Home » Aziende »Comunicati Stampa »Eventi »Pratiche » Oltre la sostenibilità. A Milano si fa il punto sul futuro del “report integrato”:

Oltre la sostenibilità. A Milano si fa il punto sul futuro del “report integrato”

Si è tenuta ieri a Milano, presso la Sala delle Colonne di Banca Popolare di Milano, la II edizione del Convegno ‘Dal Report di Sostenibilità al Report Integrato. Per banche, assicurazioni, imprese di servizi’, organizzato da ASSOSEF – Associazione Europea Sostenibilità e Servizi Finanziari-no profit in collaborazione con NIBR Network Italiano Business Reporting e Green Business Executive School.

L’incontro è servito a tracciare l’attuale momento del Business Reporting a valle delle opportunità e delle preoccupazioni emerse dopo l’emanazione della Direttiva Europea 2014/95/UE sulle non-financial information nei bilanci delle società.

Marco Fedeli, Presidente Assosef e fondatore di Green Business Executive School ha presentato al pubblico una ricerca realizzata da Ricerche Verdi e WebResearch in cui, attraverso software di intelligenza artificiale in grado di  simulare reti neurali, sono state analizzate le conversazioni online dell’intero 2015 a proposito di servizi finanziari e sostenibilità. “La maggioranza di giudizi negativi (74%) – ha spiegato Fedeli – induce nuove riflessioni su modelli di business che riconcilino il mercato con i suoi player finanziari. Per questo la reportistica di sostenibilità rappresenta uno strumento decisivo nel riallineamento con il sentiment dell’opinione pubblica, per rafforzare competitività, reputazione e valore delle imprese finanziarie italiane. Ben venga quindi la Direttiva sulle non-financial information che impone un cambio di passo alle imprese in generale e alle  banche e assicurazioni in particolare”.

“E’ necessario passare dal mero ‘Financial Reporting’ – ha aggiunto Stefano Zambon, Segretario Generale NIBR e Global Chairman WICI - a un più ampio ‘Business Reporting’ che possa presentare un quadro più esaustivo delle strategie, del modello di business e delle risorse intangibili su cui si basa lo sviluppo dell’azienda, inclusa la sostenibilità socio-ambientale. Un nuovo concetto che chiamerei ‘business sustainability.

A questo proposito Gian Paolo Ruggiero, dirigente del Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha spiegato al pubblico l’iter di recepimento della Direttiva Europea 2014/95/UE sulle non-financial information, che entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2017. Il processo prevede, oltre ai tavoli delle Amministrazioni e Autorità interessate, un documento di consultazione pubblica per acquisire valutazioni e commenti da parte degli stakeholder sugli aspetti generali di policy (entro la primavera)  e la pubblicazione di uno schema di testo normativo (entro l’estate).

Il tema della sostenibilità, secondo Pietro Negri, Responsabile Societario e Concorrenza di ANIA-Associazione Nazionale fra le Imprese  Assicuratrici, assumerà particolare rilevanza per i servizi assicurativi, tale da diventare materia di interesse dell’intera azienda, a partire dal massimo livello decisionale delle compagnie. In particolare le informazioni non finanziarie innescheranno una complessa interconnessione tra le attività aziendali, con un effetto molto rilevante sull’attività di business dell’impresa, in un contesto migliorativo per la creazione di valore non solo economico ma anche sociale.

Oggi, ha concluso Laura Girella Regional Lead, Italy di IIRC–The International Integrated Reporting Council, oltre 1.000 importanti organizzazioni nel mondo realizzano già un Report Integrato e questa pratica si sta diffondendo in Italia sia nell’ambito dei servizi sia nel bancario e tra le compagnie assicurative. “L’implementazione dell’Integrated Reporting – conferma Girella – è un processo in divenire che sottende un cambiamento nella cultura d’impresa così profondo da costituire una nuova ‘teoria di impresa’. Il Report Integrato non intende sostituire il bilancio di esercizio o il Report di Sostenibilità: la sostenibilità è infatti parte integrante di un processo più ampio di creazione di valore”.

Al termine degli interventi dei relatori sono state presentate alcune tra le principali buone pratiche italiane di applicazione del Business Reporting, a partire da Gruppo Unipol SAI (rappresentato da Marialuisa Parmigiani), Federcasse Credito Cooperativo (con Claudia Gonnella), A2A (esposizione di Anna Villari)Reale Mutua (Tiziana Graneris) Credito Valtellinese (Paolo Baroli e Francesco Lenoci).

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende