Home » Comunicati Stampa »Nazionali »Politiche » Stati generali della green economy 2013: un decalogo per il “green new deal”:

Stati generali della green economy 2013: un decalogo per il “green new deal”

Un ‘decalogo’ delle misure necessarie per lanciare un “Green New Deal” che faccia uscire il Paese dalla crisi economica, ecologica ed occupazionale. Questo il ‘pacchetto’ di priorità, individuate tra le 79 proposte della Roadmap, che sarà presentato a Rimini, il 6 e 7 novembre prossimo, in occasione degli Stati Generali della Green Economy 2013, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 66 organizzazioni di imprese green (con migliaia di aziende al loro interno), in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.

Gli Stati Generali della Green Economy rappresentano un processo partecipativo senza eguali in Italia. Per mettere a punto la ‘Roadmap per la green economy’ , il Consiglio Nazionale si è avvalso di 10 Gruppi di Lavoro (a cui hanno partecipato oltre 500 esperti) nei 10 settori  strategici. Ciascun Gruppo di Lavoro ha discusso una bozza di documento programmatico in un’Assemblea dedicata, in cui complessivamente sono stati consultati 2.570 stakeholder tra rappresentanti delle Imprese, Organizzazioni e Associazioni no profit, Istituzioni, Università e Istituti di ricerca, Sindacati e Partiti e cittadini interessati. Al termine di questa consultazione, sono stati realizzati 10 Documenti Programmatici, 10 punti di partenza per una ‘Roadmap per la green economy in Italia’.

Per quel che riguarda le misure generali è necessario anzitutto, secondo gli organizzatori, diffondere la nuova visione della green economy rafforzando la consapevolezza dei cittadini, del mondo politico e di quello economico sulla necessità di produrre e utilizzare beni e servizi di qualità ecologica e ridotto impatto ambientale per tutelare le risorse naturali (riconoscendone la scarsità), conservare i servizi della natura (riconoscendone il valore) e per la crisi climatica (con un’economia a basse emissioni di carbonio).

È necessario dunque partire dalla valorizzazione delle imprese green italiane, dalla semplificazione del quadro normativo, da investimenti nei ‘green jobs’. Uno dei primi step per realizzare il ‘Green New Deal’ è la valorizzazione del potenziale green delle imprese italiane, che sanno coniugare innovazione, internazionalizzazione e orientamento all’economia verde. Queste sono le aziende in grado di affrontare la crisi e di competere a livello internazionale. Sono, poi, le istituzioni, a partire da quelle locali – Regioni e Comuni – a dover puntare sulla green economy. Risultano, infatti, alleati strategici determinanti per orientare in un’ottica green lo sviluppo economico nazionale in virtù del loro molteplice ruolo: legislatore, amministratore e promotore. Gli amministratori devono poter agire evitando inutili lungaggini e complicazioni burocratiche e avendo una particolare attenzione per le aziende dotate di certificazioni ambientali.

Per far questo, la richiesta è che il Governo si impegni a definire un quadro normativo coerente, stabile, efficace, in grado di facilitare lo sviluppo dell’eco-innovazione e di favorire processi di semplificazione. È necessario mettere in atto urgenti misure di fiscalità ecologica, spostando parte del carico fiscale dal lavoro e dagli investimenti, sul consumo di risorse, premiando – in termini di minore prelievo fiscale – il minor consumo di risorse, il riciclo e i minori impatti ambientali, e orientando il riesame della composizione della spesa pubblica (spending review) con attenzione particolare a quella con impatti negativi sull’ambiente.

Infine, bisogna puntare sulla crescita dei green jobs con particolare attenzione al rilancio dell’occupazione giovanile accelerando sulla strada della transizione alla green economy in grado di creare nuovi e migliori posti di lavoro. Serve un’azione sinergica concentrata su diversi fronti, dallo sviluppo della fiscalità ecologica associato alla riduzione del costo del lavoro al sostegno alle imprese green, a cominciare dalle filiere con maggiori potenzialità occupazionali, dall’introduzione di agevolazioni fiscali per l’assunzione di lavoratori giovani, al sostegno alla formazione mirata e alla ricerca.

Il Consiglio Nazionale della Green Economy ha selezionato, dalla Roadmap, 10 priorità da mettere in pratica nel più breve tempo possibile contenute nel ‘Pacchetto di misure per un Green New Deal per l’Italia’, che riguardano settori strategici della green economy, in particolare una riforma fiscale in chiave ‘eco’; strumenti finanziari innovativi; investimenti in infrastrutture verdi, difesa del suolo e risorse idriche; riciclo dei rifiuti; efficienza e risparmio energetico; fonti energetiche rinnovabili; filiere agricole di qualità ecologica; rigenerazione urbana e consumo del suolo; mobilità sostenibile e occupazione giovanile green.

Il ‘Pacchetto di misure per un Green New Deal per l’Italia’ sarà al centro del dibattito e confronto che si svolgerà a Rimini nelle tre sessioni di lavoro in programma:

06 novembre 2013 ore 11.30/13.30 – ‘Green New Deal’ a cui parteciperanno Andrea Orlando – Ministro dell’Ambiente, Edo Ronchi – Consiglio Nazionale della Green Economy, Michele Candotti – Consigliere del Direttore Esecutivo dell’UNEP e Robert Konrad – DG Ambiente, Commissione Europea.

06 novembre 2013 ore 15.00/17.30 – ‘Le Regioni e i Comuni per un Green New Deal’ che prevede l’introduzione di Giancarlo Muzzarelli – Coordinatore Gruppo di lavoro Regioni e Enti locali per la green economy del Consiglio Nazionale della Green Economy e gli interventi di Vittorio Cogliati Dezza – Presidente Legambiente, Giuseppe Onufrio – Direttore Greenpeace, Dante Caserta – Presidente WWF, Agostino Ghiglia – Coordinatore Commissione Ambiente, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, oltre al confronto tra best practice internazionali che vanno dal Brasile all’Olanda passando per la Svezia.

07 novembre 2013 ore 09.30/13.00 – ‘Le misure e le riforme economiche e fiscali necessarie per attivare un Green New Deal’ a cui interverranno, dopo Marco Frey – Coordinatore Gruppo di lavoro Finanza e Credito sostenibili per una green economy del Consiglio Nazionale della Green Economy, Corrado Clini – Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente, Ivana Capozza – Senior Policy Analyst, Country Environmental Performance Reviews, OCSE, Edoardo Croci – Coordinatore Osservatorio sulla Green Economy, IEFE, Università Bocconi, Andrea Bianchi – Direttore Politiche Industriali, Confindustria e Romano Stasi – Coordinatore Osservatorio sulle rinnovabili del ConsorzioABILab.

Concluderà gli Stati Generali della Green Economy l’intervento di Flavio Zanonato – Ministro per lo Sviluppo Economico.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende