Home » Comunicati Stampa »Eventi » Politica europea e accordi commerciali internazionali al centro di BIOFACH 2015:

Politica europea e accordi commerciali internazionali al centro di BIOFACH 2015

febbraio 3, 2015 Comunicati Stampa, Eventi

Una volta all’anno il BIOFACH, salone leader mondiale degli alimenti biologici, riunisce gli operatori dell’intero settore a Norimberga: l’ultima edizione ha contato 2.263 espositori e 42.445 visitatori. Tutti insieme contribuiscono a dare forma sia al futuro del mercato globale e del movimento biologico, sia alla politica. Alla prossima edizione del BIOFACH, dall’11 al 14 febbraio 2015, il dibattito riguarderà il futuro del bio, sotto il titolo di Organic 3.0.

I congressi BIOFACH e VIVANESS comprendono una serie di circa 100 conferenze e gruppi di discussione raggiungendo più di 6.500 partecipanti. Si tratta del maggiore convegno del biologico al mondo ed è una piattaforma incomparabile per lo scambio di informazioni e di sapere.

Le condizioni generali per l’agricoltura e l’industria alimentare sono definite dagli Stati, o da comunità di Stati, a livello locale, nazionale, internazionale e globale in un gran numero di documenti legalmente vincolanti o strategici. Questi stabiliscono, ad esempio, come sia da incentivare, trasmettere e studiare l’agricoltura a orientamento ecologico, oppure quali disposizioni debbano osservare la produzione, la trasformazione e il commercio. In Europa le condizioni produttive per gli alimenti biologici sono fissate a livello UE, elaborate e sviluppate negli stati membri che le integrano con disposizioni nazionali, per essere infine tradotte in pratica su scala regionale e comunale. Il regolamento biologico UE, le normative sui fertilizzanti, le sementi e gli anticrittogamici o la legge sull’ingegneria genetica sono soltanto alcuni degli atti giuridici che definiscono la cornice operativa per l’agricoltura e l’industria alimentare. Oltre alle leggi, che garantiscono sicurezza giuridica agli operatori economici coinvolti e permettono una concorrenza leale, hanno grande importanza le misure di incentivo della Politica Agricola Comune dell’UE (PAC) come, ad esempio, i pagamenti diretti agli agricoltori, nonché l’orientamento assunto dalla politica della ricerca.

“Quanto il rifacimento di una legge possa sconvolgere la completa coscienza di sé del settore si evidenzia nella proposta di revisione totale del regolamento biologico UE avanzata dalla Commissione Europea. Il comparto bio europeo osteggia quasi all’unisono le proposte che si leggono come una cura dimagrante e riduttiva, redatta su carta, per l’economia alimentare ecologica. Invece di un ‘more and better‘, quale obiettivo indicato dalla Commissione UE, su tutti gli operatori economici coinvolti grava ora la minaccia di un ‘less and worse. Chi desidera il ‘more and better’ deve provvedere a perfezionare ulteriormente nelle parti decisive l’esistente regolamento biologico UE”, spiega Peter Röhrig, amministratore delegato dell’Unione tedesca degli operatori economici del settore ecologico alimentare ‘Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft’ – BÖLW di Berlino.

“Nella discussione sul futuro ecologico e la creazione di buone condizioni quadro per ‘più bio’ l’attenzione si focalizza anche sugli strumenti di politica commerciale internazionale. Infatti, con accordi bilaterali o multilaterali come il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), il CETA (Accordo di libero scambio tra UE e Canada) o il TiSA (Trade in Services Agreement) non si tenta soltanto di riorganizzare il commercio mondiale a svantaggio del comparto biologico. Specialmente quest’ultimo deve porre particolare attenzione su quali standard della cultura agricola e alimentare siano essenziali e non possano essere quindi oggetto di trattativa. Per poter superare le sfide della transizione climatica, della sovranità alimentare, della perdita di biodiversità e della perdita di risorse il bio deve infatti continuare a svilupparsi in modo dinamico e come canone dell’industria alimentare. L’Anno del Suolo 2015 delle Nazioni Unite (ONU) è una chance in tal merito”, aggiunge Markus Arbenz, amministratore delegato dell’International Federation of Organic Agriculture Movements – IFOAM di Bonn.

Nel 2015, nell’ambito del tema conduttore del congresso, l’IFOAM (l’ente patrocinatore internazionale del BIOFACH) e il BÖLW (il suo ente promotore nazionale) porranno la loro attenzione sulla riforma della legislazione biologica europea e sulla politica commerciale internazionale. Grazie al regolamento biologico UE i principi dell’economia ecologica dispongono di una veste giuridica da oltre 20 anni. Essi sono stati continuamente perfezionati insieme a esponenti del mondo pratico e in linea con le nuove sfide nate dall’evoluzione e dalla professionalizzazione del settore bio nell’UE e a livello globale. Per questa ragione in molti stati membri la proposta di revisione completa del regolamento biologico UE, presentata dalla Commissione europea a marzo del 2014, si è abbattuta come un fulmine a ciel sereno. Con il previsto controllo del commercio al dettaglio verrebbero meno molti punti vendita biologici. Con l’abolizione delle norme di flessibilità sarà molto più difficile produrre prodotti ecologici in tutte le regioni dell’Europa. La fissazione di speciali valori soglia per i prodotti bio scalza il principio comprovato e coronato di successo del controllo orientato al processo. Inoltre le proposte ostacolano l’accesso al mercato ai coltivatori dei paesi poveri del sud, essendo tenuti a rispettare standard europei invece dei propri standard adeguati alle esigenze locali ed equivalenti. Le proposte della Commissione Europea disorientano il settore. La lotta affinché la proposta sia respinta a favore di un aggiornamento mirato del regolamento bio esistente in modo comprovato determina quindi oggi l’attività politica del settore a livello UE e sarà oggetto di discussione anche al salone.

Il mondo bio cresce e anche il commercio. Ciò significa, da un lato, che i rapporti commerciali vigenti all’interno del settore necessitano di un esame approfondito. Inoltre si devono sia comprendere e perfezionare il meccanismo delle importazioni ed esportazioni, sia concentrare l’attenzione sugli standard di produzione e di controllo stranieri. D’altro canto, tuttavia, il comparto non opera sotto una campana di vetro. Accordi internazionali come, ad esempio, il TTIP esigono che il settore biologico europeo e nordamericano si adoperino per il mantenimento di una cultura agricola e alimentare dettata da standard elevati nella coltivazione e nella lavorazione ma anche da una realizzazione democratica e trasparente di leggi e regolamenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende