Home » Comunicati Stampa » Nuotare ai piedi dell’Everest: Lewis Gordon Pugh sfida il freddo per l’ambiente:

Nuotare ai piedi dell’Everest: Lewis Gordon Pugh sfida il freddo per l’ambiente

maggio 26, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of Michael WalkingIl nuotatore inglese Lewis Gordon Pugh, noto per le imprese realizzate negli ultimi cinque anni in favore dell’ambiente, ha arricchito il proprio curriculum con un’altra straordinaria prestazione.
Lewis ha nuotato per un chilometro nell’acqua a 2° C del lago Pumori, alla base del ghiacciaio Khumbu a quota 5300 metri, fermando il cronometro sul tempo di 22’51”. Un’impresa eccezionale soprattutto perché Lewis Gordon Pugh ha indossato solamente un costume, una cuffia e un paio di occhialini da nuoto, il tutto fornito da Speedo.

«È stata la nuotata più dura che io abbia mai fatto – ha commentato Pugh al termine dell’impresa – persino più difficile di quando nuotai nel mare dell’Antartico o al Polo Nord, perché qui ai piedi dell’Everest ho dovuto adottare una strategia totalmente diversa».

Durante l’impresa compiuta da Pugh nel luglio del 2007 al Polo Nord, per esempio, l’inglese adottò una strategia di nuotata estremamente aggressiva e con bracciate ad alte frequenze, scelta che non ha potuto essere impiegata alle quote himaliane.

«Durante un test di una ventina di metri ho capito che se avessi tenuto quell’andatura avrei rischiato di affogare – ha aggiunto Pugh – perché a questa quota l’ossigeno è rarefatto e ho avuto problemi di respirazione».

Un’impresa studiata anche a tavolino, soprattutto per trovare il giusto compromesso tra velocità e consumo d’ossigeno: «Ho dovuto nuotare cercando il punto di equilibrio tra un’alta velocità, che mi avrebbe portato ad una iperventilazione, e una andatura troppo lenta con conseguente ipotermia – ha aggiunto Lewis – e ritengo che il tempo di circa 23 minuti per mille metri a stile libero, rappresenti la miglior performance possibile in queste condizioni».

«In questi ultimi anni ho avuto l’opportunità di vedere numerosi ghiacciai, dai Poli alle Alpi, ma anche in Africa e ora in Himalaya, e in tutti i casi ho potuto constatare le profonde trasformazioni di questi colossi di ghiaccio – ha sottolineato Lewis – e l’obiettivo delle mie imprese è di richiamare l’attenzione del mondo sugli effetti del riscaldamento globale».

La nuotata himalaiana di Pugh, all’interno del progetto Pick n Pay / SAP Everest Challenge, ha richiesto 8 mesi di preparazione specifica, ed ora va ad aggiungersi a quelle compiute negli anni passati. La storia sportiva dell’inglese, infatti, è costellata di imprese originali e dall’alto impatto mediatico. Nel 2006 Pugh nuotò per l’intera lunghezza del Tamigi, oltre 350 chilometri, per evidenziare gli effetti della siccità nel Regno Unito. Nel febbraio del 2007 attraversò a nuoto la larghezza dell’arcipelago delle Maldive, pari a 87 miglia, per richiamare l’attenzione del mondo sull’innalzamento del livello del mare in quella parte di Oceano Indiano. Non pago, nel luglio dello stesso anno si trasferì al Polo Nord dove nuotò per mille metri in un tratto di mare dove il ghiaccio polare si era sciolto: un chilometro di bracciate in poco meno di 19 minuti con l’acqua che segnava la temperatura di 1,7°C per denunciare ancora una volta gli effetti del riscaldamento globale che determinano lo scioglimento della placca polare.

Nel gennaio 2010, in occasione del World Economic Forum è stato nominato “Young Global Leader” in riconoscimento del suo impegno sociale e per il contributo dato con leadership ispiratrice.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende