Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche » Referendum nucleare: 23 anni dopo:

Referendum nucleare: 23 anni dopo

Bidoni di scorie radioattive, Courtesy of Ecoo.itLegambiente ha presentato a Roma, in occasione dei 23 anni intercorsi dal referendum che mise fine al nucleare nel nostro Paese, il dossier ‘A chi tocca il bidone del nucleare?’.

In Italia, sostiene l’associazione ambientalista, quella del ritorno al nucleare è infatti “una vera e propria lotteria”: a cominciare dai “100.000 metri cubi di scorie radioattive” ancora presenti sul territorio e da smaltire, fino alla localizzazione delle centrali, la cui scelta dovrebbe ricadere tra “50 aree potenzialmente idonee”.

Secondo il rapporto il nucleare èinutile e costoso“, e anche in campo occupazionale è lontano dall’offrire le stesse possibilità delle rinnovabili che sarebbero in grado di impiegare “circa 200.000″ addetti. Il dossier si snoda principalmente lungo quattro direttrici: la localizzazione delle centrali, lo smaltimento delle scorie, la tecnologia per la costruzione dei reattori, e lo smantellamento dei vecchi impianti.

Per quanto riguarda le centrali, secondo Legambiente i 4 reattori Epr (oggetto dell’accordo Italia-Francia) dovrebbero essere realizzati “due a Montalto di Castro, nel viterbese, uno lungo l’asta del fiume Po, e uno nel centro-sud d’Italia“. Le aree potenzialmente idonee – sulla base di un’elaborazione di Legambiente – “sono 50 e sono distribuite in 15 regioni”. In Puglia il maggior numero di aree idonee (ben 7), seguita dalla Toscana (6), da Sardegna e Sicilia (5), e da Calabria, Lombardia e Veneto (4).

Il deposito nucleare – afferma Legambiente – dovrebbe ricadere in una delle “52 aree, ognuna da 300 ettari di estensione”. Per la localizzazione del deposito si pensa, comunque, a un’area compresa “tra Puglia, Molise e Basilicata (in particolare in provincia di Matera)”, oppure “tra il Lazio e la Toscana (maremma e provincia di Viterbo)”, o “tra l’Emilia Romagna e il Piemonte (soprattutto nel piacentino e nel monferrato)”.

La quantità di spazzatura radioattiva da “smaltire in sicurezza” risulta essere pari a circa “100.000 metri cubi”: 27.000 metri cubi del programma nucleare, 20.000 per ricerca, industria e attività ospedaliere e oltre 50.000 metri cubi per le 4 centrali dismesse dell’ex filiera nucleare).

 Il rapporto definisce inoltre i reattori Epr come “insicuri, inquinanti a causa di scorie più radioattive (da un ordinario 3,5% al 5%), e troppo costosi“. Si tratta di una tecnologia francese di terza generazione avanzata che si ritiene abbia dato “problemi in fase di costruzione, accumulando ritardi e incrementi della spesa”, oltre a “falle nella sicurezza” e all’aumento dei “rischi di grave incidente”.

Il processo di smantellamento dei vecchi impianti – la centrale nucleare Enrico Fermi di Trino (Vc); l’impianto di riprocessamento Eurex di Saluggia (Vc); il deposito Avogadro di Saluggia (Vc); l’impianto di fabbricazione del combustibile Fn di Bosco Marengo (Al); la centrale nucleare di Caorso (Pc); la centrale nucleare di Latina (a Borgo Sabotino); la centrale nucleare di Garigliano-Sessa Aurunca (Ce); l’impianto Itrec nel centro Enea Trisaia di Rotondella (Mt) – osserva infine Legambiente, costa “ogni anno 400 milioni di euro alla collettività, prelevati sulla bolletta elettrica“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende