Home » Comunicati Stampa »Progetti » “Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle:

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018 Comunicati Stampa, Progetti

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra grazie all’utilizzo della repeat photography. La nuova fase del progetto è stata presentata oggi presso l’Environment Park di Torino,

Sulle Tracce dei Ghiacciai”è stato ideato e sviluppato da Ventura in collaborazione con uno staff tecnico e creativo specializzato e un apposito Comitato Scientifico internazionale. Il progetto, coniugando comparazione fotografica e ricerca scientifica, ha lo scopo di comunicare ad un vasto pubblico e “far vedere a occhio nudo” gli effetti dei cambiamenti climatici globali attraverso l’esperienza visiva dell’arretramento dei ghiacciai più importanti della Terra. Coniugando in modo originale e innovativo ricerca scientifica, fotografia comparativa e divulgazione.

Grazie all’organizzazione di spedizioni dirette alle più importanti catene montuose del Pianeta, vengono effettuate misurazioni glaciologiche e realizzate nuove immagini fotografiche ad altissima risoluzione che riproducono fedelmente (stessa inquadratura e periodo dell’anno) quelle effettuate dai fotografi/esploratori di fine ‘800 e inizio ‘900.

Le prime quattro spedizioni del progetto – svoltesi nel 2009 in Karakorum, nel 2011 in Caucaso, nel 2013 in Alaska e nel 2016 nelle Ande – hanno visto il raggiungimento di tutti gli obiettivi prefissati, sia in termini di dati raccolti e fotografie comparative realizzate, sia in termini di divulgazione dei valori che il progetto propone. I numeri dei risultati sono già importanti: 4 spedizioni sul campo, 60 confronti fotografici, 5 programmi di ricerca, 8 università e istituti di ricerca coinvolti, 22 ghiacciai analizzati, 3 documentari televisivi distribuiti a livello mondiale, 7 esposizioni della mostra multimediale itinerante, 2 video installazioni interattive, 52 conferenze, convegni e proiezioni pubbliche.

Il quadro che emerge è che, purtroppo, le variazioni climatiche e ambientali stanno portando al rapido collasso delle masse glaciali con effetti non ancora del tutto prevedibili. Il progetto permetterà, quindi, unendo l’aspetto documentaristico a quello scientifico, di ottenere informazioni uniche sulla dinamica glaciale recente e sullo stato di salute dei ghiacciai in alcune aree campione come il Karakorum, il Caucaso, l’Alaska, le Ande, l’Himalaya e le Alpi. Con gli stessi obiettivi e la medesima metodologia operativa, sono ora pianificate e  in corso di organizzazione le prossime spedizioni: Himalaya nel 2018 e Alpi nel 2020.

“Sulle Tracce dei Ghiacciai” è finanziato grazie alla collaborazione con strutture pubbliche e private che condividono i valori fondamentali del progetto e attraverso campagne di fundraising e crowdfunding.

Durante ciascuna spedizione la casa di produzione SD Cinematografica ha realizzato un documentario della serie “Sulle Tracce dei Ghiacciai”. I primi due documentari sono stati mandati in onda da numerose emittenti televisive fra cui ZDF, ARTE, RTSI, RAI, NHK.

Al momento è in fase di post produzione il quarto documentario prodotto durante l’ultima spedizione. La mostra multimediale itinerante del progetto è composta da oltre 100 confronti fotografici di grande formato, da due video installazioni interattive su schermo 4×3 m e da un repertorio di abbigliamento e attrezzature fotografiche e video storiche e moderne a confronto. Tutto materiale esposto in numerosi musei e istituzioni di rilievo internazionale, fra cui il Messner Mountain Museum Firmian.

I contenuti del progetto sono inoltre utilizzati per la realizzazione di programmi didattici destinati alle scuole e per l’organizzazione di conferenze pubbliche; entrambe le attività sono finalizzate a sensibilizzare gli studenti e l’opinione pubblica sull’importanza dello sviluppo sostenibile e delle tematiche ambientali.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende