Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche » Post olimpico: Cesana punta sulla riconversione a basso impatto della pista da bob:

Post olimpico: Cesana punta sulla riconversione a basso impatto della pista da bob

La pista olimpica da Bob di Cesana Pariol dovrebbe restare in funzione fino al 2022. È una delle proposte avanzate dal Collegio dei Soci Fondatori della Fondazione 20 Marzo 2006, riunitosi ieri mattina presso la sala Giunta della Regione Piemonte, con l’obiettivo di delineare i criteri a cui dovrà necessariamente rispondere lo studio di fattibilità ambientale, la cui bozza dovrà essere pronta entro fine luglio.

Il Collegio, di cui fanno parte per la Regione Piemonte l’assessore al post olimpico Roberto Ravello, per la Provincia di Torino il vice Presidente e assessore allo Sport e Post olimpico Gianfranco Porqueddu, per il Comune di Torino il vicesindaco Tommaso Dealessandri , per il Coni Flavio Roda, presidente FISI- Federazione Italiana Sport Invernali, ha posto l’accento soprattutto su alcune indicazioni di cui la conversione della pista dovrà tener conto: l’individuazione di un orizzonte temporale entro cui tenere in funzione l’impianto(la data presumibilmente sarà appunto il 2022); il numero di giorni annui in cui resterà operativo l’impianto ed i relativi costi di gestione; la riconversione dell’impianto di refrigeramento con fluidi antigelo di nuova generazione a basso impatto ambientale.

Il Collegio ha inoltre valutato la possibilità di prevedere l’utilizzo di fonti alternative per ridurre i costi di esercizio. Da una prima ipotesi i costi di gestione potrebbero ammontare a circa 600 mila euro, di cui si farebbero carico, ognuno per una quota di 200 mila euro, il Comune di Cesana, il Coni e l’Associazione Albergatori Val di Susa.

A questi si aggiungerebbero poi i costi di gestione sportiva e cioè di preparazione e manutenzione del ghiaccio anche in funzione dei giorni in cui sarà operativo l’impianto. Il risparmio energetico dato dall’utilizzo di fonti alternative potrebbe permettere, secondo i Soci Fondatori, di compensare i costi derivanti dalla gestione del ghiaccio. Il costo totale di ripristino dell’impianto per un valore di oltre 4 milioni di euro, verrebbe finanziato con i fondi risparmiati dall’Agenzia Torino 2006 e messi a disposizione dalla legge 65 per la valorizzazione e la promozione turistica delle valli e dei comuni olimpici.

L’incontro si è concluso con la proposta della Provincia di Torino (attuale proprietario dell’impianto) di cedere la proprietà al Comune di Cesana, permettendo così all’amministrazione comunale di gestire e seguire in modo più semplice e diretto il progetto di rinnovamento dell’impianto olimpico.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende