Home » Comunicati Stampa » Top Utility Award, i premiati della prima edizione:

Top Utility Award, i premiati della prima edizione

ottobre 24, 2012 Comunicati Stampa

Sono Hera, Enel, A2a, Smat Torino e Marche Multiservizi le aziende vincitrici del primo Top Utility Award, il premio alle eccellenze italiane del settore utility che portano nelle nostre case l’energia elettrica, il gas, l’acqua e gestiscono i rifiuti. Il premio speciale Mezzogiorno è andato invece ad Aqp (Acquedotto Pugliese), Amap Palermo e Salerno Energia.

L’award – il primo che non si basa sulle scelte di una giuria ma su un innovativo metodo di analisi scientifica applicato ai dati aziendali, in modo da valorizzare le migliori pratiche – è stato assegnato ieri a Roma in occasione del convegno “Le utilities per lo sviluppo economico e sociale dell’Italia. Le eccellenze dei servizi pubblici per la rinascita del nostro Paese”.

Cinque le categorie premiate: oltre al Top Utility Award assoluto (Hera), sono stati assegnati i premi alla Sostenibilità (A2a), alla Comunicazione (Enel), a Clienti e sviluppo del territorio (Marche Multiservizi) e a Tecnologia e innovazione (Smat).

I ricercatori, guidati da Alessandro Marangoni, direttore scientifico di Top Utility Award, hanno passato al setaccio cento aziende italiane: un universo tutto sommato in salute, in grado di dare lavoro a 130mila dipendenti per un fatturato complessivo di 111 miliardi di euro, che nel 2011, nonostante la crisi, ha continuato a investire per un totale di 2,7 miliardi.

Nel complesso, le imprese “da podio” negli ultimi anni hanno fatto significativi progressi, ma il sistema regolamentare non le ha supportate in modo adeguato. Le prime dieci utility tricolori, spiega l’analisi, hanno performance paragonabili ai grandi player europei. I servizi pubblici nel loro complesso hanno investito lo 0,2% del Pil in tecnologia e innovazione. E sono le aziende dell’acqua ad avere contratto i maggiori debiti per modernizzare e ridurre le perdite della rete, investendo il 13,2% del fatturato.

Le utility si dimostrano inoltre particolarmente sensibili ai temi sociali: l’80% ha un codice etico e certifica Qualità e Ambiente, tanto che le aziende produttrici di energia elettrica emettono meno CO2 rispetto alla media del mix energetico italiano e il 58% rende pubblico il proprio bilancio (per 34 aziende su cento si tratta di un bilancio di sostenibilità). Non solo, fanno anche meglio la raccolta differenziata, raggiungendo un target del 49% contro una media nazionale pari al 35,3%. Altri elementi chiave sono il rapporto con i clienti e lo sviluppo del territorio. In proposito, oltre il 60% delle società ha realizzato negli ultimi anni indagini di customer satisfaction, il 41% delle quali nel 2011.

Il lavoro di analisi condotto per il primo Top Utility Award “sfata il mito secondo cui le imprese italiane sarebbero meno efficienti – osserva Alessandro Marangoni, autore della ricerca – pur comprendendo realtà molto diverse, dai grandi incumbent alle piccole aziende locali”. “La valutazione dei risultati economico-finanziari – prosegue Marangoni – mostra anzi che le nostre maggiori utility sono in linea con quelle europee, nonostante la dimensione nettamente inferiore. In termini di Ebitda (l’utile operativo lordo, Ndr) sul fatturato, l’aggregato delle top ten italiane presenta un valore medio intorno al 22%, superiore a quello europeo, che si attesta al 16,5%. Colossi europei con ricavi dieci volte maggiori di alcune nostre local utility quotate hanno Ebitda molto inferiori”.

I temi della sostenibilità e della responsabilità sociale, della valorizzazione e della promozione del territorio sono da sempre la nostra bussola – commenta Adolfo Spaziani, direttore di Federutility, uno dei soggetti promotori del premio – Va da sé che il valore delle utility come motore di sviluppo e crescita del Paese deve essere supportato adeguatamente dalle istituzioni, attraverso politiche coerenti e lungimiranti, per realizzare insieme un contesto di servizi sempre più qualificante e virtuoso”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

gennaio 30, 2018

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d’urgenza oggi dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva già messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende