Home » Comunicati Stampa » Intesa tra il Parco Gran Sasso e Bioparco di Roma per una nuova struttura faunistica:

Intesa tra il Parco Gran Sasso e Bioparco di Roma per una nuova struttura faunistica

dicembre 21, 2011 Comunicati Stampa

L’esigenza di una nuova progettualità, per valorizzare la biodiversità del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, trova occasione di condivisione nel progetto del Parco Faunistico del Gran Sasso d’Italia, che sorgerà nell’emozionante cornice del “Paretone”, nel versante teramano del massiccio, e nella località del Vasto, nel comprensorio aquilano.

E’ stato firmato tra l’Ente Parco e la Fondazione Bioparco di Roma, un Protocollo d’Intesa, le cui azioni si concretizzeranno in una consulenza, della Fondazione per fornire all’area protetta il necessario know how e le specifiche competenze sia in fase di realizzazione, sia nella gestione del patrimonio faunistico.

Il Protocollo d’Intesa è stato presentato ieri a Roma in Campidoglio, nell’ambito dell’incontro “L’uso sociale delle aree protette urbane e periurbane”, organizzato dalla Presidenza di Roma Capitale e dalla Fondazione Bioparco di Roma. All’incontro hanno partecipato il Presidente del Parco Arturo Diaconale, il Presidente della Fondazione Bioparco, Paolo Giuntarelli, il Sindaco di Isola del Gran Sasso, Alfredo Di Varano, il Presidente della Società Geografica Italiana Franco Salvatori, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Marco Visconti, il Prof.Aniello Angelo Avella della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata e il Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Roma, Andrea De Priamo.

I parchi faunistici sono una novità del sistema nazionale delle aree protette, perché, pur ispirandosi ai wild park tedeschi, aggiungono a quelle esperienze finalità di conservazione, ricerca ed educazione alla sostenibilità ambientale. Il progetto del Parco Faunistico del Gran Sasso d’Italia, in particolare, farà tesoro delle esperienze scaturite dai molteplici progetti “Life+“ che l’Ente da anni realizza, intercettando finanziamenti europei per la reintroduzione e la salvaguardia di specie peculiari dell’ecosistema appenninico, quali il camoscio, il lupo e il cervo.

Nella piena osservanza delle normative vigenti, il progetto non prevede l’edificazione di nuove strutture ma opere di riqualificazione, con rimozione dei detrattori ambientali residui degli ex cantieri Cogefar, ovvero i villaggi edificati all’epoca della realizzazione del traforo del Gran Sasso. Le aree faunistiche occuperanno porzioni di territorio piuttosto estese ed idonee al mantenimento, in condizioni seminaturali, di animali selvatici e domestici, che i visitatori potranno osservare usufruendo di appositi sentieri attrezzati. La composizione degli habitat avverrà per gradi, partendo dagli elementi più facilmente gestibili ed unendo via via i più complessi.

L’opportunità di un’intesa istituzionale con il Parco Gran Sasso Laga è stata bene accolta dal Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Paolo Giuntarelli, per il quale «Le finalità del progetto sono pienamente rispondenti alle attese della Fondazione di operare per una vasta ed eterogenea cultura ambientale, facendo leva sull’emotività che scatena l’incontro ravvicinato con gli animali».

Soddisfazione per l’accordo è stata espressa anche dal Presidente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Arturo Diaconale, in quanto il Parco «potrà sostenere un progetto che unisce finalità di tutela e di sviluppo e che prefigura effetti rivitalizzanti, anche in termini di occupazione, per l’economia delle aree interne».

Non ultimo, in un’ottica di sistema, la prossimità con il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata, nel versante teramano, e con il Santuario del Beato Giovanni Paolo II, in quello aquilano, potrà consentire al Parco Faunistico di intercettare differenziati flussi di visitatori. Il progetto, naturalmente, dovrà essere condiviso, sia in fase di concertazione che in fase progettuale, non soltanto con le Amministrazioni Comunali di Isola del Gran Sasso e dell’Aquila, ma anche con tutti i portatori d’interesse territoriali, in particolare con i proprietari dei terreni e le comunità residenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende