Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Ristrutturazione in chiave ecologica per il Villaggio Baia del Sole in Calabria:

Ristrutturazione in chiave ecologica per il Villaggio Baia del Sole in Calabria

La ristrutturazione del Villaggio Baia del Sole, terminata nell’estate 2016, è stata condotta secondo un approccio “ecosostenibile”, in considerazione del fatto che il resort è incastonato in una delle aree di maggiore interesse paesaggistico e ambientale della costa tirrenica calabra, individuata come Sito di Interesse Comunitario nella rete “Natura 2000”.

I materiali usati nel recupero e negli interventi di riqualificazione del Villaggio Baia del Sole rispondono alle esigenze di compatibilità e reversibilità. Sono stati impiegati materiali “naturali” e locali come la pietra, il mattone, il legname e le stesse essenze vegetali. Anche le tecnologie adottate sono state selezionate perché  assimilabili alla struttura, rispettose dell’habitat naturale, prive di elementi di impatto non compatibili con l’ambiente circostante.

I corpi di fabbrica si sono alternati a aree verdi che favoriscono il raffrescamento evaporativo e permettono la circolazione di brezze raffrescanti nei periodi di surriscaldamento estivo. Le facciate con esposizione a nord e sud sono caratterizzate da una ottimizzazione delle superfici finestrate e aerate in grado di garantire una buona ventilazione naturale e nello stesso tempo tenere sotto controllo la quantità di calore e l’irraggiamento diretto in ambiente.  Le aperture nelle facciate sopravvento sono di dimensioni superiori o perlomeno uguali a quelle delle facciate sottovento, garantendo così una velocità del flusso raffrescante e deumidificante.

L’involucro è stato progettato per agire in modo dinamico sul controllo delle fluttuazioni termiche della temperatura (inerzia termica) cercando di mantenere il più costante possibile il livello di temperatura sulle superfici interne dei vari elementi costruttivi con ottime prestazioni di trasmittanza e inerzia termica, traspirabilità, acustica, qualità dell’aria (grazie all’utilizzo di materiali che non rilasciano sostanze volatili o polveri nocive) e illuminazione (con lo sfruttamento dell’illuminazione naturale degli ambienti e riducendo il più possibile l’utilizzo dell’illuminazione artificiale)

L’attuazione dell’intervento ha previsto, in definitiva, una radicale riqualificazione del sistema edificio-impianto, agendo principalmente sull’involucro edilizio (murature di tamponamento, infissi, elementi costruttivi orizzontali, ecc.) inteso come sistema impiantistico passivo – cioè sistema in grado di mantenere le migliori condizioni di comfort interno mediante un utilizzo ridotto delle risorse energetiche attive. In questo senso l’obiettivo dell’intervento è stato quello di razionalizzare al massimo i consumi energetici e di ridurre allo stretto indispensabile l’utilizzo di energia primaria. Si è pertanto abbracciata una politica di abbattimento delle dispersioni ed accumuli termici, attraverso l’installazione di apparecchiature di illuminazione ad alta efficienza, l’installazione di dispositivi di controllo in remoto delle principali apparecchiature impiantistiche così da limitare gli sprechi energetici.

La parte di energia residua richiesta dal sistema, per ottemperare al mantenimento delle condizioni di comfort, è prodotta attraverso la messa in esercizio di più campi fotovoltaici posizionati, in modo completamente integrato, sulle falde dotate della migliore esposizione rispetto all’irradiazione solare. E’ prevista infatti una potenza installata di circa 110 kWp in grado di produrre circa 160.000 kWh/anno.

La scelta progettuale del nuovo design di Baia del Sole ha come tema il Mediterraneo e le sue architetture: morbide, calde e accoglienti, che dalle Cicladi alle Eolie forniscono esempio di come il mondo dell’hotellerie possa trasmettere benessere e lusso attraverso un’opportuna scelta di materiali e accorgimenti architettonico-stilistici. Linee pure e forme ispirate alla natura, finiture e arredi custom-designed per Baia del Sole, pavimenti e rivestimenti esagonali che concorrono a creare un’identità forte di luogo di mare e di fonte di relax.

La mattina e dopo il tramonto, il giardino diventa la cornice ideale per sessioni di yoga, risveglio muscolare o passeggiate en plein air, inducendo un naturale benessere psico-fisico. La spiaggia privata del Villaggio proietta invece lo sguardo tra l’arcipelago delle Isole Eolie, il Golfo di Lamezia Terme, il Golfo di Gioia Tauro, fino ad abbracciare lo Stretto di Messina, dietro cui fa capolino l’Etna.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende