Home » Comunicati Stampa »Eventi » Politica europea e accordi commerciali internazionali al centro di BIOFACH 2015:

Politica europea e accordi commerciali internazionali al centro di BIOFACH 2015

febbraio 3, 2015 Comunicati Stampa, Eventi

Una volta all’anno il BIOFACH, salone leader mondiale degli alimenti biologici, riunisce gli operatori dell’intero settore a Norimberga: l’ultima edizione ha contato 2.263 espositori e 42.445 visitatori. Tutti insieme contribuiscono a dare forma sia al futuro del mercato globale e del movimento biologico, sia alla politica. Alla prossima edizione del BIOFACH, dall’11 al 14 febbraio 2015, il dibattito riguarderà il futuro del bio, sotto il titolo di Organic 3.0.

I congressi BIOFACH e VIVANESS comprendono una serie di circa 100 conferenze e gruppi di discussione raggiungendo più di 6.500 partecipanti. Si tratta del maggiore convegno del biologico al mondo ed è una piattaforma incomparabile per lo scambio di informazioni e di sapere.

Le condizioni generali per l’agricoltura e l’industria alimentare sono definite dagli Stati, o da comunità di Stati, a livello locale, nazionale, internazionale e globale in un gran numero di documenti legalmente vincolanti o strategici. Questi stabiliscono, ad esempio, come sia da incentivare, trasmettere e studiare l’agricoltura a orientamento ecologico, oppure quali disposizioni debbano osservare la produzione, la trasformazione e il commercio. In Europa le condizioni produttive per gli alimenti biologici sono fissate a livello UE, elaborate e sviluppate negli stati membri che le integrano con disposizioni nazionali, per essere infine tradotte in pratica su scala regionale e comunale. Il regolamento biologico UE, le normative sui fertilizzanti, le sementi e gli anticrittogamici o la legge sull’ingegneria genetica sono soltanto alcuni degli atti giuridici che definiscono la cornice operativa per l’agricoltura e l’industria alimentare. Oltre alle leggi, che garantiscono sicurezza giuridica agli operatori economici coinvolti e permettono una concorrenza leale, hanno grande importanza le misure di incentivo della Politica Agricola Comune dell’UE (PAC) come, ad esempio, i pagamenti diretti agli agricoltori, nonché l’orientamento assunto dalla politica della ricerca.

“Quanto il rifacimento di una legge possa sconvolgere la completa coscienza di sé del settore si evidenzia nella proposta di revisione totale del regolamento biologico UE avanzata dalla Commissione Europea. Il comparto bio europeo osteggia quasi all’unisono le proposte che si leggono come una cura dimagrante e riduttiva, redatta su carta, per l’economia alimentare ecologica. Invece di un ‘more and better‘, quale obiettivo indicato dalla Commissione UE, su tutti gli operatori economici coinvolti grava ora la minaccia di un ‘less and worse. Chi desidera il ‘more and better’ deve provvedere a perfezionare ulteriormente nelle parti decisive l’esistente regolamento biologico UE”, spiega Peter Röhrig, amministratore delegato dell’Unione tedesca degli operatori economici del settore ecologico alimentare ‘Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft’ – BÖLW di Berlino.

“Nella discussione sul futuro ecologico e la creazione di buone condizioni quadro per ‘più bio’ l’attenzione si focalizza anche sugli strumenti di politica commerciale internazionale. Infatti, con accordi bilaterali o multilaterali come il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), il CETA (Accordo di libero scambio tra UE e Canada) o il TiSA (Trade in Services Agreement) non si tenta soltanto di riorganizzare il commercio mondiale a svantaggio del comparto biologico. Specialmente quest’ultimo deve porre particolare attenzione su quali standard della cultura agricola e alimentare siano essenziali e non possano essere quindi oggetto di trattativa. Per poter superare le sfide della transizione climatica, della sovranità alimentare, della perdita di biodiversità e della perdita di risorse il bio deve infatti continuare a svilupparsi in modo dinamico e come canone dell’industria alimentare. L’Anno del Suolo 2015 delle Nazioni Unite (ONU) è una chance in tal merito”, aggiunge Markus Arbenz, amministratore delegato dell’International Federation of Organic Agriculture Movements – IFOAM di Bonn.

Nel 2015, nell’ambito del tema conduttore del congresso, l’IFOAM (l’ente patrocinatore internazionale del BIOFACH) e il BÖLW (il suo ente promotore nazionale) porranno la loro attenzione sulla riforma della legislazione biologica europea e sulla politica commerciale internazionale. Grazie al regolamento biologico UE i principi dell’economia ecologica dispongono di una veste giuridica da oltre 20 anni. Essi sono stati continuamente perfezionati insieme a esponenti del mondo pratico e in linea con le nuove sfide nate dall’evoluzione e dalla professionalizzazione del settore bio nell’UE e a livello globale. Per questa ragione in molti stati membri la proposta di revisione completa del regolamento biologico UE, presentata dalla Commissione europea a marzo del 2014, si è abbattuta come un fulmine a ciel sereno. Con il previsto controllo del commercio al dettaglio verrebbero meno molti punti vendita biologici. Con l’abolizione delle norme di flessibilità sarà molto più difficile produrre prodotti ecologici in tutte le regioni dell’Europa. La fissazione di speciali valori soglia per i prodotti bio scalza il principio comprovato e coronato di successo del controllo orientato al processo. Inoltre le proposte ostacolano l’accesso al mercato ai coltivatori dei paesi poveri del sud, essendo tenuti a rispettare standard europei invece dei propri standard adeguati alle esigenze locali ed equivalenti. Le proposte della Commissione Europea disorientano il settore. La lotta affinché la proposta sia respinta a favore di un aggiornamento mirato del regolamento bio esistente in modo comprovato determina quindi oggi l’attività politica del settore a livello UE e sarà oggetto di discussione anche al salone.

Il mondo bio cresce e anche il commercio. Ciò significa, da un lato, che i rapporti commerciali vigenti all’interno del settore necessitano di un esame approfondito. Inoltre si devono sia comprendere e perfezionare il meccanismo delle importazioni ed esportazioni, sia concentrare l’attenzione sugli standard di produzione e di controllo stranieri. D’altro canto, tuttavia, il comparto non opera sotto una campana di vetro. Accordi internazionali come, ad esempio, il TTIP esigono che il settore biologico europeo e nordamericano si adoperino per il mantenimento di una cultura agricola e alimentare dettata da standard elevati nella coltivazione e nella lavorazione ma anche da una realizzazione democratica e trasparente di leggi e regolamenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende