Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche » Rapporto ACI-Istat: mortalità di ciclisti e pedoni in aumento. FIAB: più sicurezza solo se aumentano bici:

Rapporto ACI-Istat: mortalità di ciclisti e pedoni in aumento. FIAB: più sicurezza solo se aumentano bici

novembre 17, 2015 Comunicati Stampa, Nazionali, Politiche

“Gli ultimi dati sugli incidenti stradali diffusi da ACI-ISTAT ci dicono, una volta di più, che nelle nostre città le morti di ciclisti e pedoni sono in aumento e, di conseguenza, è aumentata la mortalità sulle strade urbane. Inoltre, la mortalità degli incidenti della cosiddetta utenza vulnerabile (chi si muove a piedi, in bici o in moto) è pari a quella di chi viaggia sulle quattro ruote, a fronte di una ripartizione modale fortemente sbilanciata verso le auto. Sono numeri che non possono lasciarci indifferenti e che confermano l’importanza di agire celermente e a ogni livello per sostenere politiche che incentivino la sicurezza, in particolare in ambito urbano. Abbiamo già alcuni importanti strumenti e altri sono in via di definizione. E’ ora di rompere gli indugi e di passare ai fatti, prima di contare ancora più morti il prossimo anno.” E’ questo il commento di Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta, al rapporto ACI-ISTAT sugli incidenti stradali del 2014, presentato la settimana scorsa a Roma.

Purtroppo anche le anticipazioni della Polizia Stradale sul 2015 annunciano un ulteriore aumento: il numero di morti al 30 settembre è superiore a quelli dell’intero 2014.

Per quanto riguarda nello specifico la bicicletta, FIAB sostiene che i dati ACI-ISTAT confermano la validità del concetto di safety in numbers, ovvero più ciclisti uguale più sicurezza. Milano e Roma hanno avuto, ad esempio, lo stesso numero di morti in bicicletta ma, avendo Milano una percentuale di spostamenti in bici molto più elevata di Roma, si deduce che circolare sulle due ruote a pedali nel capoluogo lombardo sia meno pericoloso che nella Capitale. Anche il dato di Bologna, con 2 decessi di ciclisti sul totale nazionale di 273, testimonia la validità di scelte virtuose nell’applicazione di specifiche politiche per la mobilità sostenibile – organizzazione del traffico urbano, aree 30km/h, forme di mobilità condivisa, trasporto pubblico potenziato, reti ciclabili protette – di cui il capoluogo emiliano è tra i pionieri in Italia.

Sempre secondo il Rapporto ACI-ISTAT le nostre città registrano la percentuale più alta a livello europeo di mortalità sulle strade urbane (45%). FIAB ritiene che esistano già strumenti per incrementare la sicurezza nelle città e ridurre gli incidenti mortali come chiede, per altro, la UE nel 4° programma quadro 2011-2020 che ha, tra gli obiettivi, quello di dimezzare il numero delle vittime della strada, individuando, tra le priorità, la sicurezza degli utenti vulnerabili.

Solo un mese fa, durante il 1° Summit Europeo sulla Mobilità Ciclistica, i Ministri dei Trasporti della UE hanno dato vita alla Carta di Lussemburgo, ovvero una Dichiarazione d’intenti e un piano attuativo sulla mobilità ciclistica come modalità di trasporto climate friendly, dove si esortano tutti gli Stati Membri a “riconoscere la bicicletta come mezzo di trasporto paritario rispetto alle altre modalità”, per il suo contributo d’innovazione, i benefici per l’ambiente e il clima, quelli per la salute degli utenti, nonché per l’indotto economico.

A livello nazionale FIAB sostiene il lavoro dei legislatori impegnati nell’iter di modifica al Codice della Strada, con la campagna #30elode sul tema della sicurezza nelle città che promuove – anche con il coinvolgimento dei bambini attraverso un concorso – la richiesta di abbassare a 30km/h il limite massimo di velocità in ambito urbano. Esperienze nazionali e internazionali dimostrano, infatti, in modo inequivocabile che la velocità delle auto in città è la prima causa di mortalità per chi va in bici.

“Gli interventi necessari a favore della sicurezza sulle strade vanno esattamente nella direzione della nostra campagna #30elode, nell’incentivazione della mobilità non motorizzata, nella definizione di obiettivi su scala locale, nella promozione della raccolta e diffusione dati (su incidentalità, modal split e politiche attuate) – aggiunge Edoardo Galatola, Responsabile Sicurezza di FIAB. – Vogliamo arrivare all’obiettivo del 20-20-20, come percentuale di spostamenti a piedi, in bicicletta e con il Trasporto Pubblico Locale nelle città del nostro Paese. Un’impostazione condivisa, già nel 2012, dall’allora sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, oggi Ministro dei Trasporti, in occasione degli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova, secondo la quale contenere al 40% l’utenza ‘a quattro ruote’ genera innumerevoli vantaggi per qualunque città: minor traffico, riduzione dell’inquinamento, parcheggi per tutti, libertà di circolazione”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende