Home » Comunicati Stampa »Prodotti »Prodotti » Olimpiadi Londra: la guida WWF al “televisore efficiente”:

Olimpiadi Londra: la guida WWF al “televisore efficiente”

luglio 27, 2012 Comunicati Stampa, Prodotti, Prodotti

Il countdown per le Olimpiadi di Londra è terminato. Oggi l’inaugurazione e poi, fino al 12 agosto, il grande evento, che sarà in grado di richiamare, grazie alla copertura mediatica prevista, potenzialmente un pubblico di oltre 4 miliardi di persone, circa il 60% della popolazione globale. Schermi, maxischermi (e in qualche caso monitor di computer) per circa 20 giorni verranno accesi in ogni angolo del Pianeta per ammirare le gesta dei campioni moderni. Facile dunque che si scateni, anche in Italia, la corsa allo schermo Tv in grado di poter scrutare il gesto sportivo in ogni dettaglio, cogliere smorfie di fatica o sguardi di vittoria dei nostri atleti.

Una buona notizia per chi potrebbe essere colto dall’”ansia da prestazione ambientale” al momento dell’acquisto è l’introduzione dell’Etichetta Energetica, resa obbligatoria in Europa per i televisori da appena 6 mesi (gennaio 2012), ma adottata da alcune marche già da due anni. L’Energy Label ha favorito una vera e propria trasformazione del mercato con l’ingresso massivo di prodotti ‘salva-energia’: basti pensare che in due anni i consumi energetici dei modelli più efficienti si sono ridotti di almeno il 50%. Circa 2 anni fa comparirono infatti i primi televisori di classe A: oggi già esistono schermi di classe A++, una corsa all’efficienza difficilmente riscontrabile in altri prodotti ‘elettrici’ di largo consumo.

Sebbene la tecnologia aiuti a ridurre i consumi elettrici (e anche rendere le nostre bollette meno salate)  nei negozi si vedono ancora vecchi modelli che non la espongono e dato l’elevato costo di questo tipo di prodotti è bene scegliere seguendo alcuni consigli.

Una speciale Guida al televisore efficiente è stata appena aggiornata nel sito TOP TEN, proprio in occasione delle Olimpiadi di Londra. Top Ten, il sito creato dal WWF nel 2000 per fornire suggerimenti sugli elettrodomestici più ecologici e convenienti, insieme a numerosi eco-consigli, in questi giorni garantisce un servizio ai cittadini quanto mai appropriato, visto che nel nostro Paese l’informazione e l’intrattenimento via TV raggiunge il 97,4 % della popolazione (45° rapporto Censis sulla situazione sociale dell’Italia) e che solo il 3,1% degli italiani non possiede un televisore – anzi, gran parte degli italiani (43,9% ) ne possiede addirittura due o anche tre (22,8%) ( Eurispes, Rapporto Italia 2012) .

Il sito TOP TEN, che aiuta a comparare circa 40 modelli delle diverse marche commercializzate in Italia, mette a confronto televisori delle diverse dimensioni: da quelli più piccoli (19-26 o 32 pollici) a quelli medi (37-42 pollici) fino ai maxischermi (oltre 46 pollici). I modelli selezionati sul sito TopTen sono per la maggiorparte modelli di classe A+ e qualche A++ e dunque consumano in media il 20% di energia elettrica in meno e anche oltre, ma è bene sapere che l’equazione “schermo grande=immagine migliore” non è sempre corretta mentre è sempre vero che “schermo grande=prezzo e consumo maggiore”.

Non facciamoci guidare, quindi, esclusivamente dalla classe energetica: può capitare che una TV da 32 pollici in classe A+ consumi comunque meno di un 42 pollici in classe A++. Il primo suggerimento del WWF è dunque di valutare bene di che apparecchio si avrà effettivamente bisogno, come primo passo per risparmiare denaro e energia, senza manie di gigantismo. Insieme alle caratteristiche tecniche (livello di definizione, risoluzione in pixel, prezzo indicativo) viene indicato anche l’ indice di efficienza energetica e la classe energetica. Sul sito si potrà scoprire anche se il modello che vorremmo acquistare possiede la modalità Eco, che regola automaticamente la luminosità dello schermo a seconda delle condizioni esterne per risparmiare energia, oppure se si tratta di una Smart TV capace di connettersi a internet, di utilizzare i social network (strumenti potenziati ai massimi livelli dagli organizzatori delle Olimpiadi 2012)  e di utilizzare applicazioni.

Nelle pagine degli ‘Eco-consigli’ vengono anche suggerite alcune informazioni per i nuovi schermi LCD, che ormai hanno soppiantato quelli a tubo catodico, e per quelli combinati (con videoregistratore o DVD incorporati), che spesso non risultano convenienti per via dei loro componenti meccanici e un periodo di vita nettamente inferiore a quella dei televisori.

Grazie alle indicazioni di Top Ten scopriamo anche quanto la nostra TV (vecchia o nuova) consumi accesa e in stand by e soprattutto quanto ci costi in bolletta in 10 anni di consumo: si va da una media di 50 euro l’anno per le TV più piccole a oltre 200 euro per i maxi schermi. Sebbene in media il consumo di una TV pesi per il 4% dell’elettricità domestica, moltiplicando il dato per il numero di televisori in Italia (calcolati sui dati Eurispes, da un minimo di 58 milioni e oltre, visto che molti ne possiedono più di uno in casa) si capisce quanto si possa contribuire con il nostro stile di vita e scelte di prodotti più efficienti sui consumi elettrici del paese e dunque sulla riduzione delle emissioni di CO2.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende