Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Project SCALE: l’INTERPOL lancia un’iniziativa globale contro la pesca illegale:

Project SCALE: l’INTERPOL lancia un’iniziativa globale contro la pesca illegale

Il Programma dell’INTERPOL sui Crimini Ambientali, con il sostegno del  Pew Charitable Trusts, il Ministero Norvegese degli Affari Esteri e l’Agenzia Norvegese per la Cooperazione allo Sviluppo, si fa promotore di un grande sforzo globale per contrastare la pesca illegale e i crimini associati.

L’iniziativa, denominata “Project SCALE”, è stata presentata alla 1° Conferenza internazionale sull’applicazione della normativa sulla pesca dell’INTERPOL, tenutasi presso il Segretariato Generale dell’Interpol a Lione, Francia.  La pesca illegale, non regolamentata e non dichiarata costa all’economia mondiale fino a 23 miliardi di dollari l’anno, secondo un importante studio pubblicato nel 2009  sulla rivista peer-reviewed PLoS One, e danneggia le comunità costiere e gli interessi dei pescatori rispettosi delle leggi, oltre l’ambiente marino. I pescatori illegali sfruttano infatti – e traggono profitto  – da leggi deboli, dalla scarsa condivisione delle informazioni tra le varie giurisdizioni e dalla mancanza di mezzi di controllo e di applicazione delle norme, in particolare nei Paesi in via di sviluppo.

A questo proposito è importante segnalare che l’Italia è nella lista delle 10 nazioni al mondo nelle quali nel 2011/2012 è stata praticata la pesca illegale non dichiarata e non regolamentata (INN) e nelle quali sono state applicate misure inefficaci per prevenire la cattura di specie protette.  Lo ha reso il NOAA (United States National Oceanographic and Atmospheric Administration) in una relazione datata gennaio 2013 e svolta su mandato del Congresso americano.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato che inizieranno presto le consultazioni con ciascuno dei 10 Paesi: Colombia, Ecuador, Ghana, Italia, Messico, Panama, Repubblica di Corea, Spagna, Tanzania e Venezuela per incoraggiarli a intraprendere azioni per affrontare la pesca INN. Se una nazione non riesce a prendere i provvedimenti opportuni per affrontare i casi di pesca illegale descritti nella relazione, alle navi da pesca di quel Paese può essere negato l’ingresso nei porti degli Stati Uniti, nonché le importazioni di taluni pesci e prodotti ittici. C’è da dire però, come fa sapere ancora il NOAA,  che l’Italia (insieme a Colombia, Ecuador, Panama, Portogallo e Venezuela) nel biennio precedente ha affrontato i casi di pesca illegale precedentemente individuati, adottando o modificando leggi e regolamenti ad hoc e sanzionando, anche con misure forti, le navi da pesca irregolari. Al nostro Paese è stata dunque assegnata una certificazione positiva per le attività fino al 2011. Questo non ha però precluso una nuova segnalazione di attività di pesca INN.

Il Progetto SCALE rappresenta una parte importante del sistema globale proposto per fermare la criminalità nella pesca“, ha dichiarato Joshua Reichert, vice-presidente esecutivo del Pew, responsabile per l’ambiente dell’organizzazione. “La pesca illegale minaccia i legittimi interessi dei pescatori di tutto il mondo e mina la capacità della comunità internazionale di gestire correttamente la pesca così da garantire un futuro sano per questa risorsa di vitale importanza. Inoltre, gli sforzi da parte dei pescatori pirati per mantenere i loro profitti nascosti, generano una serie di altre attività illegali tra cui il riciclaggio di denaro, evasione fiscale e frode. Con la sua portata globale e la sua storia nella lotta contro la criminalità ambientale, l’Interpol è nella posizione ideale per contribuire a consegnare questi criminali alla giustizia. ”

“Il Progetto SCALE è una naturale estensione degli sforzi dell’Interpol per la salvaguardia delle specie e degli habitat attraverso l’effettiva applicazione delle normative”, ha dichiarato David Higgins, responsabile del Programma di criminalità ambientale dell’Interpol. “Con la rete dell’Interpol, le competenze e il supporto all’applicazione delle normative portato avanti dalla intelligence, contribuiremo ad uno sforzo coordinato globale più mirato alla lotta alla criminalità organizzata e transnazionale nella pesca. Il nostro obiettivo è creare un’attenzione globale su queste attività criminali, e a tal fine siamo impegnati ad assistere i nostri paesi membri e partner nei loro sforzi tesi a combattere le reti criminali che sfruttano le risorse marine naturali.”

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende