Home » Comunicati Stampa » Radiazioni nucleari: i danni per alimenti e salute:

Radiazioni nucleari: i danni per alimenti e salute

aprile 8, 2011 Comunicati Stampa

In chiusura della Giornata Mondiale della Salute dell’ONU, avvenuta ieri, il WWF si è interrogato sulle conseguenze sugli ecosistemi e sulla salute umana delle radiazioni rilasciate dalla centrale nucleare di Fukushima, in Giappone.

L’obiettivo è che anche i Paesi lontani, come quelli europei, adottino a titolo precauzionale misure per garantire la sicurezza degli alimenti per animali e dei prodotti alimentari, compresi il pesce e i prodotti della pesca, originari del Giappone o da esso provenienti, attraverso un attento controllo delle radiazioni.

A ridosso di un incidente come quello di Fukushima, gli alimenti più colpiti sono le piante e gli animali che si trovano più in basso nella rete alimentare, oltre a quelli che non si possono muovere: alghe, molluschi, invertebrati e pesci stanziali che vivono a ridosso dell’area più a rischio. Meno esposti invece i grandi pesci pelagici predatori che vivono in mare aperto e che si muovono più facilmente. Inoltre i pesci di acqua dolce tendono ad essere meno sicuri dei pesci marini in quanto il mare ha una grande capacità di diluire e di assorbire queste sostanze. Solo una percentuale minore delle polveri radioattive finisce infatti nei fondali e questo permette di attenuare l’impatto di queste sostanze sull’ecosistema marino.

Per quel che riguarda gli animali di terra, capre e pecore ma anche mucche, che mangiano vicino al suolo, tenderanno ad assorbire livelli di radioattività più velocemente di altri animali. Il latte è infatti tra i primi alimenti la cui vendita e distribuzione viene bloccata. Gli animali allevati al chiuso e alimentati con mangimi raccolti e conservati prima del disastro saranno più sicuri di quelli al pascolo.

Il WWF ha sottolineato come, ancora oggi, non si sappia cosa stia precisamente accadendo nell’intorno della centrale di Fukushima, rendendo estremamente  difficile avanzare delle ipotesi sugli scenari futuri per la salute. Questi sicuramente dipendono da molti fattori: in primis l’esposizione, che a sua volta dipende dalla quantità e dal tipo di radiazione rilasciati dal reattore, dalle condizioni meteo, come il vento e la pioggia, dalla vicinanza all’impianto e dal tempo trascorso nelle zone irradiate.

Al di là delle gravissime problematiche dovute all’esposizione diretta delle persone, la diffusione degli elementi radioattivi dipenderà dai fenomeni meteorologici e dalle correnti d’acqua” sottolinea Eva Alessi, responsabile Sostenibilità del WWF Italia.

La stessa OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) afferma che esiste un rischio di esposizione a seguito della contaminazione dei prodotti alimentari. Sebbene, aggiunge  l’Organizzazione, “per rappresentare un rischio per la salute gli alimenti contaminati dovrebbero essere consumati per periodi prolungati di tempo”. Ad oggi è stata confermata la presenza di radioattività in alcuni ortaggi e nel latte e alcuni dei primi risultati del monitoraggio alimentare rilevano la presenza di iodio radioattivo in concentrazioni superiori ai limiti prescritti in Giappone. È stato rilevato anche cesio radioattivo e le autorità governative locali hanno consigliato ai residenti di evitare questi alimenti, attuando misure per impedirne la vendita e distribuzione.

Sarebbe utile ottenere i valori reali delle emissioni, anche se, in realtà, non siamo certi di quali siano o meno i livelli effettivamente ‘sicuri’ e non sappiamo se le dosi, anche molto basse, siano pericolose o meno” rileva Alessi.

Per quel che riguarda gli alimenti, nel periodo immediatamente dopo un incidente, i cibi che sono stati direttamente esposti sono più pericolosi. Questo dipende dalle piogge, dal tipo di terreno (i terreni sabbiosi sono i “peggiori”) e dalla specie di pianta (se assorbe acqua in superficie o se invece ha radici profonde, dalla fase di crescita al momento dell’esposizione). Dopo Chernobyl, spinaci e funghi furono i primi ad essere contaminati e i più colpiti. Oggi in Giappone la storia si ripete: piante trovate positive allo iodio-131 sono in primis verdure a foglia (tra cui gli spinaci) e di nuovo i funghi insieme ad asparagi, cavoli, pomodori, fragole e angurie.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende