Home » Comunicati Stampa »Prodotti »Prodotti » PLASTiCE: un progetto per la diffusione delle bio-plastiche:

PLASTiCE: un progetto per la diffusione delle bio-plastiche

settembre 4, 2013 Comunicati Stampa, Prodotti, Prodotti

Ridurre l’impatto ambientale della plastica attraverso le bio-plastiche, e cioè plastiche facilmente degradabili e perciò “sostenibili”. Un cambiamento radicale che avrà un impatto notevole sui consumi ma, prima ancora, sulla produzione industriale. Una svolta possibile, però, solo attraverso la ricerca industriale e la creazione di nuovi materiali che dovranno essere biodegradabili, appunto, ma anche mantenere le stesse performance delle plastiche tradizionali e, cosa non banale, a costi contenuti. Su queste tre direttrici si gioca il futuro della nuova plastica, la sfida è quella di mettere insieme le esigenze dell’ambiente, quelle dei consumatori finali e quelle dei produttori.

Un problema che ha spinto la Commissione Europea a varare il progetto PLASTiCE (Innovative Value Chain Development for Sustainable Plastics in Central Europe), progetto che punta a promuovere nei Paesi partecipanti l’utilizzo di questi materiali eco-friendly nel settore dell’imballaggio, nel tessile, in agricoltura e in ambito medicale, con l’obiettivo di ampliare al massimo la diffusione di polimeri di origine naturale nell’industria che produce e utilizza plastiche e stimolare lo scambio di esperienze tra ricerca e impresa

13 partner europei, tra cui ASTER, coordinati dall’Istituto Nazionale di Chimica di Lubiana (Slovenia), 4 paesi e un grande gruppo industriale come Novamont che lavorano per diffondere la plastica sostenibile e incentivare le innovazioni del settore anche attraverso la diffusione di buone pratiche come i sacchetti in amido di mais per l’umido che possono essere gettati direttamente insieme al rifiuto organico, con cui l’azienda ha ridisegnato interi settori della raccolta differenziata, e il grande progetto di bioraffineria integrata: ovvero risalire la catena del prodotto fino alla materia prima, sviluppando partnership direttamente con gli agricoltori per l’utilizzo degli scarti delle coltivazioni.

Questi e altri progetti e tutte le novità del settore sono ora sui NIP (National Info Point):  sportelli informativi on-line a disposizione delle industrie e dei cittadini per conoscere da vicino i temi di discussione e le best practice ma soprattutto marketplace per stimolare l’interazione tra domanda e offerta per lo sviluppo di filiere innovative e ampliare il dibattito sul tema.

Il settore con il più alto potenziale di impiego dei nuovi materiali è ovviamente quello degli imballaggi (contenitori alimentari, confezioni, reti e schiume), la cui capacità di adottare soluzioni innovative dipende dalle aspettative delle aziende utilizzatrici (settore alimentare, vendita al dettaglio, medicale) e da quelle dei consumatori finali, che devono essere correttamente informati.

Anche a questi ultimi si rivolge il progetto PLASTICE per diffondere una cultura delle plastiche degradabili  e il compostaggio di rifiuti alimentari. Ma non solo.

“La plastica gioca un ruolo fondamentale nella nostra vita quotidiana, ma presenta il grande problema di essere un materiale realizzato da fonti non rinnovabili e di non essere biodegradabile”, spiega Andrej Krzan, dell’Istituto nazionale di Chimica di Lubiana e coordinatore di PLASTiCE. “Le bioplastiche offrono ottime soluzioni sul fronte della compatibilità ambientale. Si tratta di prodotti già presenti sul mercato ma su cui si può lavorare ancora molto. Il nostro obiettivo è quello di sostenere l’innovazione e lo sviluppo delle bioplastiche e far conoscere ai soggetti interessati le opportunità esistenti”. L’Europa centrale risulta infatti particolarmente avanzata nel settore della ricerca dei materiali biodegradabili, e può mirare alla leadership mondiale nella produzione e commercializzazione.

Diversi i progetti realizzati in tutta Europa grazie a Plastice. Coinvolgono direttamente un centinaio di enti, imprese e associazioni. Tra questi: studi riguardanti pellicole per il trasporto di prodotti ortofrutticoli con barriere antimicrobi, oppure spaghi biodegradabili per il sostegno dei rampicanti o tubature biodegradabili in materie prime naturali per l’irrigazione. Ma anche ricerche sulla lavorazione di cellulose termoplastiche per la realizzazione di materiali fibrosi e igienici che possono essere utilizzati anche in campo medico.

Molte di queste sviluppato proprio nei laboratori delle Università dell’Emilia-Romagna e della Rete Alta Tecnologia, nei quali, accanto ai nuovi materiali si lavora anche per evitare l’utilizzo di materie prime nobili e per ridurre al minimo gli scarti di lavorazione. Su questo sta lavorando, ad esempio, il gruppo di ricerca Gruppo Polimeri del Dipartimento di Chimica G.Ciamician dell’Università di Bologna, coordinato da  Mariastella Scandola.

Il mercato, soprattutto quello automobilistico, ha già sperimentato da diversi anni con successo l’utilizzo di materiali compositi, in cui le plastiche vengono rinforzate non più con fibre di vetro ma con fibre cellulosiche, come la canapa. “La nuova frontiera – prosegue Mariastella Scandola – è tenere le fibre di rinforzo e sostituire il composto plastico con bio-composti”. Il vantaggio sta anche nelle prestazioni: “Le fibre naturali pesano meno, offrendo una marcia in più per tutte le applicazioni che hanno a che fare ciò che si muove, a partire dal settore automobilistico e automotive”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende