Home » Comunicati Stampa »Green Economy »Internazionali »Politiche »Pratiche » Obbligazioni verdi e investimenti in rinnovabili in crescita: primi segnali di ripresa:

Obbligazioni verdi e investimenti in rinnovabili in crescita: primi segnali di ripresa

La green economy come volano per la ripresa. Insieme all’abbattimento delle emissioni di carbonio, l’economia verde può infatti assicurare nuovo sviluppo, un miglior benessere, nuova occupazione, tutela del capitale naturale e dei servizi eco-sistemici. Segnali positivi si colgono già a livello globale. Nella finanza, dove tra il 2013 e il 2014 sono stati emessi 42 miliardi di obbligazioni “verdi” e si stima  che il mercato dei green bond possa raggiungere i 100 miliardi nel 2015;  negli investimenti  in rinnovabili che nel 2014 sono aumentati del 16% (310 mld di dollari) rispetto all’anno precedente soprattutto in Cina con un+32% (stabile invece l’Europa con un +1%) e hanno fatto arrivare il numero degli occupati a 6,5 milioni; nell’occupazione dove nella produzione di beni e servizi ambientali, nonostante la crisi, si è registrata in Europa una crescita continua: nel 2003 gli occupati erano poco più di 3 milioni, sono diventati 4,282 milioni nel 2012.

Le tendenze, le risorse, le prospettive, le proposte per lo sviluppo della green economy sono state esaminate in occasione del Meeting di Primavera, l’evento annuale organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, che quest’anno ha come tema “Il contributo della green economy per la ripresa dell’Italia”.

“La via verso un mondo a bassissime emissioni di gas serra – ha detto Edo Ronchi, presidente della Fondazione- potrà essere tracciata con un nuovo buon accordo internazionale sul clima, ma potrà avere successo solo con lo sviluppo della green economy che è la via maestra per la crescita e l’occupazione sia a livello globale che nazionale. Proprio in Italia è necessario saper avvalersi degli strumenti economici a disposizione, come i fondi europei e prendere la strada di una fiscalità ecologica che sappia orientare il mercato, le produzioni e i consumi verso la green economy”.

I fondi europei per orientare il mercato in direzione green sono consistenti. La politica europea di coesione, la principale politica di investimento della UE, prevede nella programmazione 2014-2020 50 miliardi di euro l’anno e guarda all’avvio e al rafforzamento delle filiere produttive dedicate alla green economy. Consistenti le risorse dei cinque Fondi SIE (fondi strutturali e di investimento) per l’ Italia. Ad esempio, dei Fondi FESR (Fondo europeo sviluppo regionale) e FSE (Fondo Sociale europeo) ci sono 22,2 miliardi per le regioni meno sviluppate (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia), 1,35 miliardi per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e 7,56 miliardi per le regioni più sviluppate (tutte le altre del centro nord). E gli obiettivi tematici di green economy del FESR (economia a basse emissioni, adattamento climatico e protezione rischi, utilizzo razionale delle risorse, trasporto sostenibile) dispongono di un plafond di risorse pari a 8,6 miliardi, il 41% del totale.

Per disporre di nuove entrate per alimentare gli investimenti green, sono necessarie anche misure di fiscalità ambientale. “Il modo più efficace e immediato di avviare un percorso di riforma della fiscalità in chiave ecologica – osserva Ronchi – è quello di introdurre una carbon tax, in prima istanza, su gasolio e benzina per autotrasporto”. Si tratterebbe di un importo di 20 euro a tonnellata di CO2 che si tradurrebbero in un aumento di soli 3,8 centesimi al litro e darebbe un gettito di 1,6 miliardi. La fiscalità green dovrebbe anche essere estesa e correlata alle emissioni di carbonio indotte dalla produzione di beni e servizi anche importati. “ In questo modo – conclude Ronchi-  si potrebbe consentire, con le maggiori entrate , di compensare una consistente riduzione del cuneo fiscale a favore di lavoro e imprese e disporre di entrate aggiuntive, formate anche solo da una quota minoritaria delle nuove entrate, per alimentare investimenti green in ricerca e eco-innovazione”. Proprio i paesi leader in eco-innovazione come Svezia, Finlandia, Danimarca, Regno Unito, e Germania dispongono, infatti, di un PIL pro capite più alto e di una disoccupazione più bassa della media UE.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende