire un sistema più sostenibile ed equo.

La Fondazione, in virtù delle competenze e delle professionalità che hanno già aderito al progetto, assume quindi un ruolo di partner, dedicandosi sia alla missione culturale per una conoscenza rivolta a tutti attraverso una seria divulgazione scientifica che abbraccerà tutto il Paese, sia coinvolgendo tutti gli attori nel campo ambientale ed edilizio per favorire la realizzazione di strategie nell’ambito della sostenibilità e dell’efficienza energetica, idrica, dei materiali e i processi di riciclo e recupero. Tenendo sempre in primo piano il rapporto fra uomo e natura. Una commissione di esperti è già al lavoro per definire un Protocollo di Certificazione che consentirà il rilascio di certificati qualitativi per costruzioni edilizie, prodotti industriali/artigianali e sistemi che si distinguono per grado di efficienza energetica, utilizzo di risorse energetiche rinnovabili e sostenibilità ambientale.

Inoltre un comitato scientifico sta preparando le attività di formazione e specializzazione rivolte atecnici e progettisti avente come contenuto la costruzione e l’utilizzo di immobili sostenibili. Infine la Fondazione ClimAbita si attiverà anche per fornire prestazione di servizi e la realizzazione di iniziative finalizzate a promuovere una maggiore consapevolezza sociale relativa a tematiche quali la tutela ambientale e climatica nonché il risparmio energetico.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende