Home » Comunicati Stampa »Eventi » Politica europea e accordi commerciali internazionali al centro di BIOFACH 2015:

Politica europea e accordi commerciali internazionali al centro di BIOFACH 2015

febbraio 3, 2015 Comunicati Stampa, Eventi

Una volta all’anno il BIOFACH, salone leader mondiale degli alimenti biologici, riunisce gli operatori dell’intero settore a Norimberga: l’ultima edizione ha contato 2.263 espositori e 42.445 visitatori. Tutti insieme contribuiscono a dare forma sia al futuro del mercato globale e del movimento biologico, sia alla politica. Alla prossima edizione del BIOFACH, dall’11 al 14 febbraio 2015, il dibattito riguarderà il futuro del bio, sotto il titolo di Organic 3.0.

I congressi BIOFACH e VIVANESS comprendono una serie di circa 100 conferenze e gruppi di discussione raggiungendo più di 6.500 partecipanti. Si tratta del maggiore convegno del biologico al mondo ed è una piattaforma incomparabile per lo scambio di informazioni e di sapere.

Le condizioni generali per l’agricoltura e l’industria alimentare sono definite dagli Stati, o da comunità di Stati, a livello locale, nazionale, internazionale e globale in un gran numero di documenti legalmente vincolanti o strategici. Questi stabiliscono, ad esempio, come sia da incentivare, trasmettere e studiare l’agricoltura a orientamento ecologico, oppure quali disposizioni debbano osservare la produzione, la trasformazione e il commercio. In Europa le condizioni produttive per gli alimenti biologici sono fissate a livello UE, elaborate e sviluppate negli stati membri che le integrano con disposizioni nazionali, per essere infine tradotte in pratica su scala regionale e comunale. Il regolamento biologico UE, le normative sui fertilizzanti, le sementi e gli anticrittogamici o la legge sull’ingegneria genetica sono soltanto alcuni degli atti giuridici che definiscono la cornice operativa per l’agricoltura e l’industria alimentare. Oltre alle leggi, che garantiscono sicurezza giuridica agli operatori economici coinvolti e permettono una concorrenza leale, hanno grande importanza le misure di incentivo della Politica Agricola Comune dell’UE (PAC) come, ad esempio, i pagamenti diretti agli agricoltori, nonché l’orientamento assunto dalla politica della ricerca.

“Quanto il rifacimento di una legge possa sconvolgere la completa coscienza di sé del settore si evidenzia nella proposta di revisione totale del regolamento biologico UE avanzata dalla Commissione Europea. Il comparto bio europeo osteggia quasi all’unisono le proposte che si leggono come una cura dimagrante e riduttiva, redatta su carta, per l’economia alimentare ecologica. Invece di un ‘more and better‘, quale obiettivo indicato dalla Commissione UE, su tutti gli operatori economici coinvolti grava ora la minaccia di un ‘less and worse. Chi desidera il ‘more and better’ deve provvedere a perfezionare ulteriormente nelle parti decisive l’esistente regolamento biologico UE”, spiega Peter Röhrig, amministratore delegato dell’Unione tedesca degli operatori economici del settore ecologico alimentare ‘Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft’ – BÖLW di Berlino.

“Nella discussione sul futuro ecologico e la creazione di buone condizioni quadro per ‘più bio’ l’attenzione si focalizza anche sugli strumenti di politica commerciale internazionale. Infatti, con accordi bilaterali o multilaterali come il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), il CETA (Accordo di libero scambio tra UE e Canada) o il TiSA (Trade in Services Agreement) non si tenta soltanto di riorganizzare il commercio mondiale a svantaggio del comparto biologico. Specialmente quest’ultimo deve porre particolare attenzione su quali standard della cultura agricola e alimentare siano essenziali e non possano essere quindi oggetto di trattativa. Per poter superare le sfide della transizione climatica, della sovranità alimentare, della perdita di biodiversità e della perdita di risorse il bio deve infatti continuare a svilupparsi in modo dinamico e come canone dell’industria alimentare. L’Anno del Suolo 2015 delle Nazioni Unite (ONU) è una chance in tal merito”, aggiunge Markus Arbenz, amministratore delegato dell’International Federation of Organic Agriculture Movements – IFOAM di Bonn.

Nel 2015, nell’ambito del tema conduttore del congresso, l’IFOAM (l’ente patrocinatore internazionale del BIOFACH) e il BÖLW (il suo ente promotore nazionale) porranno la loro attenzione sulla riforma della legislazione biologica europea e sulla politica commerciale internazionale. Grazie al regolamento biologico UE i principi dell’economia ecologica dispongono di una veste giuridica da oltre 20 anni. Essi sono stati continuamente perfezionati insieme a esponenti del mondo pratico e in linea con le nuove sfide nate dall’evoluzione e dalla professionalizzazione del settore bio nell’UE e a livello globale. Per questa ragione in molti stati membri la proposta di revisione completa del regolamento biologico UE, presentata dalla Commissione europea a marzo del 2014, si è abbattuta come un fulmine a ciel sereno. Con il previsto controllo del commercio al dettaglio verrebbero meno molti punti vendita biologici. Con l’abolizione delle norme di flessibilità sarà molto più difficile produrre prodotti ecologici in tutte le regioni dell’Europa. La fissazione di speciali valori soglia per i prodotti bio scalza il principio comprovato e coronato di successo del controllo orientato al processo. Inoltre le proposte ostacolano l’accesso al mercato ai coltivatori dei paesi poveri del sud, essendo tenuti a rispettare standard europei invece dei propri standard adeguati alle esigenze locali ed equivalenti. Le proposte della Commissione Europea disorientano il settore. La lotta affinché la proposta sia respinta a favore di un aggiornamento mirato del regolamento bio esistente in modo comprovato determina quindi oggi l’attività politica del settore a livello UE e sarà oggetto di discussione anche al salone.

Il mondo bio cresce e anche il commercio. Ciò significa, da un lato, che i rapporti commerciali vigenti all’interno del settore necessitano di un esame approfondito. Inoltre si devono sia comprendere e perfezionare il meccanismo delle importazioni ed esportazioni, sia concentrare l’attenzione sugli standard di produzione e di controllo stranieri. D’altro canto, tuttavia, il comparto non opera sotto una campana di vetro. Accordi internazionali come, ad esempio, il TTIP esigono che il settore biologico europeo e nordamericano si adoperino per il mantenimento di una cultura agricola e alimentare dettata da standard elevati nella coltivazione e nella lavorazione ma anche da una realizzazione democratica e trasparente di leggi e regolamenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende