Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche »Prodotti »Prodotti » P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge:

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge.

In partnership con gli esperti di TerraCycle – la società americana che raccoglie e avvia al riciclo i rifiuti più difficili da riciclare – e con il colosso delle multiutility francesi SUEZ, P&G ha sviluppato questa innovativa soluzione, che sbarcherà in Francia quest’estate come “edizione limitata” disponibile nella catena dei Carrefour. Un esperimento limitato, che costituisce tuttavia, ad oggi, la più grande produzione al mondo di flaconi riciclabili realizzati con post-consumer recycled (PCR) beach plastic. Ma sopratutto il primo passo per costruire una filiera di fornitura in grado di attivare migliaia di volontari e centinaia di ONG, impegnati nella raccolta dei rifiuti di materiale plastico sulle spiagge di diverse località marine internazionali.

Abbiamo pensato che lo shampoo n. 1 nelle vendite mondiali dovesse diventare leader anche nell’innovazione sostenibile - ha dichiarato Lisa Jennings, Vice President, Head & Shoulders and Global Hair Care Sustainability Leader di Procter & Gamble – perché sappiamo che quando facciamo operazioni di questo genere l’intera industria di settore ci segue sulla stessa strada. E siamo stati fortunati a lavorare con eccezionali partner come TerraCycle e SUEZ, che ci hanno aiutati a rendere reale questa visione”.

P&G ha inoltre annunciato che, entro la fine del 2018, in Europa più di mezzo miliardo di flaconi all’anno includerà fino al 25% di plastica riciclata post-consumo. Una cifra che rappresenta più del 90% del totale del packaging per il settore hair care venduto da P&G nel nostro continente, attraverso marchi famosi del proprio portfolio, come H&S e Pantene. Il progetto avrà bisogno di una fornitura di 2.600 tonnellate di plastica riciclata ogni anno, lo stesso peso di otto “jumb” Boeing 747 a pieno carico.

P&G fa sapere di non essere nuova all’utilizzo di plastica riciclata post-consumo per il packaging, ma di utilizzarla da più di 25 anni. L’annuncio di ieri costituisce infatti un ulteriore passo nella direzione dei “Corporate 2020 Goals“, gli obiettivi aziendali al 2020, che includono il raddoppio dell’uso di plastica riciclata per il confezionamento dei vari prodotti della multinazionale e la totale eliminazione dei rifiuti di produzione verso le discariche in tutti gli stabilimenti, con l’avvio a riciclo di tutti gli scarti (“Zero manufacturing waste to landfill“).

Una missione basata sui dati allarmanti della Ellen MacArthur Foundation (EMF), che ha stimato come il 95% del valore del materiale plastico per il packaging – compreso tra gli 80 e i 120 miliardi di dollari all’anno – sia di fatto perduto e sottratto all’economia, con il rischio agghiacciante che, di questo passo, nel 2050 gli oceani contengano più plastica che pesci!

“In P&G crediamo che le azioni dicano più delle parole. L’incremento nell’uso di plastica riciclata post-consumo per i nostri marchi del portafoglio hair-care dimostra il nostro impegno nel guidare un cambiamento reale”, ha aggiunto Virginie Helias, Vice President of Global Sustainability.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende