Home » Comunicati Stampa » Perdita biodiversità: i risultati del progetto Life+ sull’uso degli OGM:

Perdita biodiversità: i risultati del progetto Life+ sull’uso degli OGM

dicembre 14, 2012 Comunicati Stampa

I risultati del progetto Life+Validation of risk management tools for genetically modified plants in protected and sensitive areas in Italysulla valutazione dei rischi delle piante OGM nelle aree protette e sensibili in Italia sono stati presentati il 12 dicembre nel corso di un convegno organizzato dall’ENEA, capofila del progetto.

Il risultato finale è stato la convalida di una metodologia per il monitoraggio e la gestione dei possibili effetti ambientali delle piante geneticamente modificate sulla biodiversità vegetale e animale in condizioni reali di coltivazione. Gli studi, realizzati con la sperimentazione in campo senza l’utilizzo di colture geneticamente modificate, si sono concentrati sulla analisi dei livelli preesistenti di biodiversità nelle aree da proteggere.

L’iniziativa, del valore di 700 mila euro ha riguardato quattro regioni italiane: Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e Basilicata, quest’ultima nell’area SIC della costa Jonica, foce del Bradano.

La valutazione dell’esposizione è stata effettuata attraverso il monitoraggio di quattro aree protette nell’ambito delle suddette regioni, simulando una possibile esposizione a coltivazioni di mais e colza al fine di monitorare le interazioni fra gli agro-ecosistemi e le aree adiacenti, in particolare tramite la dispersione del polline. Attraverso la valutazione e il monitoraggio delle principali funzioni ecologiche, quali l’impollinazione naturale, il controllo dei parassiti, le funzioni del suolo ecc. è possibile capire quali possano essere le conseguenze del flusso genico da colture geneticamente modificate verso gli habitat circostanti. Studiando simultaneamente i due eventi è stato possibile produrre una caratterizzazione biologica delle quattro aree protette del progetto utilizzando anche modelli matematici. Il progetto ha permesso anche di classificare l’entomofauna (Lepidotteri, Coleotteri Coccinellidae) e la flora infestante (Brassicaceae), che ha permesso di acquisire ulteriori conoscenze dell’area protetta con l’individuazione di diverse specie animali e vegetali che fino ad oggi erano sconosciute in queste aree.

La Commissione Europea punta a demandare la gestione del rischio relativa agli OGM nelle aree protette ai singoli Stati membri, mentre il processo decisionale rimarrà comunque centralizzato. In aggiunta, gli Stati membri sono chiamati a coinvolgere nel processo gestionale anche le reti di monitoraggio ambientale nazionali. Il progetto ha già anticipato questo approccio e ha già conseguito risultati concreti. Il team di progetto ha infatti censito le reti di monitoraggio ambientale esistenti in Italia e ha anche dato una prima valutazione della loro applicabilità nell’ambito del monitoraggio degli OGM.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende