Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Normative »Politiche » Raccolta RAEE verso la svolta con il decreto “1 contro 0″. Soddisfazione di Ecolamp:

Raccolta RAEE verso la svolta con il decreto “1 contro 0″. Soddisfazione di Ecolamp

Il 22 luglio è entrato in vigore il nuovo Decreto 121 (DM 121/2016), il cosiddetto “uno contro zero”, che disciplina le modalità semplificate per il ritiro gratuito, da parte dei distributori, dei RAEE, i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche di piccolissime dimensioni (massimo 25 cm. di lunghezza) provenienti dai nuclei domestici.

L’obiettivo del decreto, attraverso la definizione delle regole del ritiro “uno contro zero” contenute, è quello di favorire e incrementare il conferimento di questa tipologia di rifiuto da parte degli “utilizzatori finali”, ovvero i cittadini-consumatori, che avranno vita molto più semplice rispetto alle regole precedenti e non saranno più obbligati ad acquistare un apparecchio nuovo (modello “1 contro 1″).

Per agevolare la raccolta differenziata dei RAEE è infatti fondamentale offrire un contributo concreto al cittadino, sia in termini di informazione sul corretto smaltimento che di accessibilità di spazi di prossimità adeguati. A seguito del Decreto 49/2014, nel corso del 2015, erano già stati sottoscritti importanti accordi di programma tra le parti (Rappresentanti dei Sistemi Collettivi dei RAEE, dei Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche, delle Aziende di Raccolta, dei Comuni, della Distribuzione) per incentivare un migliore funzionamento della filiera del riciclo ed evitare il più possibile che questi rifiuti vengano mal gestiti da canali non adeguati (se non illeciti), ma questi interventi non consentiranno, da soli, di raggiungere gli obiettivi nazionali di raccolta differenziata. Nel 2016 sono poi entrati in vigore i nuovi obiettivi di raccolta differenziata dei RAEE – pari al 45% del peso medio di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) immesse sul mercato nei 3 anni precedenti – e nel 2015 l’Italia ha raggiunto il 30%, con una raccolta in costante crescita. Ma tutto questo ancora non basta.

Dalle lampadine ai rasoi elettrici, dai telefonini ai giochi elettronici di ogni tipo:  qualsiasi apparecchio elettrico di piccole dimensioni potrà ora essere smaltito presso i punti vendita di fiducia vicino a casa, che abbiano una superficie dedicata agli AEE di almeno 400 mq. (grandi negozi specializzati, ipermercati ecc.). Ma anche i negozi più piccoli, seppure non obbligati per legge, potranno offrire un servizio di ritiro gratuito analogo, contribuendo così ad un’opportunità che potrebbe realmente cambiare in meglio le abitudini degli italiani.

Il decreto introduce inoltre una semplificazione burocratica non banale e apprezzabile tanto dal consumatore quanto dal negoziante: per questo tipo di raccolta non sarà infatti più necessario richiedere e registrare i dati di chi conferisce il rifiuto; rendendo la procedura più facile e rapida per tutti.

Ecolamp, il Consorzio per il Recupero e lo Smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione, ha accolto con grande favore l’uscita del nuovo decreto e auspica che la raccolta differenziata di telefonini e lampadine usate diventi un’abitudine al pari della separazione di carta, plastica e vetro per gli Italiani. La tanto acclamata economia circolare si realizza infatti, prima di tutto, in casa propria e non soltanto grazie alle norme nazionali ed europee. Ma è anche comprensibile, d’altro canto, che il cittadino si aspetti di non dovere percorrere chilometri per buttare uno spazzolino elettrico. Anche perché spesso si corre il rischio che la decisione di non disfarsi irresponsabilmente di un piccolo rifiuto elettrico insieme ai rifiuti indifferenziati – ma di tenerlo da parte, in attesa di passare da un centro di raccolta – si trasformi nella segregazione di quell’oggetto in un cassetto o un ripostiglio, impedendogli di rientrare correttamente nel circolo delle risorse utili e facendolo diventare un “rifiuto inutile”.

La distribuzione, grazie all’applicazione concreta dei sistemi di raccolta uno contro uno e uno contro zero, e insieme al contributo di tutti i soggetti della filiera del riciclo, potrà dunque dare nuovo impulso affinché i cosiddetti giacimenti urbani di piccoli rifiuti elettrici, conservati nelle case dei consumatori, alimentino concretamente il circolo virtuoso dell’economia circolare. A questo scopo Ecolamp riproporrà, anche quest’anno, in collaborazione con FME, la Federazione italiana dei grossisti di Materiale Elettrico,  l’iniziativa “Rifiuto senza Pensiero“, avviata con successo nel 2015, per offrire un ulteriore contributo all’obiettivo di raccolta, con contenitori dedicati e ben visibili, in alcuni punti vendita selezionati, dove potranno essere conferiti i piccoli RAEE, senza alcun vincolo d’acquisto di nuovi prodotti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende