Home » Comunicati Stampa »Eventi » Rebuild 2015 a Riva del Garda: esempi di riqualificazione virtuosa:

Rebuild 2015 a Riva del Garda: esempi di riqualificazione virtuosa

giugno 11, 2015 Comunicati Stampa, Eventi

Dalle abitazioni a costo energetico zero garantito alla rigenerazione di un antico borgo grazie alla realizzazione di un hotel diffuso e sostenibile. A fianco dei casi internazionali, anche i più interessanti interventi di riqualificazione provenienti dal nostro Paese saranno presentati REbuild 2015, il 25 e 26 giugno prossimi a Riva del Garda (TN).

L’evento segnerà il primo passo verso la costruzione di un piano strategico nazionale di riqualificazione del nostro patrimonio edilizio. Uno strumento indispensabile per rimettere in moto l’economia, attirare investimenti e raggiungere gli obiettivi UE di riduzione dell’80% delle emissioni di CO2 entro il 2050. Per questo motivo REbuild 2015 coniuga l’evento con una piattaforma di know-how e di relazioni in grado di aggregare le best practice nazionali e identificare gli elementi costitutivi di un nuovo paradigma.

L’Italia infatti genera esperienze, competenze e progetti industriali unici al mondo, che costituiscono le “cellule” elementari per lo sviluppo di un tessuto connettivo sempre più complesso ed integrato, capace di raccogliere le sfide più complesse.

Ecco alcuni esempi. Offrire per la prima volta sul mercato abitazioni con riscaldamento a costo zero garantito per dieci anni, sia per i consumi che per la manutenzione degli impianti, è l’obiettivo che la cooperativa valdostana Edileco ha raggiunto con 7 appartamenti in classe energetica A realizzati nel comune di Nus (AO) a partire dal totale recupero di un fabbricato. Grazie ad un’originale formula economica e ad un’adeguata soluzione tecnica (una tradizionale pompa di calore aerotermica alimentata da un impianto fotovoltaico condominiale), i prezzi degli appartamenti oltre a garantire un decennio a costi zero, sono rimasti in linea con quelli dell’edilizia convenzionale. Il livello di costo raggiunto è di molto inferiore ai valori medi per una “classe A”.

Solitamente, quando si parla di recupero e riqualificazione edilizia, si fa riferimento ad interventi puntuali, studiati per adattarsi a casi specifici. Tuttavia le attuali esigenze di mercato, come la richiesta per sempre più bassi costi di intervento portano a considerare pratiche di riqualificazione prefabbricate, modulari e riproducibili. Un dispositivo di recentissima concezione, chiamato esoscheletro, presenta delle caratteristiche modulari e un potenziale alto livello di prefabbricazione grazie all’utilizzo di strutture in acciaio, FRP e legno. Una struttura tridimensionale indipendente dall’edificio su cui insiste che può generare spazi funzionali come addizioni di facciata e sopraelevazioni. Francesca Guidolin, ricercatrice dell’Università di Venezia, presenterà alcuni casi di utilizzo di questa tecnologia, evidenziando i vantaggi derivati dalla sua applicazione per la riqualificazione integrata.

E ancora si parlerà dell’evoluzione “dalla produzione industriale del mobile all’industrializzazione dell’immobile. L’approccio industriale maturato in più di 60 anni nella produzione di arredi viene trasmesso alla realizzazione di edifici passivi. Chateau d’Ax e-BUILDING, mediante l’innovativo sistema costruttivo e_HOME, è infatti al centro dell’attenzione nel mondo delle costruzioni: Chateau d’Ax e-BUILDING costruisce o riqualifica edifici con criteri “passivi” e sismo resistenti, capaci di offrire i massimi risparmi energetici e in grado di connettere lo spazio privato con un’ampia rete di comunicazione. Un approccio mutuato dal settore del contract alberghiero e delle aree pubbliche si declina in questo modo anche per l’edilizia residenziale.

Ma l’innovazione non è solo tecnologica o industriale. E’ la dimensione umana e nello specifico quella partecipativa la chiave di volta della sfida visionaria che ha portato alla realizzazione del Million Donkey Hotel a Prata Sannita (CE). Citato dalla prestigiosa rivista FRAME nel suo virtuale giro del mondo in 18 design hotel, e dal blog di viaggi The Travel Liz come uno tra i sette più curiosi hotel italiani, il progetto coordinato dallo studio austriaco Feld72 ha visto la radicale trasformazione di un borgo medievale nel cuore del Parco regionale del Matese in un hotel “diffuso”, la cui sostenibilità è sociale ancor prima che ambientale. Anche se gli spazi dell’antico borgo si sono svuotati durante l´ultimo secolo, Prata Sannita è divenuto un grande albergo diffuso, i cui spazi abbandonati si sono trasformati in stanze destinate all’ospitalità. Un bell’esempio di rigenerazione urbana in contesto rurale, dunque, ma anche di sostenibilità delle tecniche e dei materiali usati, e di rapporto partecipativo con la popolazione locale, che è stata coinvolta dalla fase progettuale alla realizzazione vera e propria. Dimostrando che anche un progetto estremamente innovativo può essere implementato a costi estremamente contenuti e con effetti positivi per la comunità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende