Home » Comunicati Stampa »Progetti » Progetto MEDINA: satelliti per studiare la salute del mare:

Progetto MEDINA: satelliti per studiare la salute del mare

marzo 20, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Gli scienziati hanno iniziato a indagare la salute del Mediterraneo lungo le coste nordafricane grazie ai satelliti. Temperatura della superficie del mare, trasparenza, presenza di sostanze organiche, concentrazione della clorofilla sono alcuni dei dati forniti dal telerilevamento. Come mettere questa tecnologia al servizio di biologi marini e istituzioni di MaroccoAlgeriaTunisiaLibia ed Egitto è tra gli obiettivi del progetto MEDINA, finanziato con 3,5 milioni di euro dalla Commissione Europea e giunto alle sue fasi finali. L’Università Ca’ Foscari Venezia è capofila del gruppo di ricerca, che comprende 12 enti europei e nordafricani, tra i quali l’Agenzia Spaziale Europea, il Joint Research Centre dell’Unione Europea e il CNR.

«I satelliti rendono accessibili molti dati che, opportunamente integrati con dati di campo e risultati di modelli matematici, consentono di valutare lo stato dell’ambiente marino. In prospettiva, l’importanza dei dati da “remote sensing” andrà aumentando, grazie al rapido miglioramento della loro risoluzione spaziale e spettrale – spiega Roberto Pastres, coordinatore del progetto MEDINA e professore associato di Chimica Ambientale all’Università Ca’ Foscari Venezia – Con i risultati, su cui stiamo lavorando, potranno essere migliorate la gestione delle problematiche ambientali e la tutela della biodiversità lungo le coste nordafricane».

Cinque i casi di studio sui quali si concentra l’attenzione dei ricercatori, secondo i quali, il Golfo di Gabès, in Tunisia, presenta condizioni adatte ad essere ripopolato con Posidonia oceanica, la più diffusa pianta marina mediterranea, che  un tempo ricopriva quei fondali e oggi in forte declino a causa della pressione esercitata da industria chimica, turismo e pesca a strascico. Sotto la lente degli scienziati anche l’ecosistema del lago costiero Burullus, dove viene pescato o allevato circa il 20% del pesce egiziano, la laguna di Nador in Marocco, il Golfo di Sirte in Libia e la baia di Bèjaia in Algeria.

I risultati principali del progetto saranno fruibili attraverso mappe di indicatori dello stato dell’ambiente marino e delle principali “pressioni” antropiche, quali, ad esempio, la densità di popolazione lungo la fascia costiera. Alcune di esse sono già disponibili per ricercatori e cittadini dal portale web medinageoportal.eu. I dati raccolti ed elaborati da Medina saranno messi  a disposizione della comunità scientifica e dei decisori politici grazie al collegamento tra il portale MEDINA eGEOSS, il “sistema di sistemi” dei dati ambientali.

Ca’ Foscari Venezia è capofila del team che comprende: Università Autonoma di Barcellona, Università Pablo Olavide di Siviglia,  l’Università Abdelmalek Essaadi di Tangeri (Marocco), il Joint Research Centre dell’Unione Europea, il National Institute of Oceanography and Fishery egiziano, l’UICN Unione internazionale per la conservazione delle risorse naturali, il Commisariat National du Littoral (Algeria), il Plymouth Marine Laboratory (Regno Unito), ACRI Etudes de Conseil (Marocco), l’Agenzia Spaziale Europea e il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende