Home » Comunicati Stampa »Progetti » Plan de Corones: l’inaugurazione del 6° Messner Mountain Museum:

Plan de Corones: l’inaugurazione del 6° Messner Mountain Museum

luglio 31, 2015 Comunicati Stampa, Progetti

Il gran giorno dell’inaugurazione del sesto ed ultimo Messner Mountain Museum in vetta ai 2.275 metri del Plan de Corones è scoccato giovedì 23 luglio. Il museo è dedicato al tema “roccia” e alla vita degli alpinisti, illustrati attraverso oggetti delle collezioni di Reinhold Messner. La realizzazione architettonica dell’idea è stata affidata allo studio di Zaha Hadid, architetto di fama mondiale.

Questo risultato è frutto della collaborazione fra Reinhold Messner per quanto riguarda la storia dell’alpinismo tradizionale, Skirama Plan de Corones per quanto attiene al turismo montano con impianti e strutture d’eccellenza, insieme appunto all’archistar Zaha Hadid.

Tutti i sindaci del luogo, radunatisi per l’inaugurazione, concordano sul fatto che il progetto sia un plusvalore non solo per il Plan de  Corones ed il Comune di Marebbe, ma anche per tutti i comuni dell’Area Vacanze Plan de Corones. Un progetto di questa portata aumenta  infatti, dicono i primi cittadini altoatesini, la notorietà del marchio Plan de Corones così come la visibilità dei comuni limitrofi. Skirama Plan de Corones, committente dell’opera, considera infatti questo progetto come una pietra miliare nella storia degli impianti di risalita. “Questo progetto, realizzato insieme a Zaha Hadid, ci porta un passo avanti rispetto alla concorrenza. Plan de Corones, montagna sciistica n. 1 in Alto Adige, dimostra che alle proprie visioni seguono anche i fatti”, spiega il presidente Matthias Prugger.

Il Museo ha uno sviluppo prevalentemente sotterraneo, articolato su diversi piani tanto che, nonostante i 1.000 metri quadrati di superficie disponibili, solo una minima parte di essi ha richiesto costruzioni fuori terra, a tutto vantaggio della componente paesaggistica, dato il ridottissimo impatto visivo della struttura rispetto all’ambiente naturale in cui sorge. Il movimento complessivo di materiale di scavo è stato comunque imponente, con circa 4.000 metri cubi. Questa soluzione costruttiva sotterranea, offre però la possibilità, al Messner Mountain Museum Corones, di godere di una temperatura interna costante durante tutto l’anno, e garantisce un’ottimizzazione anche in termini di efficienza energetica.

Il livello superiore ospita l’area d’ingresso con le casse, un piccolo “Museum-shop” e il guardaroba con armadietti. Da qui, un sistema di scalinate a cascata conduce i visitatori ai sottostanti tre livelli espositivi, fino a raggiungere il livello più basso. Una superficie espositiva centrale, che rappresenta il “cuore” del Museo, offre spazi per esposizioni temporanee a tema e presentazioni.

Nel loro cammino, che termina al livello più basso della struttura, i visitatori si troveranno di fronte a delle grandi finestre panoramiche, fino a raggiungere una terrazza esterna di circa 40 metri quadrati di superficie, dalla quale potranno godere dello splendido panorama a 240°, spaziando dalle Alpi dello Zillertal all’Ortles, fino alle Dolomiti. Un modo suggestivo per intensificare il rapporto fra l’ambiente montano esterno e il tema del Museo, le gigantesche pareti di roccia che incarnano la disciplina principe dell’alpinismo. Su questo livello è prevista inoltre una piccola sala cinematografica con una ventina di posti a sedere, per le proiezioni a tema.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende