Home » Aziende »Comunicati Stampa »Non-Profit »Pratiche » SEVA per l’Africa: impianti fotovoltaici gratuiti per aiutare le comunità locali:

SEVA per l’Africa: impianti fotovoltaici gratuiti per aiutare le comunità locali

E’ installato e funzionante il primo impianto fotovoltaico stand alone da 12,1 kWp donato dal progetto umanitario “SEVA per l’Africa” alla comunità “Cuori Grandi Onlus” di Amakpape, in Togo, guidata da Suor Patrizia Livraga. Il progetto umanitario “SEVA per l’Africa” è realizzato da S.e.v.a. Srl, società valdostana che sviluppa, costruisce e gestisce centrali idroelettriche ed eoliche per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Il progetto prevede la realizzazione, senza scopo di lucro, d’impianti fotovoltaici “a isola” destinati alle missioni religiose e laiche operanti sul territorio africano. In Africa operano infatti diverse organizzazioni umanitarie che hanno bisogno di aiuto, ma la semplice fornitura di fondi è spesso sottoposta a rischi di dispersione legati a taglieggi, instabilità geopolitica, corruzione o inadeguatezza della gestione. Per superare i primi necessari interventi d’urgenza, SEVA prevede dunque di dotare le singole missioni di impianti per la produzione fotovoltaica e renderle così meno dipendenti dal consumo d’idrocarburi. Riuscire a sviluppare piccoli impianti distribuiti sul territorio è infatti fondamentale per la sopravvivenza di intere comunità locali.

Grazie anche alla Vipiemme di Bergamo, che ha fornito gratuitamente 54 moduli fotovoltaici policristallino da 220 Wp e 40 batterie PB-acido 115 AH@12V e alla collaborazione tecnica di Kad3 Group, la comunità Cuori Grandi si renderà quasi completamente autonoma dal generatore alimentato a gasolio. Ad Amakpape funziona ora, infatti, un impianto fotovoltaico ibrido off-grid con kit HYREY progettato per la produzione, lo stoccaggio e la distribuzione di energia elettrica da fonti rinnovabili fotovoltaiche non programmabili in assetto stand alone, che garantisce la parziale autonomia dalla generazione elettrica tradizionale  derivante dalla conversione energetica di combustibili fossili.

La comunità di Amakpape è in fibrillazione da circa un mese, da quando cioè il materiale è stato scaricato dal container e stivato nel magazzino in attesa dell’arrivo dei tecnici. A coordinare le operazioni è stata la stessa suor Patrizia: prima alla guida di un trattore per scaricare i pallet, poi a supervisionare gli ultimi ritocchi alle strutture destinate a ospitare l’impianto fotovoltaico. Suor Patrizia è il motore della Onlus Cuori Grandi Togo. Intorno a lei gravita un mondo di figure silenziose ma straordinarie, volontari anonimi con varie esperienze e professionalità: l’elettricista, il magazziniere, il macchinista, i medici, i carpentieri. Gente comune ma “vera”.

Con l’arrivo in loco dei tecnici di Kad3 Group, il 23 luglio sono partite le operazioni di installazione e commissioning dell’impianto, terminate il 29 luglio. “L’Hyrei funziona, i pannelli, nonostante  siano giornate nuvolose, sono al lavoro e le batterie  si caricano in un batter d’occhio”, ha commentato suor Patrizia via Skype. Un elettricista volontario italiano e alcune maestranze locali sono stati istruiti sulle principali caratteristiche dell’impianto, che consentirà ai bambini di usufruire della nuova scuola.

In Togo, nonostante il territorio sia prevalentemente ad uso agricolo, la sicurezza alimentare di tutta la popolazione non è garantita a causa della scarsità d’acqua per irrigazione e della carenza proteica della dieta generale. Per questo suor Patrizia sta dando vita a un progetto agricolo innovativo per aumentare l’output e incrementare le colture ad alto contenuto proteico, soprattutto la soia.  A fianco di questo progetto è prevista la realizzazione di un complesso scolastico che assicuri efficacia educativa, dalla scuola materna alla superiore. Il nuovo complesso scolastico servirà un bacino assai vasto di bambini provenienti dai villaggi più piccoli della zona.

Prossimo obiettivo di “SEVA per l’Africa” sarà l’aiuto a CEFA (Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricoltura Onlus). In Tanzania CEFA segue un progetto per migliorare le condizioni di vita della popolazione e la sostenibilità ambientale nel distretto rurale di Njombe (Rift Valley). A ottobre sarà quindi installato un nuovo impianto da 11 kWp presso una latteria, che fungerà da esperimento“pilota”.

E un altro impianto da 11 kWp verrà fatto funzionare, entro fine anno, presso la missione dei Carmelitani di Bozum nella Repubblica Centrafricana. Anche questo impianto, progettato da Kad3 Group, sarà in grado di fornire elettricità a circa 2.000 persone e ridurre di circa il 96% i consumi del gasolio. L’intervento è stato selezionato fra altri 25 possibili grazie alla consulenza di esperti internazionali. In Repubblica Centrafricana i Carmelitani hanno infatti realizzato diversi progetti importanti come una fiera agroalimentare (giunta alla decima edizione nazionale con 80.000 euro di vendite nel 2013), una cassa di credito (1.200 aderenti, 90 mila euro di risparmi e 40 mila euro di crediti erogati, cinque sportelli), risaie, consorzi e un centro giovani nella missione di Bozum. Nel Paese la rete di distribuzione elettrica è tuttavia quasi del tutto assente o soggetta a forte degrado. A oggi non sembrerebbero esservi alternative ai gruppi elettrogeni a gasolio, che però comportano costi sempre molto elevati di carburante e difficoltà nell’approvvigionamento. Il consumo medio annuale di gasolio nella missione di Bozum ammonta a ca. 7.000 litri, che equivale a un costo annuale di 11.410 €/anno (1,63 €/litro gasolio). Riuscire a sviluppare piccoli impianti da fonte rinnovabile, non connessi ad alcuna rete di distribuzione e sparsi sul territorio, è dunque fondamentale per la sopravvivenza d’intere comunità africane legate a un’economia agricola di sussistenza.

A novembre “SEVA per l’Africa sbarcherà poi, ancora, in Benin dove verrà realizzato un impianto a Materi, nella casa di accoglienza “Madre Ursula” gestita dall’italiana Suor Antonia insieme ad altre due suore spagnole dell’Ordine delle Teatine.

Il progetto umanitario ”SEVA per l’Africa”, nato grazie alla passione per il continente nero di Stefano DeBenedetti, amministratore unico di  Seva Srl, ha superato l’anno e mezzo di vita e punta ora ad organizzare gli aiuti in maniera ancora più efficiente. A fronte di circa trenta richieste di aiuto provenienti da ogni parte d’Africa, serve infatti strutturare gli interventi con una logica “aziendale”.  Solo in Congo sono 6 le missioni dei Francescani Minori da vistare (a novembre partirà un tecnico specializzato), tre in Tanzania (presso le strutture dei missionari delle Consolata), una in Benin (ancora il gruppo GSA), due in Eritrea e poi ancora due in Burundi, una in Sierra Leone, Tunisia, Guinea Bissau, Angola, Costa d’Avorio solo per citare le più pronte a ricevere gli aiuti. E’ stato pertanto elaborato un questionario da inviare a tutte le organizzazioni (religiose e laiche) che operano in Africa e che potrebbero avere necessità di installare impianti fotovoltaici stand alone di potenza fino a 12 kW.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende