Home » Comunicati Stampa » Salerno città modello per la raccolta differenziata:

Salerno città modello per la raccolta differenziata

ottobre 30, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of www.comune.salerno.itA Ecomondo di Rimini Fiera presentata l’esperienza della città campana che in un solo anno è diventata la prima realtà italiana per lo smaltimento differenziato con il 72%

Il Sindaco: “Progetto di grande responsabilità e coraggio portato a compimento senza aumentare il costo del servizio ai cittadini”. La Protezione Civile: “In Campania più 200 Comuni hanno superato il 45% nella raccolta differenziata”. Il CONAI: “Prosegue il Progetto Sud, dopo Salerno siamo pronti a partire a Palermo”

Rimini, 29 ottobre 2009 – Salerno incoronata città modello per la raccolta differenziata. Questo pomeriggio al Caffè Scienza di Ecomondo, la Fiera internazionale del recupero di materie ed energia e dello sviluppo sostenibile fino a sabato a Rimini Fiera, sono stati presentati ufficialmente i risultati del Progetto Salerno che ha fatto raggiungere alla città campana il primato italiano tra i capoluoghi, con il 72% dei rifiuti raccolti e smaltiti in modo differenziato. Un traguardo raggiunto quindici mesi dopo l’introduzione del servizio di raccolta porta a porta che è stato esteso progressivamente a tutta la città dal centro storico alle zone collinari, dall’area della movida alla zona industriale. Ed ora si parla di Modello Salerno.

La collaborazione tra CONAI e Comune di Salerno è iniziata nell’ottobre 2007, quando la raccolta differenziata della città era intorno al 15%, con la firma del protocollo d’intesa per la realizzazione di un piano industriale di raccolta differenziata integrata dei rifiuti urbani con l’obiettivo di attivare su tutto il territorio comunale, nell’arco di circa un anno, la raccolta porta a porta di tutte le frazioni merceologiche ad eccezione del vetro. Tutta la fase di avvio del progetto è stata supportata da una forte azione di comunicazione a cura dell’Amministrazione e del Conai: informazione ad ogni famiglia, utilizzo di mezzi mediatici, ordinanze comunali, numero verde a disposizione dei cittadini, sportello all’interno degli uffici comunali e punti informativi sparsi in città per offrire ai residenti un alto livello informativo e renderli partecipi in prima persona nel miglioramento della qualità della propria vita. Nell’aprile dello scorso anno è partito il nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti urbani che, dal settembre scorso, coinvolge l’intera città (145.000 abitanti, 57.000 utenze domestiche e 8.000 utenze commerciali).

I quantitativi di rifiuti avviati a smaltimento nei periodi gennaio-giugno 2008/2009, mostrano una riduzione del 52% di tali flussi, per una media di oltre 2.200 tonnellate mensili in meno conferite agli impianti di smaltimento.  Analogamente si registra una media di circa 2.000 tonnellate mensili di rifiuti in più raccolti in maniera differenziata. Nel periodo di riferimento sono state raccolte in maniera differenziata circa 11.500 tonnellate in più rispetto all’anno precedente, con un aumento percentuale del 246% e si registra anche una riduzione dei rifiuti complessivamente prodotti. La riduzione riscontrata è dell’ordine di circa 600 tonnellate al mese con un valore percentuale prossimo al 10% di rifiuti prodotti in meno.

Vincenzo De Luca, Sindaco di Salerno: “Un atto di grande coraggio e responsabilità animato da una scelta politica di fondo, una impostazione non opportunistica che è passata attraverso il disciplinamento dell’intera comunità facendo leva sul senso civico e il rispetto delle regole. La città ha risposto positivamente perché il progetto è passato attraverso un’autorità morale in grado richiamare i cittadini al loro dovere visto che la città non ha mai, di fatto, conosciuto l’emergenza rifiuti. La collaborazione con il Conai è stata decisiva perché assieme abbiamo studiato e ponderato attentamente un piano industriale su misura per la città per poi partire gradualmente di quartiere in quartiere. Un lavoro molto impegnativo che ha comportato scelte di Bilancio delicate e rigorose, visto che il porta a porta costa di più, ma senza gravare sui cittadini: le tariffe non sono aumentate, anzi le abbiamo ridotte per i pensionati e le fasce deboli. Lo consiglio a tutti i miei colleghi, campani e non, perché è un impegno che va a beneficio di tutta la città e dei suoi abitanti con ricadute positive sul piano degli investimenti, del turismo e del rilancio del commercio”.

Piero Perron, Presidente del CONAI: “Il progetto Salerno si inserisce in una più ampia iniziativa che il Conai sta portando avanti da alcuni anni nel Sud Italia per sostenere tutte le Amministrazioni Comunali che vogliono fare raccolta differenziata. Fino a questo momento avevamo sempre operato su realtà di dimensioni medio-piccole mentre Salerno, con i suoi 150 mila abitanti, è stato il primo caso di città di medie dimensioni che ha deciso di attivare l’intero sistema di raccolta differenziata sulla base di un piano industriale serio. Noi ci abbiamo messo il know how e la comunicazione ma la parte più rilevante l’hanno fatta il Comune e i cittadini che hanno adottato comportamenti virtuosi. La definizione del piano industriale è stata molto lunga e articolata per mettere a punto le migliori soluzioni. Il nostro modello di riferimento nelle zone più critiche rimane il porta a porta perché più gradito ai cittadini, che possono conferire in modo comodo, e permette un controllo diretto sul rifiuto. Fatta crescere con successo la raccolta differenziata a Salerno ora siamo pronti a partire a Palermo dove, in novembre, partirà la raccolta differenziata nei primi quartieri”.

Mariella Maffini, Responsabile del coordinamento della raccolta differenziata della struttura del Sottosegretario all’emergenza rifiuti in Campania: “Il caso Salerno è il più eclatante ma nel 2008, in piena emergenza rifiuti, decine di realtà campane che si sono impegnate nella raccolta differenziata raggiungendo ottimi risultati. Sono infatti più di 200 i Comuni della Campania che in un solo anno hanno superato il 45% nella raccolta differenziata. Purtroppo Napoli rimane maglia nera e per il 2008 si assesta intorno al 17% del 2007 penalizzando l’intera Regione. Il nostro compito, come Protezione Civile, è quello di monitorare e certificare i dati che ci arrivano dai Comuni e segnalare per inadempienza quelli che non rispettano i limiti di raccolta differenziata stabiliti dalla normativa vigente, segnalandoli per lo scioglimento”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende