Home » Comunicati Stampa » Se l’apicoltore lavora con l’iPad: hi-tech a supporto degli alveari:

Se l’apicoltore lavora con l’iPad: hi-tech a supporto degli alveari

agosto 1, 2012 Comunicati Stampa

L’uomo, le api e l’IPad: una scena ancora difficile da immaginare, ma destinata a diventare usuale in futuro, grazie all’implementazione delle nuove tecnologie nella pratica di questo mestiere millenario. Fare l’apicoltore significa svolgere un lavoro paziente e manuale, immutato da decenni, in mezzo alla natura e con strumenti semplici e tradizionali – maschera, tuta, affumicatore – ma negli ultimi anni si sta sempre più affermando una nuova generazione di apicoltori colti e geek, che utilizzano internet per controllare a distanza gli alveari, costruire community virtuali, vendere il miele on line. Di come l’high tech stia cambiando il mondo dell’apicoltura si parlerà alla Settimana del Miele” di Montalcino (7-9 settembre), uno degli appuntamenti di riferimento del settore a livello nazionale.

Se nel mondo tradizionalista dell’agricoltura italiana le nuove tecnologie faticano ad affermarsi – secondo l’Istat, che ha appena diffuso i risultati del sesto censimento generale dell’agricoltura, meno del 4% delle aziende agricole italiane utilizza internet – l’apicoltura rappresenta una felice eccezione. La causa del profondo gap tecnologico tra il mondo rurale in genere e quello, molto più circoscritto, dell’apicoltura, è da imputare principalmente alla figura stessa dell’apicoltore-tipo. Questo il suo identikit: cultura medio-alta (il 60% è diplomato, il 20% possiede una laurea), frequenta regolarmente corsi di specializzazione e convegni di aggiornamento, vive una relazione quotidiana con insetti e fioriture, a stretto contatto con la natura, ma allo stesso tempo consulta frequentemente il suo pc o l’iPad.  Molti sono diventati apicoltori dopo aver svolto un altro lavoro, spesso in città: un piccolo esercito variegato e complesso di “sognatori” concreti, che sono animati dalla convinzione di svolgere una professione difficile ma bellissima, e che all’amore per la natura uniscono quello per l’high tech.

Ma come vengono utilizzate le nuove tecnologie in apicoltura? Innanzitutto per tenersi in contatto. Gli apicoltori italiani, dalla Val d’Aosta alla Sicilia, sono riuniti in una potentissima community virtuale che passa per la rete. Attivi con siti, forum e blog costantemente aggiornati, attraverso internet gli apicoltori si aggiornano sulle novità del settore, che negli ultimi anni è stato oggetto – soprattutto dopo il caso insetticidi neonicotinoidi, sostanze killer utilizzate in agricoltura e principale imputate della moria di api in tutto il mondo, più volte sospesi in via cautelativa dal Ministero dell’Agricoltura - a numerosi “colpi di scena”. Ed è stato anche il tam tam creato in rete dagli apicoltori, che hanno lanciato l’allarme neonicotinoidi, a sensibilizzare l’opinione pubblica e in seguito le istituzioni.

Ma il web è utile anche per sapere come e quando effettuare certi trattamenti,  per ricevere i bollettini fitoiatrici e il calendario dei trattamenti, così da consentire una più efficiente e capillare azione di sensibilizzazione degli operatori su tutto il territorio nazionale. Ancora in fase sperimentale il controllo a distanza degli alveari via web: chi fa nomadismo, ovvero trasporta le proprie api in luoghi spesso lontani, può controllarle a distanza con speciali computer da campo, che registrano e trasmettono l’incremento di peso degli alveari, e quindi l’andamento del raccolto, così come le condizioni meteo di quella zona. Infine l’e-commerce: internet è una perfetta vetrina che consente, anche a piccoli apicoltori, di poter vendere i propri vasetti ad una platea enorme di potenziali acquirenti.

Un’innovazione, quella delle nuove tecnologie, senz’altro positiva per questa antica pratica: l’apicoltura è uno di quei pochi settori, infatti, che permettono di legare la tutela del patrimonio ambientale alla creazione di prodotti alimentari di eccellenza, e può contare sulla forza di 50mila apicoltori, 1,1 milioni di alveari ed un giro d’affari stimato di 60 milioni di euro, senza considerare i miliardi resi dal servizio d’impollinazione di colture e natura.

 

Per maggiori informazioni sulle opportunità riservate dalle tecnologie ICT all’agricoltura vedi anche il video dell’intervento di Bartolomeo Montrucchio, del Politecnico di Torino, al 2° Workshop Nazionale IMAGE.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende