Home » Comunicati Stampa » Intesa tra il Parco Gran Sasso e Bioparco di Roma per una nuova struttura faunistica:

Intesa tra il Parco Gran Sasso e Bioparco di Roma per una nuova struttura faunistica

dicembre 21, 2011 Comunicati Stampa

L’esigenza di una nuova progettualità, per valorizzare la biodiversità del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, trova occasione di condivisione nel progetto del Parco Faunistico del Gran Sasso d’Italia, che sorgerà nell’emozionante cornice del “Paretone”, nel versante teramano del massiccio, e nella località del Vasto, nel comprensorio aquilano.

E’ stato firmato tra l’Ente Parco e la Fondazione Bioparco di Roma, un Protocollo d’Intesa, le cui azioni si concretizzeranno in una consulenza, della Fondazione per fornire all’area protetta il necessario know how e le specifiche competenze sia in fase di realizzazione, sia nella gestione del patrimonio faunistico.

Il Protocollo d’Intesa è stato presentato ieri a Roma in Campidoglio, nell’ambito dell’incontro “L’uso sociale delle aree protette urbane e periurbane”, organizzato dalla Presidenza di Roma Capitale e dalla Fondazione Bioparco di Roma. All’incontro hanno partecipato il Presidente del Parco Arturo Diaconale, il Presidente della Fondazione Bioparco, Paolo Giuntarelli, il Sindaco di Isola del Gran Sasso, Alfredo Di Varano, il Presidente della Società Geografica Italiana Franco Salvatori, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Marco Visconti, il Prof.Aniello Angelo Avella della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata e il Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Roma, Andrea De Priamo.

I parchi faunistici sono una novità del sistema nazionale delle aree protette, perché, pur ispirandosi ai wild park tedeschi, aggiungono a quelle esperienze finalità di conservazione, ricerca ed educazione alla sostenibilità ambientale. Il progetto del Parco Faunistico del Gran Sasso d’Italia, in particolare, farà tesoro delle esperienze scaturite dai molteplici progetti “Life+“ che l’Ente da anni realizza, intercettando finanziamenti europei per la reintroduzione e la salvaguardia di specie peculiari dell’ecosistema appenninico, quali il camoscio, il lupo e il cervo.

Nella piena osservanza delle normative vigenti, il progetto non prevede l’edificazione di nuove strutture ma opere di riqualificazione, con rimozione dei detrattori ambientali residui degli ex cantieri Cogefar, ovvero i villaggi edificati all’epoca della realizzazione del traforo del Gran Sasso. Le aree faunistiche occuperanno porzioni di territorio piuttosto estese ed idonee al mantenimento, in condizioni seminaturali, di animali selvatici e domestici, che i visitatori potranno osservare usufruendo di appositi sentieri attrezzati. La composizione degli habitat avverrà per gradi, partendo dagli elementi più facilmente gestibili ed unendo via via i più complessi.

L’opportunità di un’intesa istituzionale con il Parco Gran Sasso Laga è stata bene accolta dal Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Paolo Giuntarelli, per il quale «Le finalità del progetto sono pienamente rispondenti alle attese della Fondazione di operare per una vasta ed eterogenea cultura ambientale, facendo leva sull’emotività che scatena l’incontro ravvicinato con gli animali».

Soddisfazione per l’accordo è stata espressa anche dal Presidente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Arturo Diaconale, in quanto il Parco «potrà sostenere un progetto che unisce finalità di tutela e di sviluppo e che prefigura effetti rivitalizzanti, anche in termini di occupazione, per l’economia delle aree interne».

Non ultimo, in un’ottica di sistema, la prossimità con il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata, nel versante teramano, e con il Santuario del Beato Giovanni Paolo II, in quello aquilano, potrà consentire al Parco Faunistico di intercettare differenziati flussi di visitatori. Il progetto, naturalmente, dovrà essere condiviso, sia in fase di concertazione che in fase progettuale, non soltanto con le Amministrazioni Comunali di Isola del Gran Sasso e dell’Aquila, ma anche con tutti i portatori d’interesse territoriali, in particolare con i proprietari dei terreni e le comunità residenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende