Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » PAC 2014-2020: il Parlamento UE vota la riforma. Ambientalisti: “Un’occasione mancata”:

PAC 2014-2020: il Parlamento UE vota la riforma. Ambientalisti: “Un’occasione mancata”

C’è sconcerto tra le 14 associazioni del mondo ambientalista e dell’agricoltura biologica (Aiab, Associazione per l’agricoltura biodinamica, Fai, Federbio, Upbio, Firab, Italia Nostra, Legambiente, Lipu, Slow Food, Touring Club italiano, Pro Natura, Slep, Wwf) che nei giorni scorsi avevano rivolto un appello ai deputati europei per salvare il greening della Politica Agricola Comunitaria.

Il Parlamento europeo ha infatti votato martedì e ieri l’attesa riforma della PAC 2014-2020, che costituirà la base dei negoziati nell’ambito del Consiglio Europeo nei prossimi mesi. L’aula, spiegano le associazioni, “ha bloccato alcuni dei peggiori provvedimenti che la Commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale del  Parlamento europeo ha cercato di far passare, ma non è riuscito a realizzare le riforme necessarie per  avere una PAC  realmente più verde e capace di proteggere la natura, premiare l’agricoltura più sostenibile e  mantenere vitali le zone rurali”.

La proposta originaria della Commissione europea del 2011 aveva lo scopo di stabilire il principio di premiare gli agricoltori per il mantenimento di pratiche agricole in grado di affrontare la crisi ambientale e rafforzare  la legittimità pubblica della PAC, ma questa proposta “mancava di una reale efficacia fin dall’inizio”.

Per Maria Grazia Mammuccini, portavoce delle 14 associazioni italiane, “il voto di oggi (ieri, ndr) è deludente per quelli  che come noi  chiedono una profonda riforma della politica agricola. Tuttavia, è positivo  che l’assemblea plenaria del Parlamento europeo abbia  bloccato i peggiori aspetti della proposta della  Commissione Agricoltura”. Rimane il fatto, continua Mammuccini, che “non sono state inserite adeguate misure per premiare  le pratiche agricole veramente sostenibili come l’agricoltura biologica e biodinamica né  si è fatto nessun passo in avanti per rafforzare  il secondo pilastro che è il  vero strumento  per investire in progetti innovativi per il territorio rurale. Ancora una volta si  è persa un’occasione strategica per una vera riforma della PAC in grado di dare un contributo  al superamento della crisi economica e ambientale che stiamo vivendo”.

Nel “Bollettino Europa” di lunedì 18 marzo, l’approfondimento sulle novità della PAC della nostra corrispondente da Bruxelles, Beatrice Credi.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende