Home » Comunicati Stampa »Servizi » OV|Sun2.0, la piattaforma per i parchi fotovoltaici di Officinae Verdi:

OV|Sun2.0, la piattaforma per i parchi fotovoltaici di Officinae Verdi

settembre 18, 2015 Comunicati Stampa, Servizi

Recuperare efficienza e ridurre i costi di gestione, fino al 35%, integrando in una sola piattaforma tutti i servizi di gestione, controllo e manutenzione per i parchi fotovoltaici. E’ questo l’obiettivo di OV|Sun2.0 il nuovo progetto di Officinæ Verdi per supportare i proprietari di grandi impianti su asset management, operation&maintenance (O&M), monitoraggio h.24 delle performance grazie al sistema di metering avanzato OV | mætrics®, revamping, valutazione e rifinanziamento degli impianti, riciclo dei pannelli a fine vita.

Con quasi 19 GWp di potenza installata e 650mila impianti che generano 22.306 GWh di energia elettrica, il 7,9% della produzione nazionale (dati Terna 2014), l’Italia occupa la seconda posizione a livello globale per parco fotovoltaico installato e offre opportunità interessanti per gli investimenti nel mercato secondario, ossia quello degli impianti già operativi da anni e dei cosiddetti distressed, che non riescono più a garantire performance redditizie.

In Italia, dopo un primo boom del fotovoltaico sostenuto da politiche fortemente incentivanti, gli investitori si sono dovuti scontrare con numerose difficoltà, a partire dai cambiamenti intervenuti nel quadro legislativo, che hanno ridotto gli incentivi, introdotto IMU e nuovi oneri di gestione per gli impianti, con effetti diretti sui business plan e il risultato di far saltare i tempi di rientro degli investimenti.

Alcuni impianti presentano problematiche tecniche che inficiano le performance; molti operatori che dopo l’installazione si sono concentrati sulla manutenzione degli impianti, con il crollo del mercato legato al taglio degli incentivi, non sono più riusciti a garantire il servizio. Queste le problematiche che si trovano ad affrontare gli asset owners oggi sul mercato fotovoltaico italiano.

“Officinæ Verdi, che già gestisce con il proprio sistema di monitoraggio mætrics® advanced 253 impianti fotovoltaici installati in tutta Italia, per 271 MWp di potenza complessiva – ha commentato Giovanni Tordi, Amministratore Delegato di Officinæ Verdi – per rispondere alle esigenze di questa nuova fase del settore fotovoltaico, più spostata sulla capacità di proteggere e valorizzare gli investimenti fatti, ha realizzato OV|Sun2.0 . La piattaforma vede già il coinvolgimento in filiera di alcuni grandi player dell’O&M e aggregherà a breve altri soggetti, per garantire efficienza e capacità di intervento su tutto il territorio nazionale. Intendiamo così – ha aggiunto Tordi – diventare nei prossimi tre anni il primo polo di riferimento nella gestione degli asset esistenti ma anche nello sviluppo di nuovi investimenti basati su autoconsumo, SEU (sistemi efficienti utenza) e Smart Grid, oggi ancora in una fase iniziale in Italia”.

I servizi integrati in questo modello comprendono asset management, gestione degli interventi di manutenzione programmata e straordinaria, monitoraggio completo e continuo delle performance, ottimizzazione nella vendita dell’energia verde prodotta. Officinæ Verdi propone soluzioni anche nel caso in cui a valle della due diligence sia necessario il rifinanziamento dell’impianto, il suo revamping o il recycling dei moduli a fine vita.

A fronte di una riduzione dei costi operativi, Officinæ Verdi offre il vantaggio di lavorare come un operatore di asset management indipendente, in grado di supervisionare i risultati degli interventi di manutenzione realizzati dagli operatori O&M che fanno parte del network.

Grazie al proprio sistema di misurazione e controllo delle performance mætrics® advanced Officinæ Verdi realizza una vera e propria control room per monitorare h24 produttività e parametri di funzionamento dell’impianto, con sistemi di alert e ticketing che permettono la razionalizzazione degli interventi di manutenzione, che solitamente si riducono e diventano sempre più mirati.

Investitori e banche possono monitorare in modo puntuale la redditività delle operazioni finanziate: in progetti complessi, con investimenti elevati, il debt service coverage ratio (DSCR) è infatti direttamente collegato alle performance energetiche degli impianti.

“Un impianto fotovoltaico – ha prosegue Tordi – deve essere in grado, nell’intero periodo di vita, di generare energia in maniera stabile e sicura, garantendo prestazioni sempre al massimo delle potenzialità. L’idea che una manutenzione programmata fosse sufficiente a garantire il buon rendimento degli impianti si è rivelata insufficiente a garantire il ritorno degli investimenti. Inoltre è ormai emersa chiaramente sul mercato la necessità di affidare ad un unico soggetto la gestione di tutti gli aspetti tecnici e amministrativi relativi alla vita di un impianto: solo così si possono ottimizzare gli interventi, prevenire il malfunzionamento, limitare i tempi di mancata produzione e infine impedire il degrado. L’obiettivo di OV|Sun 2.0 è rispondere con l’innovazione tecnologica e finanziaria alla sfida della sostenibilità economica per il settore fotovoltaico, a prescindere dalle politiche di incentivazione”.

Nel caso di un impianto fotovoltaico da 1 MWp installato nel Sud Italia con una perdita di produttività del 20% legata a difetti di progettazione, mancanza di monitoraggio e  manutenzione appropriati, l’installazione di un nuovo sistema di monitoraggio e interventi di operation&manteinance monitorati h.24 (es. verifica stringhe di moduli, inverter, etc) hanno permesso, ad esempio, di ritornare ai valori di producibilità attesi, con ricavi pari a 90.000 euro/anno e un incremento del DSCR del +23%.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende