Home » Comunicati Stampa » Perdita biodiversità: i risultati del progetto Life+ sull’uso degli OGM:

Perdita biodiversità: i risultati del progetto Life+ sull’uso degli OGM

dicembre 14, 2012 Comunicati Stampa

I risultati del progetto Life+Validation of risk management tools for genetically modified plants in protected and sensitive areas in Italysulla valutazione dei rischi delle piante OGM nelle aree protette e sensibili in Italia sono stati presentati il 12 dicembre nel corso di un convegno organizzato dall’ENEA, capofila del progetto.

Il risultato finale è stato la convalida di una metodologia per il monitoraggio e la gestione dei possibili effetti ambientali delle piante geneticamente modificate sulla biodiversità vegetale e animale in condizioni reali di coltivazione. Gli studi, realizzati con la sperimentazione in campo senza l’utilizzo di colture geneticamente modificate, si sono concentrati sulla analisi dei livelli preesistenti di biodiversità nelle aree da proteggere.

L’iniziativa, del valore di 700 mila euro ha riguardato quattro regioni italiane: Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e Basilicata, quest’ultima nell’area SIC della costa Jonica, foce del Bradano.

La valutazione dell’esposizione è stata effettuata attraverso il monitoraggio di quattro aree protette nell’ambito delle suddette regioni, simulando una possibile esposizione a coltivazioni di mais e colza al fine di monitorare le interazioni fra gli agro-ecosistemi e le aree adiacenti, in particolare tramite la dispersione del polline. Attraverso la valutazione e il monitoraggio delle principali funzioni ecologiche, quali l’impollinazione naturale, il controllo dei parassiti, le funzioni del suolo ecc. è possibile capire quali possano essere le conseguenze del flusso genico da colture geneticamente modificate verso gli habitat circostanti. Studiando simultaneamente i due eventi è stato possibile produrre una caratterizzazione biologica delle quattro aree protette del progetto utilizzando anche modelli matematici. Il progetto ha permesso anche di classificare l’entomofauna (Lepidotteri, Coleotteri Coccinellidae) e la flora infestante (Brassicaceae), che ha permesso di acquisire ulteriori conoscenze dell’area protetta con l’individuazione di diverse specie animali e vegetali che fino ad oggi erano sconosciute in queste aree.

La Commissione Europea punta a demandare la gestione del rischio relativa agli OGM nelle aree protette ai singoli Stati membri, mentre il processo decisionale rimarrà comunque centralizzato. In aggiunta, gli Stati membri sono chiamati a coinvolgere nel processo gestionale anche le reti di monitoraggio ambientale nazionali. Il progetto ha già anticipato questo approccio e ha già conseguito risultati concreti. Il team di progetto ha infatti censito le reti di monitoraggio ambientale esistenti in Italia e ha anche dato una prima valutazione della loro applicabilità nell’ambito del monitoraggio degli OGM.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende