Home » Comunicati Stampa »Eventi » Rebuild: a Riva del Garda due giorni sulla riqualificazione e gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari:

Rebuild: a Riva del Garda due giorni sulla riqualificazione e gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari

novembre 26, 2013 Comunicati Stampa, Eventi

Si apre a Riva del Garda, REbuild, la convention nazionale sulla riqualificazione e gestione sostenibile del patrimonio immobiliare. Due giorni, il 26-27 novembre, per parlare del futuro del settore delle riqualificazioni in chiave di sostenibilità, uno dei pochi segmenti in attivo del mercato delle costruzioni.

«Quello della riqualificazione sostenibile si presenta come un settore strategico per la crescita del paese, visto che edilizia e immobiliare pesano quasi il 15% del PIL italiano e il patrimonio immobiliare vale 4,2 volte tanto il nostro prodotto interno lordo», spiega Gianluca Salvatori, presidente di Progetto Manifattura e co-ideatore di REbuild. «Il nuovo costruito costituisce una fetta sempre più esigua del mercato: oggi è già inferiore al 45% del totale. I nostri edifici vanno dunque riqualificati, in maniera sostenibile, per essere resilienti ai problemi ambientali, per tagliare i costi energetici, per ridare valore al nostro asset strategico più importante, il patrimonio immobiliare nazionale, storico, pubblico e privato».

Arrivata alla seconda edizione, REbuild si concentra quest’anno su tre aree tematiche: Policy e Mercato, il Prodotto Immobiliare e le Tecniche per la riqualificazione. Un programma di incontri che prevede 140 relatori, 17 sessioni e 11 tavoli, elaborato con perizia da un team dedicato per offrire un palinsesto di incontri di grande livello, impostato su una profonda collaborazione con gli operatori del settore, non dispersivo e focalizzato su esempi concreti.

Spiega Thomas Miorin, direttore di Habitech e tra i fondatori della manifestazione: «dopo l’edizione 2012, focalizzata sui casi studio interazionali da portare sul mercato italiano per dare esempi su come la sostenibilità nella riqualificazione e nella gestione degli immobili può essere redditizia, il programma di quest’anno sarà radicalmente diverso. REbuild 2013 sarà un’edizione molto più “italiana” della precedente: oltre agli incontri con esperti internazionali che daranno un quadro delle strategie internazionali, ci saranno numerose sessioni orientate su quelli che sono i casi, le best practices e le esperienze locali che funzionano e le sfide che insieme bisogna affrontare. A partire dal ripensamento della filiera del settore, che oggi si deve presentare sempre più integrata, dal progettista al finance, per affrontare la sostenibilità con successo».

Durante la due giorni il dibattito verterà sui sistemi di misurazione e sugli standard di certificazione energetica dei grandi patrimoni: «I diversi sistemi disponibili sul mercato - continua Miorin – hanno elementi comuni di base, ma alcuni seguono standard più affidabili di altri o criteri più adatti a valutare certi portafogli. A REbuild si parlerà di come gli standard, e quindi le certificazioni, devono funzionare a ogni scala geografica, per questo necessitano di parametri e di misure e valutazioni globali ma consistenti anche a livello locale. L’obiettivo è ingaggiare il mercato a misurare le performance degli edifici generando dei criteri congruenti, e non così laschi o poco sfidanti per le società italiane, che siano applicabili alla singola costruzione come al portafoglio immobiliare».

Nella sezione Policy e Mercato numerosi gli incontri per pensare alla sfida europea e italiana per trovare strategie per poter riqualificare il patrimonio immobiliare pubblico e incentivare il mercato ad avere approcci maggiormente sostenibili. Il GBC Italia parlerà del prospettive della Direttiva 27 UE, ANCI e Patrimonio Comune discuteranno di “Rigenerazione Urbana Sostenibile”, mentre l’atteso tavolo di Nomisma affronterà la sfida de “L’efficientamento e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale”.

Francesco Zollino della Banca d’Italia approfondirà la relazione tra mercato immobiliare e finanziario, e su questo esponenti del mondo delle SGR (Gabetti, Imi San Paolo e SDCL Capital, noto investor della city di Londra) andranno ad esplorare soluzioni finanziarie realizzabili per le riqualificazioni.

Per affrontare il tema finanziare la riqualificazione con soluzioni innovative si terrà il tavolo di lavoro “verso soluzioni finanziarie innovative e responsabili” che affronta una duplice sfida. Da un lato vi è la necessità di identificare innovativi strumenti finanziari per la rigenerazione e la valorizzazione immobiliare. Dall’altro, dato che l’investimento può influenzare la catena del valore a valle, si prospetta la possibilità e l’opportunità di identificare modalità con le quali gli investitori possano rendere più responsabile l’intera filiera.

Secondo Cesare Ferrero, country manager di BNP Paribas, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione di REbuild: «la riqualificazione è il tema centrale dell’immobiliare per i prossimi 10 anni. Non abbiamo una domanda di crescita tale che si necessitino quantità ingenti di nuovi spazi, di uffici di residenze: quindi il tema è andare a sostituire il prodotto vecchio con quello nuovo, come già succede nel settore automobilistico e della telefonia. La dotazione è diffusa, e molti chiederanno un prodotto di sostituzione di maggiore qualità».

«Abbiamo dedicato un’intera area tematica al Prodotto Immobiliare», spiegano Salvatori e Miorin. «Un modo rinnovato di intendere l’edificio, caratterizzato da maggiore attenzione alla domanda del mercato, dove l’immobile diviene competitivo anche sulle performance, per il valore legato alla sostenibilità, qualità degli spazi, per la capacità di essere gestito in maniere efficiente». Negli incontri di questa area tematica si parlerà quindi di intervenire per riqualificare i condomini italiani, di confronto delle prestazioni immobiliari e di standard di certificazione (LEED, BREEAM, CasaClima). «In Italia si è iniziato da pochissimo a parlare di prodotto immobiliare, una trasformazione importane poiché per anni il real estate è stato slegato dalla qualità del prodotto finale, a causa anche di una filiera troppo lunga per garantire standard elevali di qualità, concentrandosi esclusivamente per standard volumetrici (bilocale monolocale, ecc). Oggi il prodotto edificio e deve offrire grandi prestazioni, qualità del vivere e includere questi criteri senza extra-costi», conclude Miorin.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende