Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Sharing economy, tutti pazzi per la condivisione. I risultati dell’indagine Ford:

Sharing economy, tutti pazzi per la condivisione. I risultati dell’indagine Ford

luglio 18, 2016 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Un tempo lasciare a qualcuno le chiavi della propria auto era ritenuto un gesto di estrema fiducia. Oggi, per molti, lasciare che uno sconosciuto occupi il sedile di guida su cui ci si siede quotidianamente è considerato un aspetto accettabile nell’ambito di molte formule di car-sharing. Questa considerazione emerge dai risultati di una ricerca condotta da Ford Motor Company sulla predisposizione dei  cittadini europei  rispetto alla sharing economy e alla condivisione di auto e altri beni e servizi attraverso forme e piattaforme innovative.

I risultati dello studio sono stati presentati da Will Farrelly, responsabile User Experience Innovation del programma Ford Smart Mobility alla OuiShare Fest di Parigi, il più grande evento mondiale sulla sharing economy e sugli ecosistemi emergenti della mobilità. La ricerca condotta su un campione di 10.000 cittadini europei ha svelato che il 55% degli intervistati concederebbe ad altri l’utilizzo della propria auto a fronte di una commissione, il 44% metterebbe a disposizione la propria abitazione, il 31% il telefono e il 17% perfino il cane.

Lo studio ha evidenziato, inoltre, che il 76% degli intervistati utilizzerebbe un servizio di ride-sharing,  la condivisione di passaggi in auto,  il 73% riterrebbe utile avvalersi di un servizio di parcheggio condiviso, mentre il 72% si rivolgerebbe a soluzioni di car-sharing a integrazione della propria mobilità personale.  “Che si tratti di auto, musica o perfino vacanze,  le persone  oggi  sono molto più predisposte alla condivisione di beni e servizi. Grazie agli smartphone, ci si può far prestare da qualcuno ogni genere di oggetto, o addirittura si può fare una passeggiata con il cane di qualcun altro”, ha spiegato Farrelly.

Quando si pensa alla mobilità, la condivisione offre potenzialmente soluzioni alternative accessibili che si tratti di  car-sharing,  ride-sharing o  anche del trasporto di merci. Oltre all’aspetto economico, gli effetti possono essere molto vantaggiosi anche sul fronte della riduzione del traffico e delle congestioni”.

I cittadini italiani, secondo la ricerca, sono secondi in Europa per disponibilità a condividere l’auto personale (58%), preceduti solo dagli spagnoli (61%). Il terzo gradino del podio è occupato  dai francesi  (56%), seguiti  dagli inglesi (50%), mentre i meno predisposti al car-sharing sono i cittadini tedeschi (48%). Il ride-sharing  si è rivelato essere particolarmente apprezzato in tutta Europa, e in particolare in Italia (86%), preceduta nella classifica  solo dalla Francia (87%) e seguita da Germania (82%), Spagna (80%) e Regno Unito (58%).

I più predisposti nei confronti della sharing economy risultano essere i più giovani e di sesso maschile. Infatti, nella fascia di età 25-34 anni la percentuale di coloro che si definiscono disposti a condividere la propria auto è il 68%. In generale, il 61% degli uomini  si dice pronto a offrire il proprio veicolo per i servizi di car-sharing, contro il 49% delle donne.  Il mercato globale della sharing economy vale oggi 13 miliardi di euro e si ritiene che possa  esprimere una crescita che potrà portarlo alla soglia dei 300 miliardi  entro il 2025. Nello stesso periodo, il solo car-sharing crescerà, secondo le stime, del 23%.

La ricerca sulla sharing economy è stata condotta nell’ambito del Ford Smart Mobility Plan, la strategia dell’Ovale Blu sviluppata per affiancare al proprio ruolo di costruttore d’auto quello di “provider di soluzioni di mobilità alternativa” e trasformare l’esperienza di trasporto del domani grazie alle tecnologie di connettività, all’analisi dei degli scenari di mobilità e alle tecnologie ‘big data’.  All’inizio di quest’anno l’Ovale Blu ha infatti annunciato il lancio, in tutto il mondo, di FordPass, la piattaforma strategica che crea un nuovo rapporto tra casa produttrice e cliente.  Oltre a una dimensione fisica, che vivrà all’interno dei FordHub, FordPass integrerà in una app  soluzioni di mobilità alternativa sviluppate in base alle diverse aree geografiche.  In Europa l’elenco includerà servizi di car-sharing con parcheggio garantito come GoDrive, e sistemi di condivisione dell’auto tra privati (CarAmigo).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende