Home » Comunicati Stampa »Progetti » Pony Zero, da Lisbona a Dublino: consegna in bici da record a 2.500 km di distanza:

Pony Zero, da Lisbona a Dublino: consegna in bici da record a 2.500 km di distanza

novembre 24, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Dopo la chiusura dell’accordo con Italo Treno, che permetterà di portare in italia il modello svizzero di consegne ecologiche bici-treno-bici, Pony Zero raggiunge un altro risultato positivo. La startup torinese infatti ha appena effettuato una seconda consegna da 2.500 km in bicicletta. Battendo il suo stesso record, da 1.800km scritto pochi mesi prima, la società di bike messenger, con l’aiuto di Valerio Giordano, uno dei suoi corrieri, ha attraversato 4 nazioni ed effettuato la consegna dimostrativa di 2 pacchi nella città di Dublino. Partito da Lisbona il 24 agosto 2014 Valerio Giordano, ha attraversato Portogallo, Spegna, Inghilterra e Irlanda, per giungere a Dublino il 2 Ottobre 2014 in sella alla sua bici, che lui stesso ha battezzato Paine.

“L’idea è nata – racconta Marco Actis, CEO di PonyZero – quando Valerio ci ha comunicato di voler partire in solitaria, per fare il giro dell’Europa in bicicletta. Valerio era nostro bike messenger sin dall’apertura, ci ha aiutato a crescere, ed eravamo un po’ dispiaciuti che ci lasciasse per così tanto tempo. Da qui è nata l’idea di commissionargli una consegna da record”.

“Il viaggio è stato faticoso e non senza imprevisti, Valerio ha pedalato di notte e di giorno sostando nelle città per riposarsi e visitarle. Ha conosciuto luoghi e persone, ha dormito a volte  in tenda, a volte in ostello e a volte ospite in couchsurfing. Si è divertito e si è stancato ma non ha mai mollato”.

Pony Zero è una società di bike messenger attiva nella città di Torino e Milano che effettua spedizioni di posta e pacchi in bicicletta, abbattendo totalmente le emissioni di CO2, con un servizio di spedizioni più veloce di circa l’40% rispetto ai corrieri tradizionali. La risposta al problema delle consegne è dato dal connubio tra l’agilità e i costi contenuti legati all’utilizzo delle biciclette in spazi urbani e il software gestionale marchiato Pony Zero. Chiunque, azienda o privato, può facilmente richiedere una spedizione semplicemente tramite l’applicativo Web, il quale, rileva il bike messenger attivo più vicino e gli assegna automaticamente la corsa. Pony zero aprirà entro il 2015 nuove sedi nelle principali città Italiane ed entro il 2016 nelle principali città d’Europa.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende