Home » Aziende »Comunicati Stampa »Non-Profit »Pratiche » SEVA per l’Africa: impianti fotovoltaici gratuiti per aiutare le comunità locali:

SEVA per l’Africa: impianti fotovoltaici gratuiti per aiutare le comunità locali

E’ installato e funzionante il primo impianto fotovoltaico stand alone da 12,1 kWp donato dal progetto umanitario “SEVA per l’Africa” alla comunità “Cuori Grandi Onlus” di Amakpape, in Togo, guidata da Suor Patrizia Livraga. Il progetto umanitario “SEVA per l’Africa” è realizzato da S.e.v.a. Srl, società valdostana che sviluppa, costruisce e gestisce centrali idroelettriche ed eoliche per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Il progetto prevede la realizzazione, senza scopo di lucro, d’impianti fotovoltaici “a isola” destinati alle missioni religiose e laiche operanti sul territorio africano. In Africa operano infatti diverse organizzazioni umanitarie che hanno bisogno di aiuto, ma la semplice fornitura di fondi è spesso sottoposta a rischi di dispersione legati a taglieggi, instabilità geopolitica, corruzione o inadeguatezza della gestione. Per superare i primi necessari interventi d’urgenza, SEVA prevede dunque di dotare le singole missioni di impianti per la produzione fotovoltaica e renderle così meno dipendenti dal consumo d’idrocarburi. Riuscire a sviluppare piccoli impianti distribuiti sul territorio è infatti fondamentale per la sopravvivenza di intere comunità locali.

Grazie anche alla Vipiemme di Bergamo, che ha fornito gratuitamente 54 moduli fotovoltaici policristallino da 220 Wp e 40 batterie PB-acido 115 AH@12V e alla collaborazione tecnica di Kad3 Group, la comunità Cuori Grandi si renderà quasi completamente autonoma dal generatore alimentato a gasolio. Ad Amakpape funziona ora, infatti, un impianto fotovoltaico ibrido off-grid con kit HYREY progettato per la produzione, lo stoccaggio e la distribuzione di energia elettrica da fonti rinnovabili fotovoltaiche non programmabili in assetto stand alone, che garantisce la parziale autonomia dalla generazione elettrica tradizionale  derivante dalla conversione energetica di combustibili fossili.

La comunità di Amakpape è in fibrillazione da circa un mese, da quando cioè il materiale è stato scaricato dal container e stivato nel magazzino in attesa dell’arrivo dei tecnici. A coordinare le operazioni è stata la stessa suor Patrizia: prima alla guida di un trattore per scaricare i pallet, poi a supervisionare gli ultimi ritocchi alle strutture destinate a ospitare l’impianto fotovoltaico. Suor Patrizia è il motore della Onlus Cuori Grandi Togo. Intorno a lei gravita un mondo di figure silenziose ma straordinarie, volontari anonimi con varie esperienze e professionalità: l’elettricista, il magazziniere, il macchinista, i medici, i carpentieri. Gente comune ma “vera”.

Con l’arrivo in loco dei tecnici di Kad3 Group, il 23 luglio sono partite le operazioni di installazione e commissioning dell’impianto, terminate il 29 luglio. “L’Hyrei funziona, i pannelli, nonostante  siano giornate nuvolose, sono al lavoro e le batterie  si caricano in un batter d’occhio”, ha commentato suor Patrizia via Skype. Un elettricista volontario italiano e alcune maestranze locali sono stati istruiti sulle principali caratteristiche dell’impianto, che consentirà ai bambini di usufruire della nuova scuola.

In Togo, nonostante il territorio sia prevalentemente ad uso agricolo, la sicurezza alimentare di tutta la popolazione non è garantita a causa della scarsità d’acqua per irrigazione e della carenza proteica della dieta generale. Per questo suor Patrizia sta dando vita a un progetto agricolo innovativo per aumentare l’output e incrementare le colture ad alto contenuto proteico, soprattutto la soia.  A fianco di questo progetto è prevista la realizzazione di un complesso scolastico che assicuri efficacia educativa, dalla scuola materna alla superiore. Il nuovo complesso scolastico servirà un bacino assai vasto di bambini provenienti dai villaggi più piccoli della zona.

Prossimo obiettivo di “SEVA per l’Africa” sarà l’aiuto a CEFA (Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricoltura Onlus). In Tanzania CEFA segue un progetto per migliorare le condizioni di vita della popolazione e la sostenibilità ambientale nel distretto rurale di Njombe (Rift Valley). A ottobre sarà quindi installato un nuovo impianto da 11 kWp presso una latteria, che fungerà da esperimento“pilota”.

E un altro impianto da 11 kWp verrà fatto funzionare, entro fine anno, presso la missione dei Carmelitani di Bozum nella Repubblica Centrafricana. Anche questo impianto, progettato da Kad3 Group, sarà in grado di fornire elettricità a circa 2.000 persone e ridurre di circa il 96% i consumi del gasolio. L’intervento è stato selezionato fra altri 25 possibili grazie alla consulenza di esperti internazionali. In Repubblica Centrafricana i Carmelitani hanno infatti realizzato diversi progetti importanti come una fiera agroalimentare (giunta alla decima edizione nazionale con 80.000 euro di vendite nel 2013), una cassa di credito (1.200 aderenti, 90 mila euro di risparmi e 40 mila euro di crediti erogati, cinque sportelli), risaie, consorzi e un centro giovani nella missione di Bozum. Nel Paese la rete di distribuzione elettrica è tuttavia quasi del tutto assente o soggetta a forte degrado. A oggi non sembrerebbero esservi alternative ai gruppi elettrogeni a gasolio, che però comportano costi sempre molto elevati di carburante e difficoltà nell’approvvigionamento. Il consumo medio annuale di gasolio nella missione di Bozum ammonta a ca. 7.000 litri, che equivale a un costo annuale di 11.410 €/anno (1,63 €/litro gasolio). Riuscire a sviluppare piccoli impianti da fonte rinnovabile, non connessi ad alcuna rete di distribuzione e sparsi sul territorio, è dunque fondamentale per la sopravvivenza d’intere comunità africane legate a un’economia agricola di sussistenza.

A novembre “SEVA per l’Africa sbarcherà poi, ancora, in Benin dove verrà realizzato un impianto a Materi, nella casa di accoglienza “Madre Ursula” gestita dall’italiana Suor Antonia insieme ad altre due suore spagnole dell’Ordine delle Teatine.

Il progetto umanitario ”SEVA per l’Africa”, nato grazie alla passione per il continente nero di Stefano DeBenedetti, amministratore unico di  Seva Srl, ha superato l’anno e mezzo di vita e punta ora ad organizzare gli aiuti in maniera ancora più efficiente. A fronte di circa trenta richieste di aiuto provenienti da ogni parte d’Africa, serve infatti strutturare gli interventi con una logica “aziendale”.  Solo in Congo sono 6 le missioni dei Francescani Minori da vistare (a novembre partirà un tecnico specializzato), tre in Tanzania (presso le strutture dei missionari delle Consolata), una in Benin (ancora il gruppo GSA), due in Eritrea e poi ancora due in Burundi, una in Sierra Leone, Tunisia, Guinea Bissau, Angola, Costa d’Avorio solo per citare le più pronte a ricevere gli aiuti. E’ stato pertanto elaborato un questionario da inviare a tutte le organizzazioni (religiose e laiche) che operano in Africa e che potrebbero avere necessità di installare impianti fotovoltaici stand alone di potenza fino a 12 kW.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende