Home » Comunicati Stampa »Green Economy »Internazionali »Politiche »Pratiche » Obbligazioni verdi e investimenti in rinnovabili in crescita: primi segnali di ripresa:

Obbligazioni verdi e investimenti in rinnovabili in crescita: primi segnali di ripresa

La green economy come volano per la ripresa. Insieme all’abbattimento delle emissioni di carbonio, l’economia verde può infatti assicurare nuovo sviluppo, un miglior benessere, nuova occupazione, tutela del capitale naturale e dei servizi eco-sistemici. Segnali positivi si colgono già a livello globale. Nella finanza, dove tra il 2013 e il 2014 sono stati emessi 42 miliardi di obbligazioni “verdi” e si stima  che il mercato dei green bond possa raggiungere i 100 miliardi nel 2015;  negli investimenti  in rinnovabili che nel 2014 sono aumentati del 16% (310 mld di dollari) rispetto all’anno precedente soprattutto in Cina con un+32% (stabile invece l’Europa con un +1%) e hanno fatto arrivare il numero degli occupati a 6,5 milioni; nell’occupazione dove nella produzione di beni e servizi ambientali, nonostante la crisi, si è registrata in Europa una crescita continua: nel 2003 gli occupati erano poco più di 3 milioni, sono diventati 4,282 milioni nel 2012.

Le tendenze, le risorse, le prospettive, le proposte per lo sviluppo della green economy sono state esaminate in occasione del Meeting di Primavera, l’evento annuale organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, che quest’anno ha come tema “Il contributo della green economy per la ripresa dell’Italia”.

“La via verso un mondo a bassissime emissioni di gas serra – ha detto Edo Ronchi, presidente della Fondazione- potrà essere tracciata con un nuovo buon accordo internazionale sul clima, ma potrà avere successo solo con lo sviluppo della green economy che è la via maestra per la crescita e l’occupazione sia a livello globale che nazionale. Proprio in Italia è necessario saper avvalersi degli strumenti economici a disposizione, come i fondi europei e prendere la strada di una fiscalità ecologica che sappia orientare il mercato, le produzioni e i consumi verso la green economy”.

I fondi europei per orientare il mercato in direzione green sono consistenti. La politica europea di coesione, la principale politica di investimento della UE, prevede nella programmazione 2014-2020 50 miliardi di euro l’anno e guarda all’avvio e al rafforzamento delle filiere produttive dedicate alla green economy. Consistenti le risorse dei cinque Fondi SIE (fondi strutturali e di investimento) per l’ Italia. Ad esempio, dei Fondi FESR (Fondo europeo sviluppo regionale) e FSE (Fondo Sociale europeo) ci sono 22,2 miliardi per le regioni meno sviluppate (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia), 1,35 miliardi per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e 7,56 miliardi per le regioni più sviluppate (tutte le altre del centro nord). E gli obiettivi tematici di green economy del FESR (economia a basse emissioni, adattamento climatico e protezione rischi, utilizzo razionale delle risorse, trasporto sostenibile) dispongono di un plafond di risorse pari a 8,6 miliardi, il 41% del totale.

Per disporre di nuove entrate per alimentare gli investimenti green, sono necessarie anche misure di fiscalità ambientale. “Il modo più efficace e immediato di avviare un percorso di riforma della fiscalità in chiave ecologica – osserva Ronchi – è quello di introdurre una carbon tax, in prima istanza, su gasolio e benzina per autotrasporto”. Si tratterebbe di un importo di 20 euro a tonnellata di CO2 che si tradurrebbero in un aumento di soli 3,8 centesimi al litro e darebbe un gettito di 1,6 miliardi. La fiscalità green dovrebbe anche essere estesa e correlata alle emissioni di carbonio indotte dalla produzione di beni e servizi anche importati. “ In questo modo – conclude Ronchi-  si potrebbe consentire, con le maggiori entrate , di compensare una consistente riduzione del cuneo fiscale a favore di lavoro e imprese e disporre di entrate aggiuntive, formate anche solo da una quota minoritaria delle nuove entrate, per alimentare investimenti green in ricerca e eco-innovazione”. Proprio i paesi leader in eco-innovazione come Svezia, Finlandia, Danimarca, Regno Unito, e Germania dispongono, infatti, di un PIL pro capite più alto e di una disoccupazione più bassa della media UE.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende