Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento:

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia per affrontare i fenomeni atmosferici eccezionali conseguenti al surriscaldamento del pianeta e di cui il capoluogo piemontese è città pilota.

Il percorso, che termina a settembre, ha permesso di affrontare il tema dell’adattamento nell’ambito delle aree industriali, coinvolgendole nell’identificazione delle vulnerabilità per le imprese e delle azioni per ridurre quest’esposizione. DERRIS, in sostanza, ha avuto l’obiettivo di testare un metodo di approccio e di favorire la crescita di una cultura del rischio nelle Pubbliche amministrazioni e nelle PMI.

L’amministrazione comunale ha scelto di agire in sei ambiti territoriali con elevata presenza di PMI nell’area Nord della città, dove ha identificato trenta imprese valutando la loro capacità di difendersi da eventi atmosferici di forte intensità e scrivendo con loro un “Piano di Adattamento” che permetterà di ridurre i possibili danni e di ridurre il tempo di ripartenza dopo eventuali interruzioni della produzione. Si stima infatti che il 90% delle PMI che interrompono la produzione per più di una settimana falliscano entro un anno. E negli ultimi cinque anni sono state ben 22.000 le imprese danneggiate da eventi riconducibili a terremoti e dissesto idrogeologico; circa 800.000 imprese, inoltre, sono collocate in aree a dissesto idrogeologico, eppure mancano degli strumenti per affrontare, gestire e valutare questi stessi rischi e spesso li sottovalutano.

Il progetto ha offerto l’opportunità di svolgere una prima analisi di vulnerabilità che ha sottolineato come il territorio è effettivamente interessato da mutamenti climatici importanti, soprattutto in termini di ondate di calore, periodi di siccità, aumento delle precipitazioni e della loro intensità ed eventi estremi.

L’esperienza torinese è replicata in altre dieci città italiane. Oltre all’accompagnamento alle imprese, l’azione della Città di Torino si è orientata all’interno della macchina comunale – costituendo un gruppo di lavoro interassessorile – e verso gli altri enti e utility per diffondere la cultura del rischio e predisporre il terreno per la nuova fase di lavoro: la definizione di un Piano di adattamento cittadino. Un percorso che Torino non farà da sola: si confronterà con altre esperienze italiane ma soprattutto proseguirà nel confronto con Portland, la città dell’Oregon che è tra le più avanzate nel mondo in questo ambito ed è giunta alla quarta revisione del suo “Piano Climatico”.

“L’attuale momento rappresenta una grande opportunità per lo sviluppo di strategie e azioni – spiega l’Assessore all’Ambiente Alberto Unia – considerando che come Città stiamo portando avanti la revisione del Piano Regolatore Generale e del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e che stiamo per avviare lo sviluppo di un Piano Strategico dell’Infrastruttura Verde. Entro l’estate del 2019 auspichiamo di avere anche un primo Piano di Adattamento che potrà dialogare attivamente con questi processi”.

Giovedì 7 giugno, gli amministratori torinesi si confronteranno con i colleghi della Città di Portland nell’ambito del terzo appuntamento di “Torino Climate Lab”, incontro aperto al pubblico (Via Corte d’Appello 16, Sala Bobbio, ore 17.00).

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende