Home » Aziende »Comunicati Stampa »Non-Profit »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco:

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di Milano istituito per la promozione e la testimonianza della carità nel territorio ambrosiano, e il partner logistico Pony Zero.

L’iniziativa, è partita ieri da Milano con la prima consegna, con l’obiettivo di raggiungere, nell’arco del 2017, altre città, e contribuire alla riduzione del fenomeno dello spreco alimentare, sensibilizzando cittadini e ristoranti sul tema, per generare ulteriori azioni virtuose. Secondo un’indagine Just eat, del resto, la consapevolezza della problematica è nota all’83% degli intervistati e la volontà di contribuire attivamente a progetti come Ristorante Solidale è presente nel 55% dei casi.

In occasione della presentazione del nuovo progetto, lAssessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane, Cristina Tajani, il direttore di Caritas Ambrosiana Luciano Gualzetti, il Country Manager di Just eat in Italia Daniele Contini e Marco Actis, fondatore e CEO di Pony Zero, hanno aperto il dibattito e il confronto tra pubblico e privato per arrivare a definire azioni socialmente utili volte a salvaguardare una risorsa dal valore inestimabile come il cibo, promuovere una cultura sostenibile e supportare la nutrizione delle comunità bisognose.

“Grazie a iniziative come questa che vedono coinvolti i principali soggetti impegnati nel settore della somministrazione, Milano conferma la sua volontà di proseguire, dopo la positiva esperienza di Expo, nel percorso di incentivazione e promozione della lotta allo spreco alimentare con un occhio sempre attento alle persone in difficoltà”, ha commentato l’assessore Tajani.

Nato dalla volontà di fare qualcosa di concreto nell’ambito delle necessità alimentari e di nutrizione in città per chi è più in difficoltà e di mettere in comunicazione chi prepara il cibo con chi ne ha più bisogno, Ristorante Solidale permette di valorizzare cibo ed eccedenze provenienti dai ristoranti e, grazie al servizio di delivery operato da Pony Zero, ritirarli per trasportarli a domicilio in alcune comunità identificate insieme a Caritas Ambrosiana sulla città di Milano. Una flotta di veicoli a zero emissioni di Pony Zero ha iniziato infatti ieri  l’attività di ritiro presso i primi  10 ristoranti aderenti di cibi e piatti da destinare a ciascun ospite delle 3 comunità di accoglienza a Milano: “Pani e Peschi”, di via Consolini -  nuova casa per gli adolescenti milanesi che soffrono di disturbi psichici, “Casa alloggio Centro Teresa Gabrieli” – casa di accoglienza di malati di Aids – e “La Locomotiva” in Via Copernico – comunità a dimensione familiare per minori.

38 pasti preparati da ristoranti partner di Just eat con eccedenze alimentari, non venduto e integrazioni preparate per l’occasione, al fine di soddisfare completamente le necessità nei 3 luoghi prescelti.

“Siamo ben lieti di accogliere questa iniziativa che ci consente di implementare ulteriormente la filiera per il recupero del cibo a fini di solidarietà che abbiamo cominciato a realizzare in occasione di Expo Milano 2015, sollecitati dalla riflessione sull’ecologia integrale contenuta nella Laudato si’ di papa Francesco. Da quell’esperienza è nato, da un’idea di Massimo Bottura e Davide Rampello, il Refettorio Ambrosiano e collegata ad esso una rete di mense, luoghi di accoglienza, empori che ridistribuiscono direttamente a chi ne ha bisogno le eccedenze alimentari prodotte nel territorio della diocesi milanese”, ha sottolineato Luciano Gualzetti, Direttore di Caritas Ambrosiana.

Il progetto Ristorante Solidale si inserisce all’interno di un contesto legislativo italiano che proprio nel 2016 ha messo in cima alle urgenze la gestione della problematica degli sprechi, approvando la legge anti-spreco 166/2016 del 03 agosto 2016, in vigore dal 14 settembre 2016, con lo scopo di favorire, a fini di solidarietà sociale, il recupero e la donazione di beni alimentari. La legge prevede infatti la cessione a titolo gratuito delle eccedenze alimentari a favore di enti pubblici e privati senza scopo di lucro al fine di destinare le eccedenze ricevute a soggetti indigenti. In questa direzione Ristorante Solidale vuole essere una nuova modalità a disposizione della ristorazione italiana per guidarla verso un’ottimizzazione delle eccedenze, una maggiore consapevolezza dell’impatto di interventi concreti e un ruolo attivo nel raggiungimento degli obiettivi stabiliti dal Programma Nazionale di Prevenzione dei rifiuti e dello spreco.

Contini di Just eat aggiugne: “La tappa di Milano è la prima di un percorso che speriamo possa coinvolgere altre città come Torino e Roma. Da quando abbiamo annunciato l’iniziativa, abbiamo ricevuto numerosi riscontri positivi da parte dei ristoranti affiliati a Just eat che hanno manifestato la volontà di sostenere attivamente il progetto, apprezzandone la potenzialità nell’essere un veicolo di sensibilizzazione socio-culturale. L’industry della ristorazione rappresenta infatti un ambito che potrebbe contribuire notevolmente alla riduzione del fenomeno degli sprechi in quanto oggi, come stimato dalla FAO, questo settore insieme al consumo domestico genera uno spreco pari a 350 milioni di tonnellate di prodotti alimentari”.

Da un’indagine condotta da Just eat emerge, del resto, che per l’83% dei ristoranti la problematica dello spreco è un tema importante su cui il 77% ritiene di poter contribuire attivamente. Dai dati emerge infatti, purtroppo, che i ristoranti buttano via il cibo, il 24% ogni giorno, il 26% più di una volta alla settimana e il 50% una volta alla settimana, un trend negativo che evidenzia la necessità di sviluppare progetti e azioni concrete a supporto dei ristoranti nella gestione della problematica.

Ad oggi l’introduzione di alcuni accorgimenti è ancora scarsa, come la soluzione della family bag, adottata solo dal 10% dei ristoranti nonostante il 53% dei clienti la richieda.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende