Home » Comunicati Stampa » Progetto Renault Z.E.: verso la mobilità a emissioni zero:

Progetto Renault Z.E.: verso la mobilità a emissioni zero

luglio 7, 2010 Comunicati Stampa

Twizy ZE, Courtesy of RenaultLa necessità di ridurre la dipendenza petrolifera e la crisi ambientale che attraversa il nostro pianeta creano oggi le condizioni per importanti cambiamenti nella mobilità e per efficaci risposte al surriscaldamento climatico.

La fattura petrolifera rappresenta, infatti, ormai dal 2,5% al 7% del Prodotto Interno Lordo dei paesi. Il trasporto è responsabile del 23% delle emissioni di gas ad effetto serra, e di esso il 73% è imputabile al trasporto su strada. Non possiamo quindi negare che le nostre esigenze di mobilità quotidiana abbiano un impatto sulla qualità dell’aria che respiriamo. In Italia circolano oggi 48 milioni di veicoli, 18 milioni in più rispetto a 20 anni fa. Con 60 auto ogni 100 abitanti siamo fra i Paesi con il più alto tasso di motorizzazione al mondo.

Si tratta di un dato che comporta, oltre a problemi di congestionamento del traffico urbano, un costante aggravio della situazione ambientale nelle nostre città.

La necessità di diminuire in modo significativo l’impatto delle automobili sull’ambiente non è più semplicemente un’ipotesi. L’Unione Europea, ad esempio, impone ai costruttori automobilistici di ridurre drasticamente le emissioni di CO2 dei nuovi veicoli a 120 g/km in media nel 2015, per arrivare fino all’obiettivo di 95 g/km nel 2020.

E’ per questo che Renault si sta impegnando per rendere l’auto elettrica una soluzione disponibile, conveniente ed allettante per il più ampio numero possibile di automobilisti. Un concetto di auto elettrica, destinata a una larga diffusione sul mercato e non un prodotto di nicchia o di apparenza.

Così Renault ha dato vita a un progetto di sviluppo delle “zero emissioni”, con 4 miliardi di euro di investimenti e un team dedicato di 2.000 persone. L’obiettivo è quello di introdurre, tra 2011 e il 2012, sul mercato una gamma completa di 4 veicoli elettrici. Dall’innovativa urban car Twizy Z.E. alla berlina compatta Zoe Z.E., dalla berlina familiare Fluence Z.E. alla furgonetta commerciale Kangoo Express Z.E.: questo sarà il volto sulle strade di Renault Z.E.

Veicoli per i quali Renault sta pensando ad una ricarica pratica e funzionale, da effettuarsi in 3 modalità differenti: ricarica standard a 220 V in 6-8 ore, ricarica rapida a 400V in 20-30 minuti, e l’innovativo sistema di sostituzione delle batterie “Quick Drop”, presso apposite stazioni di servizio in 3 minuti.

L’obiettivo di Renault di democratizzare la tecnologia dei veicoli elettrici e renderla accessibile a tutti si traduce anche in un prezzo del veicolo elettrico paragonabile a quello di un veicolo termico diesel, ed in innovative formule di abbonamento per il noleggio della batteria e per nuovi servizi di mobilità utili a facilitare la vita degli utenti.

Con quest’obiettivo Renault ha già siglato, nell’ambito dell’Alleanza con Nissan,  più di 50 accordi, in tutto il mondo.

Anche in Italia, Renault è impegnata nello studio di partnership con le principali amministrazioni comunali e compagnie elettriche, nella prospettiva di realizzare progetti congiunti per la mobilità a zero emissioni, promuovere i veicoli elettrici e sviluppare le idonee infrastrutture.

Un protocollo d’intesa è stato siglato nei mesi scorsi tra Renault ed Enel, per lo sviluppo congiunto di soluzioni integrate per la mobilità elettrica nei più diversi ambiti di applicazione: compatibilità tecnica tra l’infrastruttura di ricarica e i veicoli elettrici, offerte integrate di prodotti e servizi, analisi delle tecnologie di ricarica, studio del ciclo completo di vita della batteria e del suo eventuale impiego come sistema di accumulo di energia, sviluppo di progetti pilota.

Un accordo è stato siglato da Renault anche con A2A, multiutility leader nella distribuzione dell’elettricità in Lombardia, per sperimentare dapprima e in seguito diffondere su più ampia scala un sistema di trasporto pubblico e individuale a zero emissioni. Cuore dell’accordo è un progetto pilota (denominato E-MOVING) già da metà 2010 nelle città di Milano e Brescia. Con l’installazione di un’infrastruttura di 270 punti di ricarica nelle due città e con una flotta di 60 veicoli Renault Z.E. (Kangoo Express Z.E. e Fluence Z.E.) messi a disposizione di clienti privati e società pubbliche e private, la mobilità a zero emissioni sarà una realtà in Lombardia.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende