Home » Comunicati Stampa »Progetti » Pony Zero, da Lisbona a Dublino: consegna in bici da record a 2.500 km di distanza:

Pony Zero, da Lisbona a Dublino: consegna in bici da record a 2.500 km di distanza

novembre 24, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Dopo la chiusura dell’accordo con Italo Treno, che permetterà di portare in italia il modello svizzero di consegne ecologiche bici-treno-bici, Pony Zero raggiunge un altro risultato positivo. La startup torinese infatti ha appena effettuato una seconda consegna da 2.500 km in bicicletta. Battendo il suo stesso record, da 1.800km scritto pochi mesi prima, la società di bike messenger, con l’aiuto di Valerio Giordano, uno dei suoi corrieri, ha attraversato 4 nazioni ed effettuato la consegna dimostrativa di 2 pacchi nella città di Dublino. Partito da Lisbona il 24 agosto 2014 Valerio Giordano, ha attraversato Portogallo, Spegna, Inghilterra e Irlanda, per giungere a Dublino il 2 Ottobre 2014 in sella alla sua bici, che lui stesso ha battezzato Paine.

“L’idea è nata – racconta Marco Actis, CEO di PonyZero – quando Valerio ci ha comunicato di voler partire in solitaria, per fare il giro dell’Europa in bicicletta. Valerio era nostro bike messenger sin dall’apertura, ci ha aiutato a crescere, ed eravamo un po’ dispiaciuti che ci lasciasse per così tanto tempo. Da qui è nata l’idea di commissionargli una consegna da record”.

“Il viaggio è stato faticoso e non senza imprevisti, Valerio ha pedalato di notte e di giorno sostando nelle città per riposarsi e visitarle. Ha conosciuto luoghi e persone, ha dormito a volte  in tenda, a volte in ostello e a volte ospite in couchsurfing. Si è divertito e si è stancato ma non ha mai mollato”.

Pony Zero è una società di bike messenger attiva nella città di Torino e Milano che effettua spedizioni di posta e pacchi in bicicletta, abbattendo totalmente le emissioni di CO2, con un servizio di spedizioni più veloce di circa l’40% rispetto ai corrieri tradizionali. La risposta al problema delle consegne è dato dal connubio tra l’agilità e i costi contenuti legati all’utilizzo delle biciclette in spazi urbani e il software gestionale marchiato Pony Zero. Chiunque, azienda o privato, può facilmente richiedere una spedizione semplicemente tramite l’applicativo Web, il quale, rileva il bike messenger attivo più vicino e gli assegna automaticamente la corsa. Pony zero aprirà entro il 2015 nuove sedi nelle principali città Italiane ed entro il 2016 nelle principali città d’Europa.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende