Home » Comunicati Stampa »Eventi » Rebuild: a Riva del Garda due giorni sulla riqualificazione e gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari:

Rebuild: a Riva del Garda due giorni sulla riqualificazione e gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari

novembre 26, 2013 Comunicati Stampa, Eventi

Si apre a Riva del Garda, REbuild, la convention nazionale sulla riqualificazione e gestione sostenibile del patrimonio immobiliare. Due giorni, il 26-27 novembre, per parlare del futuro del settore delle riqualificazioni in chiave di sostenibilità, uno dei pochi segmenti in attivo del mercato delle costruzioni.

«Quello della riqualificazione sostenibile si presenta come un settore strategico per la crescita del paese, visto che edilizia e immobiliare pesano quasi il 15% del PIL italiano e il patrimonio immobiliare vale 4,2 volte tanto il nostro prodotto interno lordo», spiega Gianluca Salvatori, presidente di Progetto Manifattura e co-ideatore di REbuild. «Il nuovo costruito costituisce una fetta sempre più esigua del mercato: oggi è già inferiore al 45% del totale. I nostri edifici vanno dunque riqualificati, in maniera sostenibile, per essere resilienti ai problemi ambientali, per tagliare i costi energetici, per ridare valore al nostro asset strategico più importante, il patrimonio immobiliare nazionale, storico, pubblico e privato».

Arrivata alla seconda edizione, REbuild si concentra quest’anno su tre aree tematiche: Policy e Mercato, il Prodotto Immobiliare e le Tecniche per la riqualificazione. Un programma di incontri che prevede 140 relatori, 17 sessioni e 11 tavoli, elaborato con perizia da un team dedicato per offrire un palinsesto di incontri di grande livello, impostato su una profonda collaborazione con gli operatori del settore, non dispersivo e focalizzato su esempi concreti.

Spiega Thomas Miorin, direttore di Habitech e tra i fondatori della manifestazione: «dopo l’edizione 2012, focalizzata sui casi studio interazionali da portare sul mercato italiano per dare esempi su come la sostenibilità nella riqualificazione e nella gestione degli immobili può essere redditizia, il programma di quest’anno sarà radicalmente diverso. REbuild 2013 sarà un’edizione molto più “italiana” della precedente: oltre agli incontri con esperti internazionali che daranno un quadro delle strategie internazionali, ci saranno numerose sessioni orientate su quelli che sono i casi, le best practices e le esperienze locali che funzionano e le sfide che insieme bisogna affrontare. A partire dal ripensamento della filiera del settore, che oggi si deve presentare sempre più integrata, dal progettista al finance, per affrontare la sostenibilità con successo».

Durante la due giorni il dibattito verterà sui sistemi di misurazione e sugli standard di certificazione energetica dei grandi patrimoni: «I diversi sistemi disponibili sul mercato - continua Miorin – hanno elementi comuni di base, ma alcuni seguono standard più affidabili di altri o criteri più adatti a valutare certi portafogli. A REbuild si parlerà di come gli standard, e quindi le certificazioni, devono funzionare a ogni scala geografica, per questo necessitano di parametri e di misure e valutazioni globali ma consistenti anche a livello locale. L’obiettivo è ingaggiare il mercato a misurare le performance degli edifici generando dei criteri congruenti, e non così laschi o poco sfidanti per le società italiane, che siano applicabili alla singola costruzione come al portafoglio immobiliare».

Nella sezione Policy e Mercato numerosi gli incontri per pensare alla sfida europea e italiana per trovare strategie per poter riqualificare il patrimonio immobiliare pubblico e incentivare il mercato ad avere approcci maggiormente sostenibili. Il GBC Italia parlerà del prospettive della Direttiva 27 UE, ANCI e Patrimonio Comune discuteranno di “Rigenerazione Urbana Sostenibile”, mentre l’atteso tavolo di Nomisma affronterà la sfida de “L’efficientamento e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale”.

Francesco Zollino della Banca d’Italia approfondirà la relazione tra mercato immobiliare e finanziario, e su questo esponenti del mondo delle SGR (Gabetti, Imi San Paolo e SDCL Capital, noto investor della city di Londra) andranno ad esplorare soluzioni finanziarie realizzabili per le riqualificazioni.

Per affrontare il tema finanziare la riqualificazione con soluzioni innovative si terrà il tavolo di lavoro “verso soluzioni finanziarie innovative e responsabili” che affronta una duplice sfida. Da un lato vi è la necessità di identificare innovativi strumenti finanziari per la rigenerazione e la valorizzazione immobiliare. Dall’altro, dato che l’investimento può influenzare la catena del valore a valle, si prospetta la possibilità e l’opportunità di identificare modalità con le quali gli investitori possano rendere più responsabile l’intera filiera.

Secondo Cesare Ferrero, country manager di BNP Paribas, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione di REbuild: «la riqualificazione è il tema centrale dell’immobiliare per i prossimi 10 anni. Non abbiamo una domanda di crescita tale che si necessitino quantità ingenti di nuovi spazi, di uffici di residenze: quindi il tema è andare a sostituire il prodotto vecchio con quello nuovo, come già succede nel settore automobilistico e della telefonia. La dotazione è diffusa, e molti chiederanno un prodotto di sostituzione di maggiore qualità».

«Abbiamo dedicato un’intera area tematica al Prodotto Immobiliare», spiegano Salvatori e Miorin. «Un modo rinnovato di intendere l’edificio, caratterizzato da maggiore attenzione alla domanda del mercato, dove l’immobile diviene competitivo anche sulle performance, per il valore legato alla sostenibilità, qualità degli spazi, per la capacità di essere gestito in maniere efficiente». Negli incontri di questa area tematica si parlerà quindi di intervenire per riqualificare i condomini italiani, di confronto delle prestazioni immobiliari e di standard di certificazione (LEED, BREEAM, CasaClima). «In Italia si è iniziato da pochissimo a parlare di prodotto immobiliare, una trasformazione importane poiché per anni il real estate è stato slegato dalla qualità del prodotto finale, a causa anche di una filiera troppo lunga per garantire standard elevali di qualità, concentrandosi esclusivamente per standard volumetrici (bilocale monolocale, ecc). Oggi il prodotto edificio e deve offrire grandi prestazioni, qualità del vivere e includere questi criteri senza extra-costi», conclude Miorin.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende