Home » Comunicati Stampa » Palm e Mapei: un approccio sistemico per promuovere filiere sostenibili:

Palm e Mapei: un approccio sistemico per promuovere filiere sostenibili

luglio 16, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of Mapei e PalmNell’ambito della Campagna di PalmCostruiamo Filiere Sostenibili” si inserisce anche Mapei. L’azienda leader di mercato nella produzione di adesivi e prodotti chimici per l’edilizia, con orientamento all’ innovazione di processo per il raggiungimento dell’eccellenza e della qualità, sceglie i GreenPallet sani, sistemici e giusti di Palm.

Sani perché attenti alle caratteristiche delle materie prime utilizzate a garanzia della salubrità. Sistemici, perché valutano il contributo dei diversi sottosistemi connessi tra loro in un particolare contesto sociale (geografico, storico, etico e culturale). Giusti perché venduti ad un prezzo ispirato ad un principio di equità sociale.

Il potenziale del progetto consiste nell’avvicinamento progressivo ad un rapporto equilibrato con il territorio e il sistema naturale e sociale in cui l’uomo vive, attraverso l’impiego di pallet di qualità.

Il Green Pallet sano, sistemico e giusto, impiegando tecniche di Ecodesign e Life Cycle Assessment guidate da un approccio di Carbonfootprint di filiera, permette infatti un risparmio energetico di materiali e di consumi energetici, generando un risparmio di CO2 del 10%.

Favorisce inoltre una logistica sostenibile e completa attraverso la tracciabilità della filiera distributiva che permette la quantificazione e una ulteriore riduzione delle emissioni di CO2.

I risparmi energetici non ottenuti mediante il processo di progettazione e produzione del pallet sono infine ottenuti grazie a pratiche di compensazione basate sulla riforestazione locale.

In questo modo Mapei è in grado di garantire alle aziende clienti la coerenza dei propri prodotti, e permette loro di aumentare il punteggio nei bandi pubblici che si avvalgono del sistema di valutazione LEED.

L’intero processo è comunicato attraverso la multietichetta Assoscai basata sulle norme ISO 14020 e 14021.

L’etichetta riporta infatti in modo chiaro informazioni sulla materia prima legno (proveniente da aree di riforestazione programmata secondo schemi PEFC e FSC), sull’energia elettrica (proveniente da fonte rinnovabile), sulla riciclabilità (tutti i materiali che possono concorrere alla composizione del pallet sono riciclabili) nonché sulla possibilità di recupero energetico (tutti i materiali che compongono il prodotto, ad esclusione dei metalli, possono essere avviati al processo di termovalorizzazione ai fini del recupero di energia).

Il consumatore è così informato sul reale valore del Green Pallet, con l’esplicita dichiarazione delle caratteristiche fondamentali che giustificano l’uso del prefisso Green.

Il prodotto e l’azienda diverranno il luogo dove simboli e segni si fanno portatori di nuove valenze culturali.

Palm vuole essere promotore di un nuovo modello di fare impresa per uscire dalla crisi attraverso la transizione verso un economia di sistema.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende