Home » Comunicati Stampa »Eventi » Suolo: il patrimonio silenzioso sotto i nostri piedi:

Suolo: il patrimonio silenzioso sotto i nostri piedi

dicembre 5, 2014 Comunicati Stampa, Eventi

I suoli del pianeta sono in grave rischio per una serie di minacce che potrebbero minare le basi del nostro attuale stile di vita. Le alluvioni ed inondazioni verificatesi in Italia di recente hanno dimostrato drammaticamente come queste minacce non siano qualcosa di astratto e impalpabile, ma possano influire sui beni e sulla quotidianità delle persone.

La cattiva gestione del territorio è una delle cause che contribuisce ad acuire le conseguenze degli eventi climatici estremi e delle inondazioni. Per questo l’ONU ha deciso di proclamare il 2015 Anno Internazionale del Suolo. La finalità è quella di focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle problematiche che interessano i suoli e su come queste possono influire sulle vite della comunità. L’istituzione dell’ “Anno Internazionale del Suolo” sarà presentata oggi in occasione del World Soil Day 2014, organizzato a Roma dalla FAO, il 5 dicembre.

In questa occasione, sarà depositata presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani una definizione della parola “Suolo” condivisa da diversi scienziati e intellettuali italiani, tra cui Salvatore Settis, Andrea Segrè, Luca Mercalli, Paolo Pileri.  Il suolo, si legge nel testo che sarà depositato, è “lo strato superiore della crosta terrestre costituito da componenti minerali, materia organica, acqua, aria e organismi viventi. Rappresenta l’interfaccia tra terra, aria e acqua e ospita gran parte della biosfera. Visti i tempi estremamente lunghi di formazione del suolo, si può ritenere cheesso sia una risorsa sostanzialmente non rinnovabile. Il suolo ci fornisce cibo, biomassa e materie prime; funge da piattaforma per lo svolgimento delle attività umane; è un elemento del paesaggio e del patrimonio culturale e svolge un ruolo fondamentale come habitat e pool genico. Nel suolo vengono stoccate, filtrate e trasformate molte sostanze, tra le quali l’acqua, i nutrienti e il carbonio. Per l’importanza che rivestono sotto il profilo socioeconomico e ambientale, tutte queste funzioni devono pertanto essere tutelate”.

Da Roma all’Università di Padova. Insieme allo sforzo per diffondere la consapevolezza sulle minacce al territorio, nei prossimi quattro anni gli scienziati coinvolti nel progetto europeo RECARE, tra cui quelli del DAFNAE dell’Università di Padova, si impegneranno, con il contributo di chi nel concreto ha il compito di gestire i suoli – agricoltori, tecnici, amministratori, ecc. – ad identificare le misure pratiche per assicurare che i processi degradativi a cui stiamo assistendo in Europa non vengano solo arrestati ma, ove possibile, invertiti. Lavorando su 17 casi studio in tutta Europa, dall’Islanda a Cipro, questi scienziati stanno sviluppando soluzioni ai problemi quali alluvioni e frane, desertificazione ed erosione dei suoli, compattamento, inquinamento, perdita di biodiversità e di sostanza organica, aumento della salinità e impermeabilizzazione.

Il Dr. Rudi Hessel di Alterra (Olanda), leader di RECARE, ritiene che “spesso tutto quello che di cui si sente parlare riguarda solo gli aspetti negativi, mentre la buona notizia è che in progetti come RECARE non stiamo solo sviluppando risposte pratiche ai problemi ambientali, ma contemporaneamente lavoriamo con coloro che gestiscono i suoli per rendere queste soluzioni applicabili. Noi tutti tendiamo ad ignorare il suolo finché non succede qualcosa di grave. Parte del nostro compito in RECARE è di individuare le migliori soluzioni a portata di mano”.

Francesco Morari del Dipartimento di Agronomia dell’Università di Padova e responsabile italiano del progetto, sostiene che “ai suoli non si possono applicare confini nazionali perché i processi fisici e biologici a cui sono sottoposti sono gli stessi in ogni luogo. Lavorare con i colleghi di tutta Europa implica la possibilità di scambiare conoscenze ed esperienze, utilizzando un bagaglio scientifico più ampio per risolvere problemi comuni”.

Nel 2015, in coincidenza con l’Anno Internazionale dei Suoli, RECARE parteciperà ad una serie di eventi europei per promuovere la consapevolezza sulle minacce al territorio e sulle soluzioni tecnologiche e di gestione di questi problemi. Il 16 Dicembre si terrà inoltre a Mira (Venezia) il primo workshop di RECARE con i portatori di interesse veneti. Una ventina di rappresentanti delle istituzioni, della ricerca, delle associazioni di categoria, liberi professionisti, ambientalisti, ecc., si confronterà per individuare le possibili soluzioni di intervento per proteggerei suoli del Veneto.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende