Home » Comunicati Stampa »Eventi » Aperto a Brisbane il 6° WEEC sull’educazione ambientale:

Aperto a Brisbane il 6° WEEC sull’educazione ambientale

luglio 20, 2011 Comunicati Stampa, Eventi

Si è aperto ieri a Brisbane, in Australia, il 6th World Environmental Education Congress, il congresso mondiale di educazione ambientale che ogni due anni raggiunge un paese diverso del mondo per fare il punto sulle politiche e gli strumenti di sensibilizzazione dei cittadini, in particolare giovani e studenti.

Quasi 800 delegati di oltre 50 Paesi hanno presto parte alla prima giornata di lavori, che nei prossimi giorni proseguiranno con i contributi di esperti mondiali sulle più recenti ricerche nel campo dell’educazione ambientale e dello sviluppo industriale e politico.

Temi del congresso 2011 sono: Esplora, Fai esperienze, Educa, con un focus particolare sul ruolo dell’educazione ambientale nelle scelte relative al cambiamento climatico. I cinque giorni del meeting, che si chiuderà sabato 23 luglio, servono a stimolare i delegati a “imparare” e condividere nuovi modi di pensare ed esplorare i trend più innovativi nell’ambito della ricerca e nella pratica dell’educazione ambientale. I partecipanti hanno infatti la possibilità di mettersi in contatto con educatori ambientali che lavorano nelle scuole, nell’educazione superiore, nelle agenzie federali, nazionali e locali del governo, nelle organizzazioni non governative e nel  mondo degli affari. I primi due giorni del congresso saranno orientati all’influenza della scienza rispetto al cambiamento climatico nella regione dell’Asia-Pacifico, mentre la terza giornata offrirà la possibilità ai giovani di discutere i temi della natura e gli obiettivi dell’educazione ambientale nel futuro.

Porgendo i saluti in apertura, Mario Salomone (presidente dell’Istituto Scholé di Torino, che è Segretariato Permanente del WEEC) ha osservato: «Questo sesto congresso mondiale dell’educazione ambientale si svolge in una regione, quella Asia-Pacifico, che ha visto recentemente tremendi disastri naturali e tremende sciagure provocate dall’azione umana sul pianeta. Dallo tsnunami e dalla distruzione della centrale atomica di Fukushima, in Giappone, all’innalzamento del livello dei mari, che minaccia le piccole isole e le coste più basse, dalla desertificazione in Cina alle alluvioni proprio qui in Australia, sono state purtroppo molte le conferme che la società umana – come dice il sociologo Ulrick Beck – vive nell’era del rischio globale. Una biodiversità sempre più in crisi, in un pianeta troppo antropizzato, colpito dal global warming, dove acqua, cibo, suolo, sono risorse sempre più insufficienti, sottoposte a stress, ripartite ingiustamente e fonte di conflitti e di accaparramento da parte di nazioni più ricche e potenti, dove si moltiplicano i profughi e le migrazioni ambientali: questo il quadro in cui ci troviamo e in cui si riunisce il nostro congresso. I WEEC sono stati una sfida ambiziosa, difficile, in parte vinta: dal 2003 ci riuniamo regolarmente, facendo incontrare migliaia di studiosi e di educatori di tutti i continenti. Dopo PortogalloBrasileItaliaSud Africa, Australia, abbiamo già in programma il prossimo appuntamento in Marocconel 2013 e stiamo vagliando le candidature per i congressi del 2015 e del 2017.
L’educazione ambientale nel mondo, insomma, è viva e vitale. Ma siamo anche chiamati a un maggiore impegno di riflessione e di confronto, a un’azione sempre più decisa, a costruire reti sempre più diffuse ed efficaci, a livello locale, regionale e globale. L’educazione ambientale, infatti, deve diventare ancora più incisiva e dare il massimo contributo possibile alla nascita di un sistema mondiale fatto di relazioni pacifiche e collaborative tra popoli e culture, di rapporto fraterno tra umanità e altri esseri viventi, e con il pianeta nel suo complesso, di modi di produrre e consumare profondamente riorientati verso una economia ecologica. L’educazione ambientale deve essere la chiave di unapprendere per il cambiamento. Per fare questo, deve mobilitare e coinvolgere tutti i saperi e tutte le discipline, deve sostenere la “scienza della sostenibilità“, deve fare i conti con tutti (e tanti) i temi di una realtà complessa e in rapido mutamento, dove segnali positivi e segnali negativi si intrecciano in modo preoccupante e conturbante.
Mi auguro quindi che questo congresso WEEC rappresenti un altro passo avanti verso una educazione ambientale sempre migliore e auguro a tutti i partecipanti un buon lavoro».

 

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende