Home » Comunicati Stampa »Progetti » “Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle:

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018 Comunicati Stampa, Progetti

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra grazie all’utilizzo della repeat photography. La nuova fase del progetto è stata presentata oggi presso l’Environment Park di Torino,

Sulle Tracce dei Ghiacciai”è stato ideato e sviluppato da Ventura in collaborazione con uno staff tecnico e creativo specializzato e un apposito Comitato Scientifico internazionale. Il progetto, coniugando comparazione fotografica e ricerca scientifica, ha lo scopo di comunicare ad un vasto pubblico e “far vedere a occhio nudo” gli effetti dei cambiamenti climatici globali attraverso l’esperienza visiva dell’arretramento dei ghiacciai più importanti della Terra. Coniugando in modo originale e innovativo ricerca scientifica, fotografia comparativa e divulgazione.

Grazie all’organizzazione di spedizioni dirette alle più importanti catene montuose del Pianeta, vengono effettuate misurazioni glaciologiche e realizzate nuove immagini fotografiche ad altissima risoluzione che riproducono fedelmente (stessa inquadratura e periodo dell’anno) quelle effettuate dai fotografi/esploratori di fine ‘800 e inizio ‘900.

Le prime quattro spedizioni del progetto – svoltesi nel 2009 in Karakorum, nel 2011 in Caucaso, nel 2013 in Alaska e nel 2016 nelle Ande – hanno visto il raggiungimento di tutti gli obiettivi prefissati, sia in termini di dati raccolti e fotografie comparative realizzate, sia in termini di divulgazione dei valori che il progetto propone. I numeri dei risultati sono già importanti: 4 spedizioni sul campo, 60 confronti fotografici, 5 programmi di ricerca, 8 università e istituti di ricerca coinvolti, 22 ghiacciai analizzati, 3 documentari televisivi distribuiti a livello mondiale, 7 esposizioni della mostra multimediale itinerante, 2 video installazioni interattive, 52 conferenze, convegni e proiezioni pubbliche.

Il quadro che emerge è che, purtroppo, le variazioni climatiche e ambientali stanno portando al rapido collasso delle masse glaciali con effetti non ancora del tutto prevedibili. Il progetto permetterà, quindi, unendo l’aspetto documentaristico a quello scientifico, di ottenere informazioni uniche sulla dinamica glaciale recente e sullo stato di salute dei ghiacciai in alcune aree campione come il Karakorum, il Caucaso, l’Alaska, le Ande, l’Himalaya e le Alpi. Con gli stessi obiettivi e la medesima metodologia operativa, sono ora pianificate e  in corso di organizzazione le prossime spedizioni: Himalaya nel 2018 e Alpi nel 2020.

“Sulle Tracce dei Ghiacciai” è finanziato grazie alla collaborazione con strutture pubbliche e private che condividono i valori fondamentali del progetto e attraverso campagne di fundraising e crowdfunding.

Durante ciascuna spedizione la casa di produzione SD Cinematografica ha realizzato un documentario della serie “Sulle Tracce dei Ghiacciai”. I primi due documentari sono stati mandati in onda da numerose emittenti televisive fra cui ZDF, ARTE, RTSI, RAI, NHK.

Al momento è in fase di post produzione il quarto documentario prodotto durante l’ultima spedizione. La mostra multimediale itinerante del progetto è composta da oltre 100 confronti fotografici di grande formato, da due video installazioni interattive su schermo 4×3 m e da un repertorio di abbigliamento e attrezzature fotografiche e video storiche e moderne a confronto. Tutto materiale esposto in numerosi musei e istituzioni di rilievo internazionale, fra cui il Messner Mountain Museum Firmian.

I contenuti del progetto sono inoltre utilizzati per la realizzazione di programmi didattici destinati alle scuole e per l’organizzazione di conferenze pubbliche; entrambe le attività sono finalizzate a sensibilizzare gli studenti e l’opinione pubblica sull’importanza dello sviluppo sostenibile e delle tematiche ambientali.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende