Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche » Rapporto ACI-Istat: mortalità di ciclisti e pedoni in aumento. FIAB: più sicurezza solo se aumentano bici:

Rapporto ACI-Istat: mortalità di ciclisti e pedoni in aumento. FIAB: più sicurezza solo se aumentano bici

novembre 17, 2015 Comunicati Stampa, Nazionali, Politiche

“Gli ultimi dati sugli incidenti stradali diffusi da ACI-ISTAT ci dicono, una volta di più, che nelle nostre città le morti di ciclisti e pedoni sono in aumento e, di conseguenza, è aumentata la mortalità sulle strade urbane. Inoltre, la mortalità degli incidenti della cosiddetta utenza vulnerabile (chi si muove a piedi, in bici o in moto) è pari a quella di chi viaggia sulle quattro ruote, a fronte di una ripartizione modale fortemente sbilanciata verso le auto. Sono numeri che non possono lasciarci indifferenti e che confermano l’importanza di agire celermente e a ogni livello per sostenere politiche che incentivino la sicurezza, in particolare in ambito urbano. Abbiamo già alcuni importanti strumenti e altri sono in via di definizione. E’ ora di rompere gli indugi e di passare ai fatti, prima di contare ancora più morti il prossimo anno.” E’ questo il commento di Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta, al rapporto ACI-ISTAT sugli incidenti stradali del 2014, presentato la settimana scorsa a Roma.

Purtroppo anche le anticipazioni della Polizia Stradale sul 2015 annunciano un ulteriore aumento: il numero di morti al 30 settembre è superiore a quelli dell’intero 2014.

Per quanto riguarda nello specifico la bicicletta, FIAB sostiene che i dati ACI-ISTAT confermano la validità del concetto di safety in numbers, ovvero più ciclisti uguale più sicurezza. Milano e Roma hanno avuto, ad esempio, lo stesso numero di morti in bicicletta ma, avendo Milano una percentuale di spostamenti in bici molto più elevata di Roma, si deduce che circolare sulle due ruote a pedali nel capoluogo lombardo sia meno pericoloso che nella Capitale. Anche il dato di Bologna, con 2 decessi di ciclisti sul totale nazionale di 273, testimonia la validità di scelte virtuose nell’applicazione di specifiche politiche per la mobilità sostenibile – organizzazione del traffico urbano, aree 30km/h, forme di mobilità condivisa, trasporto pubblico potenziato, reti ciclabili protette – di cui il capoluogo emiliano è tra i pionieri in Italia.

Sempre secondo il Rapporto ACI-ISTAT le nostre città registrano la percentuale più alta a livello europeo di mortalità sulle strade urbane (45%). FIAB ritiene che esistano già strumenti per incrementare la sicurezza nelle città e ridurre gli incidenti mortali come chiede, per altro, la UE nel 4° programma quadro 2011-2020 che ha, tra gli obiettivi, quello di dimezzare il numero delle vittime della strada, individuando, tra le priorità, la sicurezza degli utenti vulnerabili.

Solo un mese fa, durante il 1° Summit Europeo sulla Mobilità Ciclistica, i Ministri dei Trasporti della UE hanno dato vita alla Carta di Lussemburgo, ovvero una Dichiarazione d’intenti e un piano attuativo sulla mobilità ciclistica come modalità di trasporto climate friendly, dove si esortano tutti gli Stati Membri a “riconoscere la bicicletta come mezzo di trasporto paritario rispetto alle altre modalità”, per il suo contributo d’innovazione, i benefici per l’ambiente e il clima, quelli per la salute degli utenti, nonché per l’indotto economico.

A livello nazionale FIAB sostiene il lavoro dei legislatori impegnati nell’iter di modifica al Codice della Strada, con la campagna #30elode sul tema della sicurezza nelle città che promuove – anche con il coinvolgimento dei bambini attraverso un concorso – la richiesta di abbassare a 30km/h il limite massimo di velocità in ambito urbano. Esperienze nazionali e internazionali dimostrano, infatti, in modo inequivocabile che la velocità delle auto in città è la prima causa di mortalità per chi va in bici.

“Gli interventi necessari a favore della sicurezza sulle strade vanno esattamente nella direzione della nostra campagna #30elode, nell’incentivazione della mobilità non motorizzata, nella definizione di obiettivi su scala locale, nella promozione della raccolta e diffusione dati (su incidentalità, modal split e politiche attuate) – aggiunge Edoardo Galatola, Responsabile Sicurezza di FIAB. – Vogliamo arrivare all’obiettivo del 20-20-20, come percentuale di spostamenti a piedi, in bicicletta e con il Trasporto Pubblico Locale nelle città del nostro Paese. Un’impostazione condivisa, già nel 2012, dall’allora sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, oggi Ministro dei Trasporti, in occasione degli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova, secondo la quale contenere al 40% l’utenza ‘a quattro ruote’ genera innumerevoli vantaggi per qualunque città: minor traffico, riduzione dell’inquinamento, parcheggi per tutti, libertà di circolazione”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende